Glik re dei clic

+ Miei preferiti
Glik re dei clic
Tutto comincia con la cronaca del fallaccio a Giaccherini nel derby, con Bergomi e Caressa che dal tono l’avrebbero buttato fuori ancora prima dell’arbitro. Da lì a “Glik Glik Glik Glik Glik” il passo è breve. Ci voleva Kamil, il gigante polacco che tremare le caviglie fa, per lanciare un tormentone Toro da intonare (o quello che è) in Maratona.
 
Quel “Glik Glik Glik Glik Glik” abbinato alla maglietta “Keep calm and trust in Glik” si intitola “Glik – fuori al 35’” ed è la canzone del rapper Willie Peyote (ovvero Gugliemo Bruno) che su YouTube è già un record di (c)lik. “Questo ragazzone polacco è un simbolo di un’attitudine diversa di approcciarsi sia al calcio sia alla vita, la stessa che mi ha spinto a tifare Toro. Il mio brano parla di coloro che devono conquistarsi tutto con le unghie e con i denti e magari passano per cattivi”, è il sunto del rapper. 
 
Ma per capire di cosa stia parlando bisogna pescare qua e là qualche passaggio. Del tipo: “I tuoi eroi fanno cilecca sul più bello… fighetti strapagati come Matri e Borriello…esproprio proletario ti entro in casa col crick… fanculo i radical chic restiamo hardcore come Kamil Glik”. Il forcone con le scarpette bullonate, ecco. Sarà un caso, ma questa settimana di caos e di proteste di strada l’ha aperta lui, il Polaccone, con un gol in mischia che ci ha fatto battere la Lazio. No che non è un caso. E’ Glik Glik Glik Glik…
Altri post di Alessandro Ballesio
MAR
18
Un canavesano alla maratona di Gerusalemme, l'ultima grande kermesse prima della visita di Papa Francesco. Il diario dell'impresa, giorno per giorno, in esclusiva su QC
FEB
21
Domenica c'è il derby della Mole. L'ultima vittoria del Torino risale al 9 aprile del 1995
FEB
14
San Valentino. Il primo raggio di sole si fa spazio tra vette troppo ingombranti e torna ad illuminare la piccola frazione di Locana
GEN
22
Andy Leeano da Wirosaban, isola di Giava, ha attraversato il pianeta a bordo della sua due ruote Piaggio. Tifosi e club hanno cercato di tingergli di granata perfino la Vespa...
GEN
6
«Heysel e Superga, tragedie sorelle» in una mostra unica. Che sia l’occasione per redimerci (granata e gobbi) di fronte a tutti gli appassionati di calcio?
Ti...Toro!
di Alessandro Ballesio
Twitter IconFacebook Icon
Giornalista canavesano trapiantato a Vercelli, è nato l'anno giusto: il 1976, quando il Giro d'Italia fece tappa a una manciata di chilometri da casa sua, a Ozegna, ma soprattutto quando Pulici, Graziani e Claudio Sala regalarono l'ultimo scudetto e l'unica fede possibile. Cinque anni fa, nel palazzetto dello sport di Castellamonte, ha avuto il privilegio di sfidare a calcetto alcuni dei suoi eroi. Si narra che il Poeta gli abbia rifilato sette tunnel in meno di quindici minuti.
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore