Due artisti, un unico destino...

+ Miei preferiti
Due artisti, un unico destino...
La Pinacoteca Albertina di Torino nella seconda metà dell’Ottocento offriva un valido sussidio didattico agli studenti dell’Accademia delle Belle Arti, dove uno dei più promettenti allievi fu il pittore canavesano Carlo Bonatto Minella, nato a Frassinetto nel 1855. Nella Pinacoteca torinese, nei giorni scorsi, ho avuto modo di sentire, grazie alla regia magistrale di un premio a lui dedicato, la biografia del Bonatto Minella, un pittore fino a qualche anno fa sconosciuto ai non addetti ai lavori, ma dalle grandi qualità artistiche. 
 
La storia che il Direttore dell’Accademia delle Belle Arti di Torino, Salvo Bitonti, ha raccontato durante la cerimonia di premiazione dei vincitori del terzo premio Carlo Bonatto Minella, sulla breve vita del pittore canavesano, mi ha rimandato alla biografia di un altro grande artista, figlio della stessa terra: il poeta Guido Gozzano.  Le similitudini e le sovrapposizioni tra questi due personaggi sono intriganti, entrambi sono vissuti nella seconda metà dell’800 (Bonatto Minella dal 1855 al 1878, Gozzano dal 1883 al 1916), entrambi con profonde origini canavesane, entrambi hanno raggiunto il sonno eterno in età giovanissima, l’uno a ventitré, l’altro a trentatré anni, a causa dello stesso “mal sottile”. Idue artisti hanno trascorso parte della loro vita nelle case di campagna del Canavese, l’uno a Frassinetto, l’altro ad Agliè, la vita artistica a Torino. 
 
Bonatto Minella e Gozzano sono stati influenzati nelle attività, così come anche nella vita, dalla malattia che ne condizionò l’umore e i sentimenti fino alla prematura morte. Le opere dei due artisti canavesani sono espressione della sensibilità di chi viene colpito dal male che consuma lentamente il corpo a cui Bonatto Minella e Gozzano alternarono ribellione e accettazione. Le opere di entrambi, pittoriche e letterarie, furono intrise da velata tristezza e da forte emotività. La vita dei due artisti canavesani e le loro opere ci trasmettono le sfumature dell’animo umano. 
 
Questi due personaggi, generati nella nostra terra canavesana, sono esempi che permettono di rendere più “nobile” il Canavese. Una parentela virtuale unisce Bonatto Minella e Gozzano, originata dal comune amore per la terra d’origine e per la bellezza delle cose della vita, di cui oggi riscopriamo il giusto valore.  
 
L’aver fatto conoscere in tutto il mondo le opere di Carlo Bonatto Minella è merito del premio a lui dedicato e di chi l’ha ideato e creato. L’accostamento al poeta crepuscolare Guido Gozzano, consente di avere un’arma in più per esportare la pittura e la letteratura canavesana oltre i confini nazionali. L’occasione del centenario della morte del poeta crepuscolare, che si celebrerà nel 2016, può essere propizia per fare sinergia “post mortem” tra due tra i più grandi personaggi a cui il nostro territorio ha dato le origini: Carlo Bonatto Minella e Guido Gozzano. 
 
(Nella foto «La religione dei trapassati» di Carlo Bonatto Minella -  Frassinetto Canavese (TO), 1855-1878). 
Altri post di Alberto Rostagno
DIC
19
L'amministrazione comunale ha messo in campo tutte le risorse disponibili per fare crescere la comunità, per dare rispostealle tante esigenze quotidiane, per rendere sempre di più la nostra città di Rivarolo polo strategico di riferimento
MAR
29
Ogni qualvolta celebro un matrimonio le sensazioni variano, ma sono tutte improntate all'ottimismo e alla condivisione. Ogni matrimonio ha una sua storia, una sua dimensione, tante emozioni.
MAR
14
Nel programmare l’estensione del nuovo piano regolatore della città di Rivarolo abbiamo dato indicazioni ben precise, considerando l’aspetto della bellezza e il recupero del bello come punto fondamentale
GEN
6
Quest'anno si celebrano molti personaggi importanti in Canavese. L'invito è non disperdere le celebrazioni: serve fare sistema, coinvolgendo il territorio
DIC
30
Per il benessere della nostra città, per il nostro benessere e per quello dei nostri figli, iniziamo da Rivarolo, iniziamo dal modo più semplice: smettiamo di fumare e non utilizziamo l’auto in città, andiamo a piedi o in bicicletta
RIVAROLO: oggi e domani
di Alberto Rostagno
Rivarolese, sposato con due figli.
Di professione Medico Chirurgo con ambulatorio in Rivarolo.
E' da sempre uno sportivo praticante ed organizzatore di grandi eventi sportivi.
Innamorato del "verde Canavese" e attento ai temi ambientali.
Vice Sindaco del Comune di Agliè dall'anno 2009 all'anno 2014 Dal 26 maggio 2014 è Sindaco della Città di Rivarolo Canavese
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore