Via i maledetti turisti dal nostro Canavese

+ Miei preferiti
Via i maledetti turisti dal nostro Canavese
La storia del letame contro i parapendisti di Cuorgnè segue di una decina di giorni il posizionamento dei chiodi contro la via ferrata di Pont Canavese. Due episodi, lontani tra loro, ma affini, purtroppo, per il messaggio. In questi mesi si fa un gran parlare del Canavese come “polo turistico”. Convegni, progetti, protocolli d’intesa. Poi, dove il turismo c’è già e si lavora da decenni per la sua promozione, spuntano comportamenti aberranti, ottimi per fare in modo che i pochi visitatori della nostra zona decidano di starsene a casa. Purtroppo (e il caso di Cuorgnè lo dimostra in pieno) c’è una mal sopportazione, in Canavese, della gente che arriva da fuori. Stiamo bene con noi stessi, salvo poi lamentarci se il territorio cola a picco, si perdono posti di lavoro e non s’intravede uno straccio di ripresa.

Del resto il Canavese è da sempre la terra delle occasioni mancate. Anche dal punto di vista turistico. Basti pensare al flop del castello di Agliè post Rivombrosa, alla mancata promozione del Parco nazionale del Gran Paradiso che tutti credono si trovi in Valle d’Aosta, o al millenario di Re Arduino (che cade proprio quest'anno) per il quale, ancora, non è stato presentato nemmeno uno straccio di programma degli eventi...

Ovvio che episodi come quello di sabato contro i parapendisti vadano esattamente in quella direzione. Basta con gli stranieri in Canavese. Basta con la gente che viene da fuori (e questo non vale solo per i profughi). Gli interessi privati vengono prima. E su questo, oltre ai chiodi di Pont, va menzionata anche l’installazione di cavi d’acciaio a Forno, l’anno scorso, per ferire i corridori del Trail del Monte Soglio. Il “mal di gente”, insomma, continua a far proseliti. Sembra incredibile, nel 2015, che possano venir fuori atteggiamenti degni del medioevo, oggi che il mondo è “leggermente” cambiato. Purtroppo il sogno di un Canavese turistico cozza irrimediabilmente con la realtà dei fatti. E con la consapevolezza, triste, che l’episodio del letame di Cuorgnè, probabilmente, non sarà nemmeno l’ultimo…

Altri post di Alessandro Previati
AGO
23
Questa volta c'erano altre soluzioni praticabili alla chiusura definitiva della stazione. E grazie alla mobilitazione popolare, guarda caso, sono state adottate. Bravi i pendolari...
LUG
25
L'ennesimo capitolo della telenovela Asa posticipa la chiusura della vicenda ancora di qualche anno. Hanno vinto i (piccoli) Comuni ma i debiti dal 2008 al 2010 vanno comunque ripianati... E c'č il rischio di una beffa
GIU
12
Ci sono anche un paio di denunce dai carabinieri. La procura di Ivrea chiederą lumi all'aeronautica, almeno per avere conferma di quello che č successo...
MAR
1
Chi l'ha detto che le nuove generazioni sono prive di valori? Per caritą, di episodi poco edificanti, purtroppo, ne sono piene le cronache. Tuttavia, per fortuna, ci sono anche gesti che fanno ben sperare per il futuro...
DIC
19
Da appassionato di ferrovie, anche quelle in miniatura, non posso che essere felice se la Regione annuncia (dopo decenni) l'elettrificazione della Rivarolo-Pont...
Prossima fermata? Chissą...
di Alessandro Previati
Twitter IconFacebook Icon
Alessandro Previati, classe 1982 (l’anno dei Mondiali), festeggia il compleanno il 24 giugno, quando a Torino fanno i fuochi. Ferrarese d’origine (e tifoso della Spal) ma nato a Torino, quattro anni fa č stato catapultato in Canavese. Collabora con il quotidiano La Stampa e il settimanale Il Risveglio, dopo aver scritto, per anni, su La Voce, Il Canavese e Sprint&Sport (da quando aveva 14 anni). Dal 3 ottobre 2013 č «direttore» di Qc. Tra virgolette. Perché guai a prendersi troppo sul serio.
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore