BOSCONERO - Nasce «Veramente io mi chiamo Filippo», il festival di Teatro e disabilità

| Il festival è anche un concorso: alla fine della rassegna verrà infatti premiata la compagnia con maggior gradimento di pubblico

+ Miei preferiti
BOSCONERO - Nasce «Veramente io mi chiamo Filippo», il festival di Teatro e disabilità
«Veramente io mi chiamo Filippo» è Festival di Teatro e disabilità che si svolgerà da domenica 8 a domenica 14 ottobre al Teatro di Bosconero, in via Villafranca, 5. Il festival è anche un concorso: alla fine della rassegna verrà infatti premiata la compagnia con maggior gradimento di pubblico. Questo evento ha lo scopo di offrire la possibilità a tanti ragazzi di mettere in mostra le “abilità differenti”, un incontro tra artisti che hanno oltrepassato il loro “limite” offrendo al pubblico se stessi e ciò che sanno fare, senza barriere e senza paure. Teatro, danza, musica: discipline in cui tantissime persone disabili esprimono emozioni, creano, stupiscono. Con una bravura unica. Dimostrando che i desideri si possono realizzare, che cambiando punti di vista si possono scorgere immagini di cui non si conosceva l’esistenza, che la diversità può essere portatrice di una ricchezza enorme in termini di cultura e conoscenza.

Questa iniziativa vuole davvero cambiare l’approccio nei confronti della disabilità: perché le abilità differenti hanno dato mille prove della loro straordinaria capacità di stupire. Il teatro per imparare a comunicare davvero, a rapportarsi con il diverso in maniera autentica. Perché ogni persona è portatrice di un pezzo di vita, di una storia, di un modo del tutto unico di percepire la realtà. Le diversità fisiche, psichiche e sensoriali non vengono considerate come motivo di discriminazione ed emarginazione, ma come occasione di scambio reciproco e di crescita comune.
“Veramente, io mi chiamo Filippo” è un progetto che ha l'ambizione di abbattere tutti quei preconcetti e le distanze che spesso si pongono tra il mondo dei normodotati e la disabilità.

La necessità di dialogare, classificare le persone in base alle proprie capacità e abilità ci porta spesso a dimenticare che l'unica cosa che ci differenzia gli uni dagli altri è il nome: tutte le altre diversità devono essere sinonimo di ricchezza, risorsa, accettazione e chissà quanto altro ancora. Obiettivo de “L'Officina” è quello di avvicinare il pubblico e promuovere l'arte in tutte le sue forme e veicolare il messaggio che tutti hanno la possibilità di esprimere sentimenti, emozioni e sensazioni attraverso il teatro, la musica e la danza e qualsiasi altra disciplina artistica. Da sempre lo guardo alla disabilità in ambito teatrale è uno degli elementi che caratterizza l'impegno sociale dell'associazione e da molti anni, nell'ambito delle proprie rassegna e concorsi teatrali il direttivo dell'associazione inserisce, all'interno della giuria, una persona disabile.

In più occasioni sono state ospitate compagnie integrate o aventi al proprio interno un gran numero di persone disabili e ogni volta il termometro delle emozioni saliva a temperature davvero impressionanti. Tale rimando ha fatto nascere il desiderio di organizzare un festival all'interno del quale la disabilità fosse la protagonista assoluta.

PROGRAMMAZIONE DEL FESTIVAL
Domenica 8 ottobre
ORE 20:30 “Ricomincio da me…e da voi” a cura dell’Associazione Liceo Musicale di Rivarolo

“Ricomincio da me... e da voi” è il frutto di un progetto condiviso dalle tre associazioni il cui scopo era di favorire il dialogo tra persone detenute e studenti, di parlare ai giovani coi giovani.

Dopo la pubblicazione del libro autobiografico “Radici violate”, di Giuseppe Catalano, è nata l’idea di accompagnarlo con un CD in cui riunire testi inediti e musiche dello stesso autore. Ex- detenuto del carcere di Milano Opera, noto come “Beddazzo”, da anni corsista del progetto Cisproject - Leggere Libera-Mente, col libro autobiografico “Radici violate” apre un dialogo fra chi, dopo aver vissuto il dramma del carcere, vuole aiutare chi si affaccia alla vita a comprendere i rischi di una mentalità senza regole, ai confini della illegalità, e abbattere al tempo stesso i pregiudizi verso le persone detenute.

Giuseppe CATALANO è anche il vincitore del 1° premio del concorso letterario per poeti della canzone “Oltre il muro del carcere”, indetto da Parole Liberate. Nell'autunno del 2016, in virtù di un percorso di riabilitazione che lo ha interiormente trasformato, è stato nominato Cittadino Onorario di Trezzano sul Naviglio, da anni suo comune di residenza. Riconoscimento che gli ha restituito una nuova dignità.

Oltre alle poesie di Catalano, protagonisti assoluti del Cd sono 30 ragazzi dell'associazione Liceo Musicale di Rivarolo coordinati dal direttore artistico, Sonia Magliano, insieme ai maestri Paolo BERSANO, Laura CONTI, Alberto OCCHIENA, Dario SALOMONE, Francesco VECCHIA, Maurizio VERNA, con la partecipazione di Guido BARTALESI. Con entusiasmo e sensibilità, hanno colto anche i significati del lavoro portato avanti, da dieci anni ormai, anche da Barbara Rossi, presidente Cisproject - Leggere Libera-Mente e dai suoi stretti collaboratori: Daniela Bianchini, Renzo Magosso, Paolo Romagnoli, Martino Menghi, Duccio Demetrio, Paola Maffeis. La sinergia di intenti delle 3 associazioni ha portato il progetto ad evolvere fino al risultato odierno: un libro e un cd per pensare, testimonianza che attraverso un libro a 360 gradi, dalla lettura alla scrittura alla poesia, alle canzoni, per sfociare nella musica, tutto concorre a far crescere l'animo umano.

Tutto il progetto è in linea con due citazioni, particolarmente appropriate, che ribadiscono l'attualità del tema. La prima, di Cesare Beccaria:... il piú sicuro ma piú difficil mezzo di prevenire i delitti si è di perfezionare l'educazione... (Dei delitti e delle pene, cap. XLV)“; la seconda del Presidente della Repubblica Mattarella, che in occasione della festa della Polizia Penitenziaria 2016 ha affermato: “Bisogna garantire sicurezza alla comunità ma anche offrire opportunità di istruzione, di lavoro ai detenuti", riprendendo un concetto già espresso da Beccaria: le punizioni non siano vendette, ma risarcimenti, tanto del singolo verso la collettività quanto di questa verso il “reo” : le pene devono pertanto essere socialmente utili e " dolci ", volte al recupero e non alla repressione.

Venerdì 13 ottobre
ORE 20:30 “Andare a tempo” a cura della Compagnia ESSERE O NON ESSERE della Cooperativa Andirivieni di Rivarolo
Sabato 14 ottobre
ORE 18:00 “Ma guarda che articolo!?!” a cura di ANffAS COMUNITÀ La torre di Rivarolo
A seguire apericena a cura della Pro Loco di Bosconero.
ORE 20:30 “Terra Mia” a cura della Compagnia Teatrale CENTRO JÔBÊL di Trani
Domenica 15 ottobre
ORE 16:30 “Una sedia per cappello” a cura di Compagnia FUORI DAI PARAGGI dell’Associazione Cascina Macondo di Chieri
A seguire merenda a cura della Pro Loco di Bosconero.
ORE 18:00 “La paura fa spavento” a cura della compagnia Teatrale della Cooperativa Stranaidea di Torino
ORE 19:00 premiazione del Festival e premiazione del concorso “FILIPPO, IL MIO COMPAGNO DI BANCO” promosso in tutte le scuole di ogni ordine e grado del Canavese
Per informazioni e prenotazioni: 333/27.83.582 (dopo le 18) - www.lofficinadellarte.org

Made in Canavese
CASTELLAMONTE - Il bel progetto dei ragazzi del Faccio ospiti della casa di riposo di Favria - FOTO
CASTELLAMONTE - Il bel progetto dei ragazzi del Faccio ospiti della casa di riposo di Favria - FOTO
Le fotografie ritratto sono state scattate durante l’anno scolastico 2017/18 alla presenza del tecnico della fotografia Barbara Mercurio
AGLIE' - Esce il singolo «Tremila parole» della cantante alladiese Sonia Fortunato - VIDEO
AGLIE
La giovane canavesana è stata allieva della classe di canto jazz di Laura Conti dell'associazione Liceo Musicale di Rivarolo
CANAVESE - Gli Antichi Mais protagonisti della trasmissione «Geo&Geo» su Rai tre
CANAVESE - Gli Antichi Mais protagonisti della trasmissione «Geo&Geo» su Rai tre
Il sangiorgese Loris Caretto che ha raccontato in diretta il ruolo dell'Associazione nata nel 2004 per la conservazione e valorizzazione delle antiche varietà
RIVAROLO - Vigili del fuoco muoiono in servizio: dopo 61 anni il commosso ricordo di tutto il Canavese - FOTO e VIDEO
RIVAROLO - Vigili del fuoco muoiono in servizio: dopo 61 anni il commosso ricordo di tutto il Canavese - FOTO e VIDEO
Giacomo Gindro, Antonio Merlo, Domenico Porello e Renè Sacchi. Sono i quattro vigili del fuoco che il 2 gennaio di 61 anni fa si sono sacrificati in servizio, morti mentre andavano a domare un incendio a Rocca Canavese
FRASSINETTO-RONCO CANAVESE - Piccole scuole di montagna insieme per conoscere il territorio
FRASSINETTO-RONCO CANAVESE - Piccole scuole di montagna insieme per conoscere il territorio
Iniziata nello scorso anno scolastico, nell’ambito dei Laboratori del Saper fare, continua anche nell'anno 2018-2019 la collaborazione tra le due piccole scuole di montagna
AGLIE' - Quindici anni fa andava in onda su Canale 5 la prima puntata di Elisa di Rivombrosa
AGLIE
Lo scorso 17 dicembre Elisa di Rivombrosa, la popolare serie tv di Mediaset, ha compiuto 15 anni. Tanti ne sono passati dalla messa in onda del primissimo episodio
SPARONE - Le letterine dei bimbi arriveranno a Babbo Natale grazie a Poste Italiane - FOTO
SPARONE - Le letterine dei bimbi arriveranno a Babbo Natale grazie a Poste Italiane - FOTO
Una speciale cassetta natalizia nell'ufficio postale di Sparone dedicata agli alunni della scuola primaria «Giovannina Costa» di via Locana
CARNEVALE DI IVREA - Il Libro dei Verbali al centro dell'immagine dell'edizione 2019
CARNEVALE DI IVREA - Il Libro dei Verbali al centro dell
È questa la visione data da Anna Godeassi, classe 1981, friulana di Pordenone ma milanese di adozione, una delle illustratrici più quotate dell’editoria italiana e internazionale
AGLIE' - Elfi, vespe e Babbo Natale: una domenica di festa per le famiglie
AGLIE
Con il Natale ormai alle porte anche il borgo ducale si colora dell'atmosfera che da sempre contraddistingue le festività natalizie: domenica 16 «Natale in Vespa con gli Elfi in Festa»
RIVAROLO CANAVESE - Il piccolo Luca Raggino candidato ad «Alfiere della Repubblica»
RIVAROLO CANAVESE - Il piccolo Luca Raggino candidato ad «Alfiere della Repubblica»
Il Comune di Rivarolo sosterrà la candidatura per l'Attestato d'Onore «Alfiere della Repubblica» al piccolo rivarolese Luca Raggino. Lo ha deciso la giunta del sindaco Alberto Rostagno
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore