RIVAROLO - Pietro Tomaino Cavaliere della Repubblica: «Pietro, homo faber fortunae suae!»

| Di solito si usa questa frase latina per indicare che l’essere umano è l’artefice del proprio destino, a differenza di quello che comunemente viene definito il "fato", responsabile delle decisioni della nostra vita...

+ Miei preferiti
RIVAROLO - Pietro Tomaino Cavaliere della Repubblica: «Pietro, homo faber fortunae suae!»
«Homo faber fortunae suae». Di solito si usa questa frase latina per indicare che l’essere umano è l’artefice del proprio destino, a differenza di quello che comunemente viene definito il "fato", responsabile delle decisioni della nostra vita. La fortuna viene definita come qualcosa di inaspettato, di imprevedibile, casuale, ma che è dalla nostra parte. Certo a questo si deve aggiungere il disegno di Dio, mi domando davvero se esiste la fortuna? O come disse Cesare, siamo noi a fabbricarla? Mi tocca dare ragione a quest'ultimo, perchè solo noi siamo in grado, col giusto impegno, di produrre qualcosa e ottenere dei risultati.

Mi riferisco alle recente onorificenza avuta come Cavaliere della Repubblica Italiana avuta dal ragionier Pietro Tomaino classe 1951 che a soli 13 mesi , quando già camminava, venne colpito dalla poliomielite, a quei tempi malattia molto diffusa, che gli paralizzò entrambe le gambe , non dandogli più, da quel momento, la possibilità di camminare. Dalla natia Calabria i suoi genitori di umili origini emigrarono in Piemonte per cercare delle cure. Dopo la scuola primaria, Pietro dovette affrontare l’ennesima sfida, non poteva accedere alle iscrizioni per frequentare le scuole medie, poiché le strutture di allora non erano idonee a ricevere ragazzi portatori di handicap e la sua famiglia decisi di mandarlo nel collegio Don Orione “Piccolo Cottolengo Mutilatini”, a Milano, dove frequentò le medie e i primi tre anni delle superiori, conseguendo a giugno del 1969 il diploma professionale di Contabile d’Azienda.

Durante il suo primo lavoro  nel lontano 1969 come impiegato e, tra le varie mansioni c’era quella di fare le paghe dei dipendenti e questo  lavoro lo affascinò particolarmente. Da questa passione Pietro decise di  diventare Consulente del Lavoro, per poter un giorno avviare uno Studio tutto suo. Conseguendo con tenacia il diploma da ragioniere, frequentando dopo il lavoro  in ufficio i corsi serali a Torino prendendo ogni giorno il treno da Favria per Torino  rientrando a casa tutte le sere all’una di notte con l’ultima corsa delle  ore 24,00. Nel 1972 consegue la  maturità di Ragioniere e nel  1974 supera l’esame di consulente del lavoro iscrivendosi poi all’albo. Nello stesso anno  inizia l’attività professionale presso la propria abitazione acquistando una macchina futuristica per allora, la Olivetti P203 a schede magnetiche, grazie al quale nell’ottobre del 1974 uscirono i primi cedolini meccanografici, con stupore dei clienti e la sua gioia nell’animo che  gli ripagava  tutti i sacrifici compiuti in quei anni.

Sposa nel 1976 Angela  che lo ha sempre poi sostenuto, creando un sodalizio sia nella vita privata che in quella lavorativa che dura da quarant’anni. Nel  2006 inaugura l’attuale sede in un palazzo storico a Rivarolo C.se da lui  ristrutturato, composto da 5 piani di uffici, comprensivi di locali per archivio, sala riunioni e sala corsi: “un palazzo uffici” dove all’interno l’organico raggiunge le 20 unità e dove lavorano i figli Stefano del 1977,  Davide del 1982 e Roberto nel 1985, nel 1998 gli nasce  il quarto figlio Gianluca, che precedeva il suo primo traguardo: 25 anni di attività con un organico di dieci dipendenti. Pietro ha ricoperto altri incarichi come  segretario  nella cooperativa di garanzia Cag del Canavese fino al 2009 supportando in quel periodo più di 1.000 aziende del territorio. Nel  1999 venne chiamato a far parte del Lions Club Alto Canavese di Castellamonte dove tutt’ora è socio attivo e qui  con questo club  ha realizzato innumerevoli services quali la costruzione  in Kenia di un  laboratorio per bambini disabili, service che presentò a Roma nell’udienza del 29 aprile 2009 a Papa Benedetto.

Per questo e  per l’intervento effettuato sempre nel 2009 a favore delle vittime del sisma dell’Aquila con contributi proficui verso case di cura, scuole ed enti morali  ricevette nel 2012 da parte del “Lions Clubs International Fondation” la massima onorificenza "Melvin Jones Fellow”. Nel 2000 fu chiamato a far parte della commissione restauri della parrocchia di Favria  dove  contribuì attivamente alla realizzazione del risanamento conservativo degli affreschi e delle parti storiche dell’intera parrocchia. Pietro è l’esempio di “Faber est suae quisque fortunae", ovvero, ciascuno è artefice della sua fortuna. Sono persone come lui  che scelgono al bivio, se con il loro ruolo che ricoprono possono migliorare o peggiorare le cose. A loro il compito di prendersi cura del territorio che abitano, in cui lavorano e producono. E se, come credo fortemente, l’Economia è l’arte di amministrare bene, beh questo ne è l’esempio lampante.

La vita di Pietro è stata in salita ha dovuto con caparbia volontà uscire dall’ombra della valle dove la poliomelite voleva confinarlo ed è risalito sulla vetta della vita senza mai dimenticare le persone che hanno bisogno facendo bene del bene. Personalmente mi onoro di essere suo amico. (Giorgio Cortese).

Galleria fotografica
RIVAROLO - Pietro Tomaino Cavaliere della Repubblica: «Pietro, homo faber fortunae suae!» - immagine 1
RIVAROLO - Pietro Tomaino Cavaliere della Repubblica: «Pietro, homo faber fortunae suae!» - immagine 2
RIVAROLO - Pietro Tomaino Cavaliere della Repubblica: «Pietro, homo faber fortunae suae!» - immagine 3
RIVAROLO - Pietro Tomaino Cavaliere della Repubblica: «Pietro, homo faber fortunae suae!» - immagine 4
Made in Canavese
VALLE SOANA - Dopo i fiori, sotto con polenta e rutti: a Ingria non stanno mai fermi
VALLE SOANA - Dopo i fiori, sotto con polenta e rutti: a Ingria non stanno mai fermi
Dopo la premiazione dell'Entente Florale Europe che ha visto Ingria portare a casa una preziosissima e significativa medaglia d'argento, è tempo di tornare a proporre eventi turistici in paese
COLLERETTO GIACOSA - Bioindustry Park: in memoria di Silvano Fumero una giornata «out of the box»
COLLERETTO GIACOSA - Bioindustry Park: in memoria di Silvano Fumero una giornata «out of the box»
A 10 anni dalla prematura scomparsa del proprio fondatore Silvano Fumero e a 20 dalla sua inaugurazione, il Bioindustry Park organizza un'intera giornata per ricordarne la figura di scienziato e imprenditore intraprendente
MUSICA - Dal 12 al 20 ottobre il grande ritorno del Tavagnasco Rock - IL PROGRAMMA
MUSICA - Dal 12 al 20 ottobre il grande ritorno del Tavagnasco Rock - IL PROGRAMMA
Dopo l'anteprima del 30 aprile scorso, Tavagnasco Rock ritorna con due serate di avvicinamento a Quincinetto e Settimo Vittone e cinque serate di festival al Palatenda di Tavagnasco
MUSICA IN CANAVESE - Tornano i concerti a ingresso gratuito de «I Colori di Settembre»
MUSICA IN CANAVESE - Tornano i concerti a ingresso gratuito de «I Colori di Settembre»
L'associazione «Il timbro» propone cinque concerti ad Albiano d’Ivrea, Bollengo, Burolo, Chiaverano e Parella
LEVONE - Per i 70 anni di di Land Rover un maxi logo con i fuoristrada
LEVONE - Per i 70 anni di di Land Rover un maxi logo con i fuoristrada
L'iniziativa si chiama proprio «The largest Land Rover logo with only Land Rover / Range Rover cars». Si terrà a Levone in concomitanza con la "Sagra del Pignoletto" del 14 ottobre
NATURA - Una foto del Parco Gran Paradiso vince il concorso Wiki Loves Earth - Italian Alps
NATURA - Una foto del Parco Gran Paradiso vince il concorso Wiki Loves Earth - Italian Alps
Vittorio Morletto con la foto «Tra primavera ed inverno» si è aggiudicato il primo posto del concorso Wiki Loves Earth - Italian Alps, concorso fotografico internazionale
TURISMO - Strada Gran Paradiso a Rivarolo, Ribordone, Feletto, Ronco, Campiglia, Belmonte e Valperga
TURISMO - Strada Gran Paradiso a Rivarolo, Ribordone, Feletto, Ronco, Campiglia, Belmonte e Valperga
Proseguono nel mese di settembre le escursioni in bus da Torino, con partenza dalla stazione di Porta Susa, proposte dal circuito «Strada Gran Paradiso»
VALPRATO SOANA - Terra Madre 2018 sbarca in Canavese con la Festa della Canapa a Campiglia
VALPRATO SOANA - Terra Madre 2018 sbarca in Canavese con la Festa della Canapa a Campiglia
Nella cornice del Parco del Gran Paradiso, un evento speciale dedicato alla canapa, per spiegare come coltivarla e utilizzarla, ma anche per illustrarne la storia e l'impiego in cucina
CERESOLE REALE - Riccardo Pozzoli: da Chiara Ferragni al viaggio in moto verso il Nivolet - FOTO
CERESOLE REALE - Riccardo Pozzoli: da Chiara Ferragni al viaggio in moto verso il Nivolet - FOTO
Con la sua fedele motocicletta sulla 460 del Gran Paradiso fino a Ceresole Reale e poi su, lungo la provinciale 50, al colle del Nivolet. Presenza vip, l'altro giorno, in Canavese...
CANAVESE - Un circuito turistico alla scoperta dei castelli: si parte da Rivarolo l'otto settembre - FOTO
CANAVESE - Un circuito turistico alla scoperta dei castelli: si parte da Rivarolo l
Dopo il successo della prima edizione, sabato 8 settembre a Rivarolo riparte il circuito «Andar per Castelli», un'iniziativa di promozione e divulgazione culturale e turistica dedicata al Canavese
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore