CUORGNE' - All’Hiroshima Mon Amour di Torino nasce il «Mantra» degli Antinomia

| Sabato 27 settembre la giovane band «made in Canavese» presenta in anteprima il nuovo album in uscita il 3 ottobre. Da Torino parte il «Mantra Tour»

+ Miei preferiti
CUORGNE - All’Hiroshima Mon Amour di Torino nasce il «Mantra» degli Antinomia
Sabato 27 settembre gli Antinomia, la giovane band «made in Canavese», presenterà in anteprima all’Hiroshima Mon Amour di Torino il nuovo album intitolato “Mantra”, registrato, prodotto da Madaski e mixato da Mauro Tavella (Linea 77, Litfiba, Africa Unite) e Simone Squillario, la cui uscita è prevista per venerdì 3 ottobre. Quella torinese è la data zero del “Mantra tour” che vedrà la band di Cuorgnè impegnata in una serie di live in giro per l’Italia.
 
Energia e teatralità sono i due elementi imprescindibili dei live degli Antinomia a cui oggi si uniscono espedienti scenografici e musicali che rendono lo spettacolo unico e totalmente rinnovato, rispetto al passato. Quella di Torino sarà una serata all’insegna del rock italiano e un'occasione unica per la band nostrana di condividere con amici e collaboratori un’esperienza artistica che, senza ombra di dubbio, lascerà il segno. Durante il concerto all’Hiroshima sarà inoltre proiettato in anteprima il videoclip del primo singolo “Il sognatore”, estratto dall’album “Mantra”, interamente girato all’interno della futuristica metropolitana del capoluogo piemontese. 
 
“Mantra” arriva a due anni di distanza dal sorprendente esordio che ha visto gli Antinomia vincere, con il primo lavoro “Illusioni ottiche”, il contest per giovani band emergenti, promosso dagli storici Litfiba e Virgin Radio, che li ha portati ad esibirsi su prestigiosi palchi italiani. Ricordiamo lo straordinario concerto allo stadio Franchi di Firenze, insieme agli stessi Litfiba. Secondo capitolo di una trilogia dedicata all’uomo ed alla natura della sua psiche, non del tutto esplorata e determinata, “Mantra” si compone di undici tracce inedite attraverso le quali gli Antinomia lanciano un messaggio di speranza. L’urlo di una generazione annichilita che esige con forza un riscatto e con grande lucidità e determinazione definisce il proprio percorso, intriso di trappole e ostacoli che tendono a relegare il genere umano entro un’omologazione disumana e alienante.
 
“Mantra” si contraddistingue per una marcata presenza, nei brani, di tastiere ed elettronica che ben si sposa con il desiderio di contaminazione del suono, che la band ha voluto sperimentare in questo nuovo lavoro, perfettamente bilanciato dalla presenza di possenti chitarre che lasciano libero sfogo alla sezione ritmica di basso e batteria senza mai perdere di vista il ruolo della melodia, degli arrangiamenti e delle ambientazioni. 
 
Il sognatore è il brano apripista dell’album, nonché primo singolo, che ospita nei cori un cameo di Madaski. Un classic rock con venature elettroniche ed un ritmo incalzante; la seconda traccia Carica punta fuoco è un brano graffiante a metà tra il blues rock e le  contaminazioni new wave; Inutile invece trae  ispirazione dalle contaminazioni rock anni ’70 con un inciso di elettronica intervallato da un ritornello gotico e malinconico; Jupiter  che sembra arrivare da un futuro non troppo lontano, sarebbe la colonna sonora perfetta per uno dei film fantascientifici di Rod Serling; una ballata rock elettronica è Flashback, dedicata alla memoria di Domenico Savant, giovane ingegnere canavesano e compagno di scuola del cantante (aveva appena 26 anni) morto suicida lo scorso anno. 
 
Mantra, title track dell’album, è un’invocazione in piena regola alla “dea” protettrice delle anime su uno sfondo rock adrenalinico contaminato da sonorità orientali; un brano che oscilla tra la melodia aperta e sognante dei ritornelli e l’acidità metal delle strofe e degli incisi è Senza rancore; l’ottava traccia L’universo è invece una ballad intimista che rende omaggio al brano “Univers” dei Litfiba; Rock allo stato puro lo si trova nella traccia nove Elettroshock; Una nuova era è, invece, un brano rock con sfumatura hard-core melodiche che si alternano a sonorità ambient e orientaleggianti; “Mantra” termina con Exstasi, traccia che pone in essere un gioco strumentale a tratti statico a tratti dinamico. Una ripetizione ostinata della metrica unita allo sfogo creativo delle chitarre e al suono ipnotico del flauto indiano fanno si che questo brano rappresenti idealmente la fuga dalla razionalità ed il raggiungimento del benessere interiore tanto bramato e mai sopito nello spirito del viaggiatore errante.
 
Un lavoro pungente frutto e fotografia di questi due anni trascorsi dall’esordio che hanno notevolmente arricchito il bagaglio artistico della band piemontese e, al contempo, hanno contribuito a tenere alta la bandiera del rock italiano delle nuove leve. All’Hiroshima sarà possibile acquistare la versione Digipack a tiratura limitata di “Mantra” ad un prezzo speciale, riservato all’appuntamento torinese, oltre ad iscriversi al fan club della band. Le riprese dell’esibizione live di Torino saranno utilizzate per realizzare il clip del secondo singolo. 
 
La band è formata da: Riccardo Rizzi (voce), Mattia Osello (chitarra), Giancarlo Nudo (tastiera), Maurizio Grotan (chitarra). Roberto Massimo (batteria), Roberto Bonazinga (basso).
 
www.antinomia.it (nel video uno dei brani che hanno lanciato la band di Cuorgnè).
Video
Galleria fotografica
CUORGNE - All’Hiroshima Mon Amour di Torino nasce il «Mantra» degli Antinomia - immagine 1
CUORGNE - All’Hiroshima Mon Amour di Torino nasce il «Mantra» degli Antinomia - immagine 2
Made in Canavese
CUORGNE' - Il giovane Alessandro Vicari campione europeo di Ranch Riding
CUORGNE
Un campione europeo a Cuorgnè: si tratta del sedicenne Alessandro Vicari, studente dell'Ubertini di Caluso, che la scorsa settimana ha conquistato la medaglia d’oro di Ranch riding in Francia
AGLIE' - Le fontane luminose colorano piazza Castello e la straordinaria «Cena Ducale»
AGLIE
Un nuovo evento arricchisce l'estate alladiese, pensato per i canavesani ma anche per i tanti turisti che intendono visitare per la prima volta il borgo e il castello
PARCO GRAN PARADISO - Ritorna il concorso internazionale «Fotografare il Parco»
PARCO GRAN PARADISO - Ritorna il concorso internazionale «Fotografare il Parco»
Un'opportunità in più per tutti coloro che visiteranno quest'estate i Parchi nazionali del Gran Paradiso, d'Abruzzo, Lazio e Molise, dello Stelvio e quello francese della Vanoise
AGLIE' - In 1500 per Calici tra le Stelle: un successo superiore alle aspettative - FOTO e VIDEO
AGLIE
Grande successo per l'edizione 2017 di Calici tra le Stelle, la rassegna enogastronomica e d'intrattenimento che si è svolta per la prima volta in piazza Castello
CANAVESE - Il Parco Gran Paradiso (anche) per i bambini: animali, escursioni e stelle
CANAVESE - Il Parco Gran Paradiso (anche) per i bambini: animali, escursioni e stelle
Per i bambini che vivono tutto l’anno in città, l’estate è il momento migliore per godere di esperienze nuove e praticare attività inconsuete e divertenti, a stretto contatto con la natura
VILLAREGGIA - Tornano la Festa dei motori e il Demolition Derby 2017
VILLAREGGIA - Tornano la Festa dei motori e il Demolition Derby 2017
Ne rimarrà soltanto uno! E' questo il motto della “Festa dei Motori - Demolition Derby” che tornerà ad animare Villareggia nelle giornate di sabato 22 e domenica 23 luglio
AGLIE' - Una serata magica in piazza Castello con «Calici tra le Stelle» - VIDEO
AGLIE
Sabato 15 luglio, a partire dalle 19.30, tutti all'edizione 2017 di «Calici tra le Stelle» ad Agliè. Tante le novità di questa edizione, a partire dalla location, che quest'anno vede protagonista piazza Castello
CANAVESE - La Strada del Gran Paradiso conferma il successo di pubblico e turisti - FOTO
CANAVESE - La Strada del Gran Paradiso conferma il successo di pubblico e turisti - FOTO
Anche nel 2017 stanno incontrando il favore del pubblico le proposte culturali e turistiche della «Strada Gran Paradiso», nata nel 2011 per iniziativa dell'allora Provincia di Torino
CINEMA - Quando anche Fantozzi beveva l'Erbaluce di Caluso... - FOTO
CINEMA - Quando anche Fantozzi beveva l
Folla e tanti colleghi per l'omaggio a Paolo Villaggio, nel corso della cerimonia laica celebrata ieri al Teatro all'aperto della Casa del Cinema. L'inventore di Fantozzi aveva 84 anni e in un film si è trovato al cospetto dell'Erbaluce
BELMONTE - Il Sacro Monte si scopre palcoscenico per teatro, arte e spettacolo
BELMONTE - Il Sacro Monte si scopre palcoscenico per teatro, arte e spettacolo
Cinquantacinque artisti hanno accompagnato ogni sera i gruppi di spettatori alla scoperta della storia di Belmonte
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore