La nostra identità, così forte e così sentita, è nel nostro essere canavesani

+ Miei preferiti
La nostra identità, così forte e così sentita, è nel nostro essere canavesani
È un rapporto profondo e sincero quello che lega i cittadini canavesani alla Fiera del Canavese. La Fiera del Canavese si ripresenta quest'anno dopo il ritorno dello scorso anno in veste rinnovata per sollecitare un continuo interesse. Con la fiera, il territorio del Canavese si mette in vetrina e cerca di mostrare quanto ha di meglio nei numerosi stand di promozione delle eccellenze economico produttive, alle eccellenze gastronomiche, culturali, storico-artistiche.
 
Possiamo renderci conto oggi che abbiamo una città è un territorio vivi, dinamici, caratterizzati da una diversificazione economica, grazie all'inventiva di tanti canavesani. Gente, la nostra, da sempre laboriosa, che fa del proprio lavoro i tratti più significativi della propria dignità e del proprio modo di essere. Questa fiera è una piazza su cui molti imprenditori e attività commerciali hanno deciso di essere presenti per investire in promozione.
 
Questa fiera non è solo una festa commerciale, è la festa di tutti i canavesani. È la nostra festa, associazioni sociali e culturali del Canavese si adoperano per mostrare il lavoro svolto senza tanti clamori durante l'anno. È la nostra festa perché la fiera, trasformandosi in una grande arena, offre eventi artistici, culturali e sportivi di qualità, gratuitamente a tutti. La nostra identità, così forte e così sentita, è nel nostro essere canavesani. È un segno della nostra storia e della nostra cultura che non va perso, ma trasmesso di generazione in generazione.
 
Il mio auspicio è che l'identità di noi canavesani, il nostro spirito creativo, sincero, genuino possa essere messo a disposizione di tutti. Perché il coinvolgimento, l'impegno, la passione e la reciprocità, che nella fiera si concretizzano così bene nel lavoro di tanti imprenditori, diventino una base, un terreno anche per altre azioni, sociali e culturali. Le fiere sono sempre occasione di incontro, di scambio, di confronto. Ma sono anche il termometro della situazione economica e produttiva di un territorio. La nuova fiera del Canavese, non sfugge a questa regola. La crisi economica e sociale ha colpito anche il nostro territorio. Calo dell'occupazione, aumento del numero di disoccupati, soprattutto giovani, crescita del disagio sociale, sono indici di una situazione di difficoltà. Ricordo con affetto i tanti cittadini canavesani che ancora oggi hanno perso o stanno perdendo il posto di lavoro. Per loro chiedo l'impegno delle istituzioni con l'abbraccio sincero di tutta la comunità della fiera del Canavese.
 
È un momento questo che impone una riflessione sui nostri stili di vita, sui nostri sistemi di produzione, sul modo di guardare al futuro e alle grandi sfide che abbiamo di fronte. Ho ben presente il contesto economico in cui si svolge la fiera, ma ho ben chiari anche gli aspetti positivi che caratterizzano la nostra economia. Molte delle nostre imprese manifatturiere commerciali in questo periodo sono cresciute in termini di dinamismo e di risultati conseguiti. Anche nel buio della recessione troviamo gli elementi positivi per guardare con fiducia al futuro perché è su questi fattori che dobbiamo puntare con forza. Dobbiamo imparare a vivere sprecando meno energia, utilizzando nuovi sistemi produttivi ed una mobilità sostenibile, consumando meno territorio, riutilizzando di più è meglio ciò che ora buttiamo. Con la nuova fiera del Canavese diamo anche un messaggio ed un preciso orientamento in questa direzione. La fiera del Canavese è l'occasione per riflettere su questi temi, per esporre le innovazioni delle nostre imprese, innovazione di processo e di prodotto. 
 
Al tempo stesso all'intero nostro sistema istituzionale, attraverso la collaborazione, l'Unione e la sinergia tra Comuni deve contribuire a superare le difficoltà attuali su un orizzonte strategico nuovo. Questa deve essere la forza di un territorio con forti potenzialità, determinato, coeso ed anche dotato di una giusta ambizione. La nuova fiera del Canavese non vuole essere solo una fiera commerciale, vol essere un modo di pensare al Canavese e di essere canavesani. Buona Fiera del Canavese a tutti.
Altri post di Alberto Rostagno
AGO
14
In questi giorni si avverte la necessità di fermarsi, di riposare, di condividere con la famiglia e con gli amici alcuni momenti di tranquillità. Purtroppo non tutte le preoccupazioni cessano con le vacanze...
MAR
25
Le tante iniziative messe in campo fino ad oggi a vari livelli non hanno portato i risultati sperati. L’abbandono di rifiuti è in costante aumento, così come l’inciviltà delle persone...
MAR
13
Il grande rispetto che nutriamo per Voi concittadini rivarolesi, ci impone di sgomberare il campo dalle falsità espresse nel giornalino “Riparolium” che avrete ricevuto in questi giorni
DIC
19
L'amministrazione comunale ha messo in campo tutte le risorse disponibili per fare crescere la comunità, per dare rispostealle tante esigenze quotidiane, per rendere sempre di più la nostra città di Rivarolo polo strategico di riferimento
MAR
29
Ogni qualvolta celebro un matrimonio le sensazioni variano, ma sono tutte improntate all'ottimismo e alla condivisione. Ogni matrimonio ha una sua storia, una sua dimensione, tante emozioni.
RIVAROLO: oggi e domani
di Alberto Rostagno
Rivarolese, sposato con due figli.
Di professione Medico Chirurgo con ambulatorio in Rivarolo.
E' da sempre uno sportivo praticante ed organizzatore di grandi eventi sportivi.
Innamorato del "verde Canavese" e attento ai temi ambientali.
Vice Sindaco del Comune di Agliè dall'anno 2009 all'anno 2014 Dal 26 maggio 2014 è Sindaco della Città di Rivarolo Canavese
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore