La Vespa di Andy

+ Miei preferiti
La Vespa di Andy
Non so quanti tifosi e club hanno cercato di tingergli di granata perfino la Vespa. Qualche mese fa di Andy Leeano da Wirosaban, isola di Giava, hanno parlato siti specializzati dello scooter più famoso al mondo ma anche quotidiani e tabloid più popolari: ha attraversato il pianeta a bordo della sua due ruote Piaggio del 1961, cilindrata 150, seimila chilometri dall’Indonesia a quella che lui ha sempre considerato la “terra promessa”.
 
La terra di Corradino D’Ascanio: l’Italia, Pisa, o ancora meglio Pontedera, il paese della fabbrica che ha fatto sognare una nazione intera. In pochi mesi ha completato un’impresa titanica, Andy, l’unico vero custode della leggenda Vespa in una provincia remota come quella di Yogyakarta. E in mezza Italia è stato festeggiato in ambasciate e per le vie delle città con cortei e banchetti.
 
Ne parlo volentieri perché è una storia che mi ha affascinato, perché amo la Vespa (ne ho una uguale alla sua, anche se per adesso è stata meno“eroica”) e il coraggio di Andy ha fatto impazzire noi patiti. Ne parlo sul blog del Toro perché un sacco di amici hanno cercato di appiccicare un credo sportivo a quella carrozzeria d’antan, ma nonostante una corte serrata lui non è sembrato molto interessato (e, va detto, neanche all’Inter, ma eravamo prima di Tohir).
 
Ne parlo adesso perché pochi giorni fa ho scoperto sulla sua pagina Facebook  che si è appena sposato con la sua Adel. Dalle sue parti il nostro “auguri e figli maschi” si dice così: SLAMAT!
 
Altri post di Alessandro Ballesio
MAR
18
Un canavesano alla maratona di Gerusalemme, l'ultima grande kermesse prima della visita di Papa Francesco. Il diario dell'impresa, giorno per giorno, in esclusiva su QC
FEB
21
Domenica c'è il derby della Mole. L'ultima vittoria del Torino risale al 9 aprile del 1995
FEB
14
San Valentino. Il primo raggio di sole si fa spazio tra vette troppo ingombranti e torna ad illuminare la piccola frazione di Locana
GEN
6
«Heysel e Superga, tragedie sorelle» in una mostra unica. Che sia l’occasione per redimerci (granata e gobbi) di fronte a tutti gli appassionati di calcio?
DIC
13
Ci voleva Kamil, il gigante polacco che tremare le caviglie fa, per lanciare un tormentone Toro da intonare in Maratona. Glik Glik Glik Glik Glik...
Ti...Toro!
di Alessandro Ballesio
Twitter IconFacebook Icon
Giornalista canavesano trapiantato a Vercelli, è nato l'anno giusto: il 1976, quando il Giro d'Italia fece tappa a una manciata di chilometri da casa sua, a Ozegna, ma soprattutto quando Pulici, Graziani e Claudio Sala regalarono l'ultimo scudetto e l'unica fede possibile. Cinque anni fa, nel palazzetto dello sport di Castellamonte, ha avuto il privilegio di sfidare a calcetto alcuni dei suoi eroi. Si narra che il Poeta gli abbia rifilato sette tunnel in meno di quindici minuti.
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore