CUORGNE' - Grande successo per il «25 Aprile» al primo hackaton della Montagna

| Mountain hack, il primo hackaton della montagna, ha visto impegnati 100 ragazzi provenienti da 9 regioni e 15 città different. I ragazzi del Canavese si sono fatti onore: due andranno in Nepal

+ Miei preferiti
CUORGNE - Grande successo per il «25 Aprile» al primo hackaton della Montagna
Mountain hack, il primo hackaton della montagna, ha visto impegnati 100 ragazzi provenienti da 9 regioni e 15 città differenti, incontrarsi presso l’Università di Milano l’11 e il 12 dicembre per progettare la propria idea di montagna. Mountain-Hack, evento organizzato dal Ministero dell'istruzione, si è svolto nell’ambito della seconda edizione di CIME, un appuntamento nazionale dedicato alla ricerca e all’innovazione per le Montagne, promosso e organizzato da UNIMONT – Centro d’eccellenza a Edolo dell’Università degli Studi di Milano in collaborazione con il Club Alpino Italiano. Un primo successo per la scuola di Cuorgnè è arrivato con la selezione fra oltre cinquanta scuole italiane. Il lavoro di ricerca e studio, insieme al progetto “Alternanza e territorio” con il comune di Ronco Canavese, hanno reso vincente la candidatura del 25 Aprile a questo evento.

Il legame tra l’Università della Montagna e il XXV Aprile nasce da una idea sviluppata dal sindaco di Cuorgnè Beppe Pezzetto con il supporto del professor Russo, «un seme che abbiamo lanciato 2 anni fa e che adesso inizia a dare i primi frutti. Dobbiamo lavorare insieme per dare forma sul nostro territorio al corso universitario e ai vari master che la collaborazione con Unimont ci consente di attivare, un passo alla volta - conclude Pezzetto - da una segnalazione ricevuta i docenti del XXV Aprile si sono prontamente attivati e il successo ottenuto nel Moutain hack è la dimostrazione che abbiamo buone idee, bravi docenti e ragazzi in gamba, complimenti a tutti».

Ma cos’è un hackaton? E’ a tutti gli effetti una maratona alla ricerca di idee e progetti intorno a un tema ben preciso, in questo caso lo sviluppo della montagna. I ragazzi, divisi in 10 team composti da studenti tutti di provenienza eterogenea si sono confrontati ricercando soluzioni rispetto a due temi “sport e montagna” e “cultura e montagna”. Ai due team dei docenti accompagnatori invece è stato chiesto di produrre un progetto che legasse didattica e montagna. A tutti è stato inoltre richiesto di ideare il logo del neonato Ilalian Mountain Lab. Al termine delle presentazioni una commissione composta da alcuni membri del Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca e da alcuni componenti del “Tavolo di lavoro dell’Italian Mountain Lab” ha proclamato un team vincitore per ognuno dei due temi assegnati.

Simone Crovero e Giulia Gerbalena, con Vuillerminaz Eleonora, Camilla Prete, Campisi Simone e Ursulean Alexandru hanno avuto la possibità di rappresentare il 25 Aprile a Milano. Simone e Giulia, con i loro due team hanno raggiunto il podio aggiudicandosi la possibilità di partecipare a un summer camp in Nepal la prossima estate. Al di là del premio certamente eccezionale, per tutti è stata un’esperienza particolare come ci racconta Eleonora: «Per me il mountain hack è stata un’esperienza totalmente nuova, un qualcosa anche di inaspettato: creare un progetto, pensarlo realizzabile e sperare di vederlo realizzato. Ventiquattro ore di intenso lavoro, il tutto accompagnato dal fattore del non conoscere le persone con le quali ti saresti dovuta mettere in gioco, facendo coesistere delle idee in un’unica grande idea. In poche parole: un’esperienza da provare».

Il gruppo di Giulia ha proposto lo sviluppo di un Erasmus della Montagna, i Mountain Games, diretto principalmente ai giovani. Il progetto prevede un bando rivolto ai comuni montani che possono candidarsi ad accogliere l’evento, fra questi ne vengono scelti tre (uno dal nord, uno dal centro e uno dal sud), Un secondo bando per le scuole permette l’individuazione di sei classi che si recheranno nei paesi di montagna vincenti. Qui, tramite delle sfide, verranno a contatto con la cultura e le tradizioni del luogo.Una seconda fase del progetto prevede la creazione di un’applicazione diretta al pubblico, contenente le informazioni sulle varie località montane della nostra penisola sviluppata anche grazie all’aiuto degli studenti che hanno visitato i paesi vincitori del bando.

Il progetto del team di Simone si chiama “Safe Pick” ovvero vetta sicura; ruota intorno alla creazione di una un’associazione senza scopi di lucro che punta a sensibilizzare e a formare i ragazzi e gli sportivi riguardante la sicurezza delle montagne. L’associazione punta a contattare esperti e persone che hanno avuto incidenti in montagna e esperti del soccorso alpino disponibili a sensibilizzare giovani e non, in scuole, eventi, manifestazioni e gruppi sportivi.

Made in Canavese
CASTELLAMONTE - L'eccellenza della ceramica nel concorso internazionale «Ceramics in love-two»
CASTELLAMONTE - L
In occasione della Mostra della ceramica 2019 l'amministrazione comunale bandisce per il secondo anno il concorso «Ceramics in love-two», riservato agli artisti della ceramica italiani e internazionali
CARNEVALE IVREA - Della scuola dell'infanzia San Michele il manifesto ufficiale della Festa dei bambini
CARNEVALE IVREA - Della scuola dell
Tutti gli elaborati saranno esposti in Sala Santa Marta dal 25 al 28 febbraio dalle 16 alle 18.30. La mostra verrà inaugurata domenica 24 febbraio alle ore 17.45. Giovedì Grasso alle 15.30 la premiazione si svolgerà in Sala Santa Marta
CARNEVALE DI IVREA - Battaglia delle arance: i piccoli aranceri tireranno in piazza Ferrando
CARNEVALE DI IVREA - Battaglia delle arance: i piccoli aranceri tireranno in piazza Ferrando
La piazza verrà gestita a rotazione dai rappresentati delle squadre: Mercenari, Pantere e Credendari la domenica; Picche, Morte e Tuchini il lunedì; Scacchi, Arduini e Diavoli il martedì.
CANAVESE - Alla scoperta di vigneti di montagna, castelli e vigne con «Provincia Incantata»
CANAVESE - Alla scoperta di vigneti di montagna, castelli e vigne con «Provincia Incantata»
Partirà domenica 24 marzo da Settimo Vittone la quinta edizione del circuito di visite guidate «Provincia Incantata» che, per il 2019, rivolgerà lo sguardo in particolare ai vigneti di montagna e alta collina, ai castelli, alle vigne
IVREA - La città si colora in attesa dello Storico Carnevale e della battaglia delle arance - FOTO
IVREA - La città si colora in attesa dello Storico Carnevale e della battaglia delle arance - FOTO
Entra nel vivo l'avvicinamento allo Storico Carnevale di Ivrea, edizione 2019. Il conto alla rovescia è ormai iniziato e, come ogni anno, la città inizia a colorarsi con gli stendardi delle squadre...
IVREA - Ecco i dieci Abbà dell'edizione 2019 dello Storico Carnevale
IVREA - Ecco i dieci Abbà dell
Nel 1700 l'Abbà era il capo della Badia, un'associazione di giovani che organizzava feste dei singoli rioni e portava come insegna un pane conficcato su una picca
CANAVESE - I 107 anni di Olga Savoia Serravalle: auguri ad una donna d'altri tempi
CANAVESE - I 107 anni di Olga Savoia Serravalle: auguri ad una donna d
Giunse a Castelnuovo Nigra per salvarsi dai rastrellamenti nazisti di quel periodo e in seguito si trasferì prima in una piccola frazione di Castellamonte e poi ad Ozegna. Crebbe con valori diversi rispetto a quelli a cui siamo abituati noi
CANAVESE - La diga di Ceresole Reale e il municipio di Ivrea si colorano di rosa per il Giro d'Italia - FOTO
CANAVESE - La diga di Ceresole Reale e il municipio di Ivrea si colorano di rosa per il Giro d
Monumenti e i luoghi simbolo delle città tappa del Giro 2019 si sono tinti di rosa. Ivrea ha scelto di illuminare il palazzo del Comune. Ceresole Reale la diga
PARCO GRAN PARADISO - Alle «Olimpiadi dei Guardaparco» la squadra del Pngp conquista il secondo posto
PARCO GRAN PARADISO - Alle «Olimpiadi dei Guardaparco» la squadra del Pngp conquista il secondo posto
Dal 24 al 27 gennaio si è tenuta nella riserva naturale delle Contamines-Montjoie, in Francia, la 24° edizione del Trofeo Danilo Re. La squadra formata dai guardaparco del Gran Paradiso si è aggiudicata il secondo posto
CANAVESE - Al Cagliero di Ivrea, la festa per i 102 anni del mitico don Nicola Faletti
CANAVESE - Al Cagliero di Ivrea, la festa per i 102 anni del mitico don Nicola Faletti
Presenti tra gli altri il sindaco di Cuorgnè, Beppe Pezzetto, che nel giugno del 2014 ha insignito il sacerdote della cittadinanza onoraria, e la vicesindaco di Ivrea, Elisabetta Ballurio
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore