FORNO CANAVESE - I 650 anni di cammino della parrocchia del paese

| Una festa religiosa per lo storico traguardo. Il primo parroco, Giacomo Silvesco, di Cuorgnè, venne nominato il 10 aprile del 1364

+ Miei preferiti
FORNO CANAVESE - I 650 anni di cammino della parrocchia del paese
La comunità di Forno Canavese ricorda i 650 anni dalla nascita della parrocchia. Primo appuntamento sabato 8 novembre ore 21 (in chiesa) con l'inaugurazione della mostra fotografica sulla storia della parrocchia attraverso i documenti degli archivi parrocchiale e comunale; a seguire intervento di don Giuseppe Tuninetti: “La parrocchia ieri, oggi, domani: dal campanile al mondo, tra Forno, Torino, Roma". Giovedì 13 novembre ore 21 (in chiesa) serata di preghiera e riflessione guidata da don Claudio Baima Rughet dal tema: “Il mondo cambia. E la parrocchia?”. Domenica 16 novembre ore 11 (in chiesa) Santa Messa comunitaria, in occasione della festa liturgica della dedicazione della chiesa.

La storia parte proprio dalla nascita ufficiale, 650 anni fa, il 10 aprile del 1364, quando viene nominato il primo parroco, Giacomo Silvesco, di Cuorgnè. (fino a quel momento la comunità di Forno era unica con quella di Rivara, anche dal punto di vista ’civile’). Giacomo Silvesco è stato scelto da Giovanni e Victino dei conti di Valperga, signori di Rivara e confermato dal vescovo di Torino; appartiene al ramo valperghese di una delle famiglie feudali più antiche di Cuorgnè, le cui vicende sono in questo periodo (seconda metà del XIV secolo) legate a quelle dei Valperga. 
 
Il lavoro era iniziato 60 anni prima, nel 1300. La Chiesa è dedicata alla Beata Maria: questo titolo sarà utilizzato dai parroci per indicare la dedicazione della chiesa almeno fino a tutto il 1600: la prima indicazione chiara del titolo dell’Assunzione è presente nell’intestazione dei registri di battesimi, matrimoni, defunti con don Dionigi Peyrani, parroco dal 1698 al 1739.
 
Per il secolo XVI abbiamo qualche notizia in più: conosciamo il nome di 3 parroci: Gerolamo Vecchiano, di Pisa, a cui è collazionata la chiesa di Santa Maria di Forno dal vicario generale del vescovo di Torino, cardinale Cibo. Il documento è datato 10 settembre 1534 ed è conservato all’archivio arcivescovile di Torino. Alla metà del secolo si succedono i parroci don Giovanni Pitta di Rivara e don Domenico Mollo di Busano. Entrambi sono citati in alcuni documenti che registrano le controversie con la comunità a proposito delle consuetudini del mantenimento del parroco (come era detto nell’atto di fondazione): spesso la comunità riteneva troppo gravose le richieste del parroco: ne nascevano lunghe dispute di fronte alle autorità, civili e religiose. Don Domenico Mollo è parroco sicuramente nel 1566, don Pitta nel 1548. A partire dai primi anni del 1600, con l’obbligo di tenere i registri di battesimi, matrimoni, morti, i parroci si sottoscrivono e quindi è relativamente facile ricostruire la loro ’successione’.
 
Così abbiamo: Pietro Ferrerio di Rivara (1605-1612); Pietro Colli di Rivara (1612- ?); Francesco Faletto (1660-1698): Dionigi Peyrani, di Nizza (1698-1739); Dionigi Peyrani, nipote del precedente, (1739-1751); Giovanni Maria Rolle di Forno (1751-1799); Giobernardo Fenoglio, di Prascorsano (1799-1837); Firmino Vallero di Pertusio (1837-1879); Giuseppe Noveri (1879-1891); Giovanni Drovetti (1891-1894); Gaspare Seyta (1894-1929); Michele Pol (1929-1970); Felice Bergera (1970-1993); dal 1993 l’attuale parroco, mons. Antonio Foieri. 
Made in Canavese
FORNO CANAVESE - «Arte in Forno», così le vetrine del paese diventano una mostra - FOTO
FORNO CANAVESE - «Arte in Forno», così le vetrine del paese diventano una mostra - FOTO
Le vetrine dei negozi, dall'otto ottobre al 30 novembre, si trasformeranno in una sorta di «atelier» per numerose opere d'arte
CUORGNE'-RIVAROLO - Torna «Due Città al Cinema»: si parte il 23 ottobre al Margherita - TUTTI I FILM
CUORGNE
Torna «Due Città al Cinema» al Margherita di Cuorgnè, la storica rassegna cinematografica promossa dalla sala cuorgnatese in collaborazione con i Comuni di Rivarolo e Cuorgnè
TURISMO - Settima edizione per «Una Montagna di Gusto», enogastronomia e territorio
TURISMO - Settima edizione per «Una Montagna di Gusto», enogastronomia e territorio
Serie di appuntamenti promossi dal Consorzio Operatori Turistici Valli del Canavese con il supporto di Regione, Turismo Torino e Provincia e Gal Valli del Canavese e Banca d'Alba
CASTELLAMONTE - Un murales di Corrado Bianchetti colora il centro sportivo - FOTO e VIDEO
CASTELLAMONTE - Un murales di Corrado Bianchetti colora il centro sportivo - FOTO e VIDEO
L'artista castellamontese da una semplice bozza è riuscito a realizzare qualcosa di indescrivibile. «Grazie Corrado, per l'impegno e per la passione, speriamo di riuscire a lavorare ancora insieme»
BABY ATTORI CRESCONO - E' canavesano il nuovo volto dei mitici Pampers - VIDEO
BABY ATTORI CRESCONO - E
Un'esperienza sul piccolo schermo è il sogno di tantissime persone. E c'è chi riesce nell'impresa con un sorriso grosso così. E' il caso del piccolo Tommaso, canavesano doc, figlio di Stefano e Alessia...
SAN GIUSTO CANAVESE - La 20enne Alessia Actis Giorgetto diplomata Professionista di Pasticceria
SAN GIUSTO CANAVESE - La 20enne Alessia Actis Giorgetto diplomata Professionista di Pasticceria
Durante il percorso di studi, tutti i ragazzi hanno affrontato importanti esperienze di stage in strutture d'eccellenza
LEINI - L'omaggio a Luciano Pavarotti inaugura la stagione teatrale - FOTO e VIDEO
LEINI - L
Un concerto di giovani voci, accompagnati al pianoforte dal maestro Paolo Andreoli, tra i più stretti collaboratori di Pavarotti, che dal palco, ha elogiato la scelta dell’amministrazione leinicese di investire in cultura
VALLE SOANA - Dopo i fiori, sotto con polenta e rutti: a Ingria non stanno mai fermi
VALLE SOANA - Dopo i fiori, sotto con polenta e rutti: a Ingria non stanno mai fermi
Dopo la premiazione dell'Entente Florale Europe che ha visto Ingria portare a casa una preziosissima e significativa medaglia d'argento, è tempo di tornare a proporre eventi turistici in paese
COLLERETTO GIACOSA - Bioindustry Park: in memoria di Silvano Fumero una giornata «out of the box»
COLLERETTO GIACOSA - Bioindustry Park: in memoria di Silvano Fumero una giornata «out of the box»
A 10 anni dalla prematura scomparsa del proprio fondatore Silvano Fumero e a 20 dalla sua inaugurazione, il Bioindustry Park organizza un'intera giornata per ricordarne la figura di scienziato e imprenditore intraprendente
RIVAROLO - Via le piante, così la città ha «riscoperto» il suo castello - FOTO
RIVAROLO - Via le piante, così la città ha «riscoperto» il suo castello - FOTO
Grazie ai volontari di ATC TO1 e ATC TO2 che, in settimana, si sono prodigati nell'abbattere molte piante malate, ora passando sulla cirvonvallazione di Rivarolo è finalmente visibile il Castello Malgrà
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore