CANAVESE - Volpi e lupi possono coesistere nel Parco del Gran Paradiso?

| E' in corso una ricerca per comprendere come si siano modificate le abitudini alimentari della volpe in seguito all'arrivo del lupo in Valle Soana

+ Miei preferiti
CANAVESE - Volpi e lupi possono coesistere nel Parco del Gran Paradiso?
La dieta della volpe nel Parco Nazionale Gran Paradiso è già stata ampiamente studiata fin dagli anni ‘60 mediante lavori che hanno previsto l’analisi di campioni fecali provenienti da tutto il territorio del Parco. Tuttavia, nell’ultimo ventennio sono avvenuti importanti cambiamenti faunistici e ambientali. Tra questi, i più rilevanti sono stati la rapida espansione di capriolo e cinghiale nelle vallate piemontesi e la recente comparsa e affermazione del lupo in Val Soana, che ha così nuovamente occupato la posizione di predatore apicale nella catena trofica.
 
L’obiettivo di questa ricerca è di ricostruire la dieta della volpe in Val Soana per verificare quanto i recenti cambiamenti faunistici abbiano influenzato le abitudini alimentari di uno dei predatori generalisti più importanti e abbondanti del Parco. L’identificazione di eventuali variazioni nella dieta di questo carnivoro sarà possibile mediante il confronto con le precedenti indagini effettuate nell’area protetta. La raccolta dei campioni fecali si svolge lungo transetti prestabiliti, individuati in modo da interessare il maggior numero di tipologie ambientali, comprendendo un’escursione altitudinale molto ampia (da 850 a 2350 metri di quota.). I transetti coprono un totale di circa 45 km lungo strade e sentieri, e sono percorsi ogni 15 giorni dagli operatori sul campo.
 
La raccolta degli escrementi viene effettuata per il periodo di un anno, in modo da esaminare tutte le variazioni stagionali nella dieta della volpe. In base agli studi pregressi, la sopravvivenza di questa specie in inverno dipende essenzialmente dal consumo di carcasse di ungulati (comportamento opportunista), mentre nei mesi estivi la dieta è più varia, basata principalmente sul consumo di micro-mammiferi e frutti. L’aspetto più interessante indagato in questa ricerca è l’effetto della presenza del lupo sulle abitudini alimentari della volpe, specialmente nei mesi invernali.
 
La volpe, infatti, potrebbe trarre vantaggio dalle carcasse abbandonate dal lupo, ma allo stesso tempo potrebbe riscontrare delle difficoltà nello sfruttare questo tipo di risorsa, proprio per la competizione diretta con un antagonista più grande. La presenza nelle feci di una maggiore o minore quantità di resti alimentari riconducibili a carcasse di ungulato potrebbe costituire un importante strumento per comprendere come si siano modificate le abitudini alimentari della volpe in seguito all’arrivo del lupo, permettendo di stabilire di quale natura sia il rapporto di coesistenza tra questi due predatori nel Parco Nazionale del Gran Paradiso. I risultati possono essere estremamente preziosi dal punto di vista ecologico, permettendo una migliore comprensione dei meccanismi che regolano il funzionamento degli ecosistemi alpini tutelati dal Parco.
Made in Canavese
FORNO CANAVESE - «Arte in Forno», così le vetrine del paese diventano una mostra - FOTO
FORNO CANAVESE - «Arte in Forno», così le vetrine del paese diventano una mostra - FOTO
Le vetrine dei negozi, dall'otto ottobre al 30 novembre, si trasformeranno in una sorta di «atelier» per numerose opere d'arte
CUORGNE'-RIVAROLO - Torna «Due Città al Cinema»: si parte il 23 ottobre al Margherita - TUTTI I FILM
CUORGNE
Torna «Due Città al Cinema» al Margherita di Cuorgnè, la storica rassegna cinematografica promossa dalla sala cuorgnatese in collaborazione con i Comuni di Rivarolo e Cuorgnè
TURISMO - Settima edizione per «Una Montagna di Gusto», enogastronomia e territorio
TURISMO - Settima edizione per «Una Montagna di Gusto», enogastronomia e territorio
Serie di appuntamenti promossi dal Consorzio Operatori Turistici Valli del Canavese con il supporto di Regione, Turismo Torino e Provincia e Gal Valli del Canavese e Banca d'Alba
CASTELLAMONTE - Un murales di Corrado Bianchetti colora il centro sportivo - FOTO e VIDEO
CASTELLAMONTE - Un murales di Corrado Bianchetti colora il centro sportivo - FOTO e VIDEO
L'artista castellamontese da una semplice bozza è riuscito a realizzare qualcosa di indescrivibile. «Grazie Corrado, per l'impegno e per la passione, speriamo di riuscire a lavorare ancora insieme»
BABY ATTORI CRESCONO - E' canavesano il nuovo volto dei mitici Pampers - VIDEO
BABY ATTORI CRESCONO - E
Un'esperienza sul piccolo schermo è il sogno di tantissime persone. E c'è chi riesce nell'impresa con un sorriso grosso così. E' il caso del piccolo Tommaso, canavesano doc, figlio di Stefano e Alessia...
SAN GIUSTO CANAVESE - La 20enne Alessia Actis Giorgetto diplomata Professionista di Pasticceria
SAN GIUSTO CANAVESE - La 20enne Alessia Actis Giorgetto diplomata Professionista di Pasticceria
Durante il percorso di studi, tutti i ragazzi hanno affrontato importanti esperienze di stage in strutture d'eccellenza
LEINI - L'omaggio a Luciano Pavarotti inaugura la stagione teatrale - FOTO e VIDEO
LEINI - L
Un concerto di giovani voci, accompagnati al pianoforte dal maestro Paolo Andreoli, tra i più stretti collaboratori di Pavarotti, che dal palco, ha elogiato la scelta dell’amministrazione leinicese di investire in cultura
VALLE SOANA - Dopo i fiori, sotto con polenta e rutti: a Ingria non stanno mai fermi
VALLE SOANA - Dopo i fiori, sotto con polenta e rutti: a Ingria non stanno mai fermi
Dopo la premiazione dell'Entente Florale Europe che ha visto Ingria portare a casa una preziosissima e significativa medaglia d'argento, è tempo di tornare a proporre eventi turistici in paese
COLLERETTO GIACOSA - Bioindustry Park: in memoria di Silvano Fumero una giornata «out of the box»
COLLERETTO GIACOSA - Bioindustry Park: in memoria di Silvano Fumero una giornata «out of the box»
A 10 anni dalla prematura scomparsa del proprio fondatore Silvano Fumero e a 20 dalla sua inaugurazione, il Bioindustry Park organizza un'intera giornata per ricordarne la figura di scienziato e imprenditore intraprendente
RIVAROLO - Via le piante, così la città ha «riscoperto» il suo castello - FOTO
RIVAROLO - Via le piante, così la città ha «riscoperto» il suo castello - FOTO
Grazie ai volontari di ATC TO1 e ATC TO2 che, in settimana, si sono prodigati nell'abbattere molte piante malate, ora passando sulla cirvonvallazione di Rivarolo è finalmente visibile il Castello Malgrà
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore