GRAN PARADISO - Gli stambecchi del Parco nazionale si prendono la copertina

| Uno studio scientifico, condotto dai ricercatori del Parco, dimostra che l'animale simbolo dell'area protetta più antica d'Italia è ancora a rischio estinzione

+ Miei preferiti
GRAN PARADISO - Gli stambecchi del Parco nazionale si prendono la copertina
Sulla prestigiosa rivista scientifica internazionale "Proceedings of the Royal Society B - Biological Sciences", è stato pubblicato uno studio condotto dai ricercatori del Parco Nazionale Gran Paradiso e delle Università di Pavia e di Zurigo, che esplora la bassa variabilità genetica dello stambecco alpino, animale simbolo dell'area protetta. Lo stambecco alpino è una specie che, dopo aver rischiato l'estinzione agli inizi del '800, è oggi caratterizzata da una bassissima variabilità genetica. Tutti gli individui attualmente esistenti (circa 40.000 sulle Alpi nel 2014) originano infatti da un nucleo di meno di 100 individui sopravvissuto all'estinzione e poi protetto nei territori dell'attuale Parco Nazionale Gran Paradiso, istituito nel 1922, a cavallo tra il Canavese e la Valle d'Aosta.
 
Grazie alla raccolta di dati a lungo termine su stambecchi marcati individualmente nel Parco fin dal 1999, la ricerca condotta da Alice Brambilla, assegnista di ricerca dell'università di Pavia e prima autrice dello studio, in collaborazione con i ricercatori del Parco e dell'Università di Zurigo, dimostra che gli effetti negativi dell'incrocio fra consanguinei, conseguenza del basso numero di individui che ha dato origine all'attuale popolazione circa duecento anni fa, sono oggi ancora misurabili.
 
Inoltre, mediante una innovativa tecnica statistica che permette di comprendere i rapporti di causa-effetto fra i vari caratteri oggetto dello studio, la ricerca è riuscita a dimostrare che gli individui più "inincrociati", cioè quelli con variabilità genetica minore, hanno una massa corporea inferiore rispetto a quelli con maggior variabilità e mostrano una ridotta resistenza ai parassiti. La massa corporea è un carattere fondamentale negli stambecchi maschi, per la sopravvivenza nei gelidi mesi invernali e per il successo nella competizione con gli altri maschi per l'accesso alle femmine. A loro volta, il ridotto peso e la bassa resistenza ai parassiti causano la crescita di corna più piccole e questo, nelle lotte fra maschi, può rappresentare un ulteriore handicap.
 
«Le popolazioni di animali e di piante composte da un basso numero di individui incontrano seri problemi e rischiano più facilmente di estinguersi a causa della perdita di variabilità genetica - spiega Achaz von Hardenberg, biologo del Parco Nazionale Gran Paradiso e coautore dello studio - nel caso dello stambecco alpino, il nostro studio indica la necessità di maggiori sforzi per garantire che le molte popolazioni reintrodotte negli ultimi 50 anni sulle Alpi siano maggiormente connesse fra di loro per garantire lo scambio genetico fra le stesse».
Made in Canavese
FORNO CANAVESE - «Arte in Forno», così le vetrine del paese diventano una mostra - FOTO
FORNO CANAVESE - «Arte in Forno», così le vetrine del paese diventano una mostra - FOTO
Le vetrine dei negozi, dall'otto ottobre al 30 novembre, si trasformeranno in una sorta di «atelier» per numerose opere d'arte
CUORGNE'-RIVAROLO - Torna «Due Città al Cinema»: si parte il 23 ottobre al Margherita - TUTTI I FILM
CUORGNE
Torna «Due Città al Cinema» al Margherita di Cuorgnè, la storica rassegna cinematografica promossa dalla sala cuorgnatese in collaborazione con i Comuni di Rivarolo e Cuorgnè
TURISMO - Settima edizione per «Una Montagna di Gusto», enogastronomia e territorio
TURISMO - Settima edizione per «Una Montagna di Gusto», enogastronomia e territorio
Serie di appuntamenti promossi dal Consorzio Operatori Turistici Valli del Canavese con il supporto di Regione, Turismo Torino e Provincia e Gal Valli del Canavese e Banca d'Alba
CASTELLAMONTE - Un murales di Corrado Bianchetti colora il centro sportivo - FOTO e VIDEO
CASTELLAMONTE - Un murales di Corrado Bianchetti colora il centro sportivo - FOTO e VIDEO
L'artista castellamontese da una semplice bozza è riuscito a realizzare qualcosa di indescrivibile. «Grazie Corrado, per l'impegno e per la passione, speriamo di riuscire a lavorare ancora insieme»
BABY ATTORI CRESCONO - E' canavesano il nuovo volto dei mitici Pampers - VIDEO
BABY ATTORI CRESCONO - E
Un'esperienza sul piccolo schermo è il sogno di tantissime persone. E c'è chi riesce nell'impresa con un sorriso grosso così. E' il caso del piccolo Tommaso, canavesano doc, figlio di Stefano e Alessia...
SAN GIUSTO CANAVESE - La 20enne Alessia Actis Giorgetto diplomata Professionista di Pasticceria
SAN GIUSTO CANAVESE - La 20enne Alessia Actis Giorgetto diplomata Professionista di Pasticceria
Durante il percorso di studi, tutti i ragazzi hanno affrontato importanti esperienze di stage in strutture d'eccellenza
LEINI - L'omaggio a Luciano Pavarotti inaugura la stagione teatrale - FOTO e VIDEO
LEINI - L
Un concerto di giovani voci, accompagnati al pianoforte dal maestro Paolo Andreoli, tra i più stretti collaboratori di Pavarotti, che dal palco, ha elogiato la scelta dell’amministrazione leinicese di investire in cultura
VALLE SOANA - Dopo i fiori, sotto con polenta e rutti: a Ingria non stanno mai fermi
VALLE SOANA - Dopo i fiori, sotto con polenta e rutti: a Ingria non stanno mai fermi
Dopo la premiazione dell'Entente Florale Europe che ha visto Ingria portare a casa una preziosissima e significativa medaglia d'argento, è tempo di tornare a proporre eventi turistici in paese
COLLERETTO GIACOSA - Bioindustry Park: in memoria di Silvano Fumero una giornata «out of the box»
COLLERETTO GIACOSA - Bioindustry Park: in memoria di Silvano Fumero una giornata «out of the box»
A 10 anni dalla prematura scomparsa del proprio fondatore Silvano Fumero e a 20 dalla sua inaugurazione, il Bioindustry Park organizza un'intera giornata per ricordarne la figura di scienziato e imprenditore intraprendente
RIVAROLO - Via le piante, così la città ha «riscoperto» il suo castello - FOTO
RIVAROLO - Via le piante, così la città ha «riscoperto» il suo castello - FOTO
Grazie ai volontari di ATC TO1 e ATC TO2 che, in settimana, si sono prodigati nell'abbattere molte piante malate, ora passando sulla cirvonvallazione di Rivarolo è finalmente visibile il Castello Malgrà
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore