SOLIDARIETA' - Dal Canavese alla Tanzania: il viaggio di Nino De Gregorio

| Una visita a sorpresa nella scuola allestita grazie al lavoro della «One World Onlus», fondata dal giovane medico di Oglianico, Antonio Dematteis

+ Miei preferiti
SOLIDARIETA - Dal Canavese alla Tanzania: il viaggio di Nino De Gregorio
Vitaliano (Nino) De Gregorio è un personaggio a tutto tondo. Sportivo, prestato alla politica per qualche anno, sempre affaccendato ad organizzare qualcosa. Un evento, un torneo benefico, un convegno sullo sport pulito. Lo conoscono (e, giustamente, lo apprezzano) in mezzo Canavese. Non potrebbe essere altrimenti. Qualche settimana fa, in collaborazione con la «One World Onlus» di Oglianico, è volato in Tanzania, dove, da quattro anni, è in corso un progetto scolastico dedicato ai bambini. C’è un ponte, ideale, infatti, che unisce il cuore del Canavese alla Tanzania. Un ponte costruito con i mattoni della solidarietà, ideato e promosso da un giovane medico di Oglianico, Antonio Dematteis. Ha girato con le missioni dei salesiani gran parte dell’Africa sub sahariana, incontrando fame, povertà e disperazione. Così, una volta tornato in Italia, ha deciso di darsi da fare per aiutare quelle popolazioni.
 
Un lungo viaggio durante il quale è riuscito a coinvolgere tantissime persone. Compreso Nino De Gregorio che, tra agosto e settembre, è stato in Tanzania a toccare con mano la realtà di quei luoghi. «Volevo rendermi utile dove c'è davvero bisogno - racconta l'ex assessore allo sport del Comune di Rivarolo Canavese - One World di Oglianico sta facendo un grosso lavoro da quattro anni e ho chiesto se era possibile dare una mano. Laggiù, nel distretto di Temeke, le suore salesiane hanno aperto una scuola. Ed è un vero e proprio lusso. Sono riuscito a convincere (non senza difficoltà) anche mia moglie e siamo partiti alla volta dell'Africa». 
 
La situazione dove operano i volontari della onlus di Oglianico è particolarmente delicata. «Lì si vive in una baraccopoli dove non lavora nessuno e, probabilmente, le madri non sanno nemmeno quanti figli hanno. Sono tutti scalzi e vivono una vita decisamente difficile». De Gregorio è partito dal Canavese con due valigie piene di scarpe da calcio, palloni, colori, penne, matite. Tutti materiali che laggiù non hanno mai nemmeno visto. «Ho anche dato una mano alle suore costruendo pollaio - racconta - ammetto di non aver mai lavorato manualmente e lì non c'erano gli strumenti adatti. Ma ci siamo arrangiati. Abbiamo anche aggiustato qualche rubinetto e lavandino. A casa non faccio mai nulla e mia moglie si lamenta».
 
La comunità locale non ci ha messo molto a legare con «questi italiani». Dopo poche ore si era già creato un legame difficile da descrivere a parole. «Non hanno davvero nulla - dice ancora De Gregorio - però dimostrano subito un grande affetto. Soprattutto i bambini. Chiamandomi Nino lo ripetevano a raffica e anche facilmente. Sono stati tredici giorni di missione davvero particolari. Per certi versi assolutamente indimenticabili». La onlus di Oglianico, nel distretto di Temeke, gestisce una scuola con 400 bambini, con annesso oratorio e centro di aggregazione. Un ruolo sociale dal valore inestimabile. «Ho portato caffè e moka che poi ho lasciato lì perché, pur avendo il caffè, non usavano la moka e facevano dei bibitoni imbevibili» dice De Gregorio che, nel suo viaggio, oltre che dalla moglie, è stato accompagnato da altri otto ragazzi partiti dal Canavese.
 
«E' stata un'esperienza eccezionale - conclude - di quelle che ti fanno vedere il mondo con un occhio ben diversi. La consiglio a chiunque abbia voglia di mettersi in gioco. Certo, ci va uno spirito particolare per affrontare quel tipo di esistenza. Serve tanto spirito perché se ti immedesimi nella loro situazione rischi davvero di deprimerti. Laggiù non hanno davvero niente e per fortuna ci sono persone come Antonio Dematteis che hanno preso a cuore la loro causa».
 
Info sui progetti all'indirizzo www.oneworldonlus.com
Galleria fotografica
SOLIDARIETA - Dal Canavese alla Tanzania: il viaggio di Nino De Gregorio - immagine 1
SOLIDARIETA - Dal Canavese alla Tanzania: il viaggio di Nino De Gregorio - immagine 2
SOLIDARIETA - Dal Canavese alla Tanzania: il viaggio di Nino De Gregorio - immagine 3
SOLIDARIETA - Dal Canavese alla Tanzania: il viaggio di Nino De Gregorio - immagine 4
SOLIDARIETA - Dal Canavese alla Tanzania: il viaggio di Nino De Gregorio - immagine 5
SOLIDARIETA - Dal Canavese alla Tanzania: il viaggio di Nino De Gregorio - immagine 6
SOLIDARIETA - Dal Canavese alla Tanzania: il viaggio di Nino De Gregorio - immagine 7
SOLIDARIETA - Dal Canavese alla Tanzania: il viaggio di Nino De Gregorio - immagine 8
SOLIDARIETA - Dal Canavese alla Tanzania: il viaggio di Nino De Gregorio - immagine 9
SOLIDARIETA - Dal Canavese alla Tanzania: il viaggio di Nino De Gregorio - immagine 10
SOLIDARIETA - Dal Canavese alla Tanzania: il viaggio di Nino De Gregorio - immagine 11
SOLIDARIETA - Dal Canavese alla Tanzania: il viaggio di Nino De Gregorio - immagine 12
SOLIDARIETA - Dal Canavese alla Tanzania: il viaggio di Nino De Gregorio - immagine 13
Made in Canavese
IDEE REGALO - Da Morletto Expert Hoverboard, monopattini e skate elettrici
IDEE REGALO - Da Morletto Expert Hoverboard, monopattini e skate elettrici
Nuovo appuntamento con le offerte natalizie proposte dal centro vendita di corso Torino 226 a Rivarolo Canavese
RIVAROLO - Le parrucche di Mara, accessori di bellezza per donna e uomo
RIVAROLO - Le parrucche di Mara, accessori di bellezza per donna e uomo
Il primo punto vendita di parrucche e protesi in Canavese, con un'ampia scelta di prodotti esclusivi e di qualità per risolvere problemi di capelli o, semplicemente, per bellezza. Venite a trovarci. Si riceve su appuntamento, tutti i giorni
Nasce #canavesecasamia: l'orgoglio di essere canavesano
Nasce #canavesecasamia: l
«Tutto nasce dall'attaccamento al Canavese e dalla voglia di far qualcosa per la nostra comunità», spiega Antonio Loverre, uno dei soci fondatori di Canavese Case
PARCO GRAN PARADISO - I guardaparco sul numero di gennaio del National Geographic
PARCO GRAN PARADISO - I guardaparco sul numero di gennaio del National Geographic
Guardiani del Paradiso, è questo il titolo dell'articolo di Federico Geremei con fotografie di Luca Verducci, pubblicato nell'edizione di gennaio del noto mensile National Geographic
CUORGNE' - Sala gremita per celebrare cento anni di cinema in Canavese: un successo per «Cinematografica Perona» - FOTO e VIDEO
CUORGNE
A Cuorgnè il cinema ha superato due conflitti mondiali, le crisi economiche e le difficoltà di un'industria alle prese con le trasformazioni tecnologiche, diventando, nel corso dei decenni, un punto fermo per l'intera comunità...
DUE CITTA' AL CINEMA - La seconda fase si apre con l'omaggio al cinema in Canavese: «Cinematografica Perona»
DUE CITTA
Questa sera alle 21.15, al Cinema Margherita di Cuorgné, «Due Città al Cinema» si apre con un evento speciale, la proiezione gratuita del documentario «Cinematografica Perona» di Azzurra Fragale e Mauro Corneglio
PARCO GRAN PARADISO - «Fotografare il Parco»: ecco i vincitori del concorso - GUARDA LE FOTO
PARCO GRAN PARADISO - «Fotografare il Parco»: ecco i vincitori del concorso - GUARDA LE FOTO
La giuria del concorso internazionale «Fotografare il Parco», organizzato dai Parchi Nazionali dello Stelvio, Gran Paradiso, Abruzzo, Lazio e Molise e Vanoise ha decretato i vincitori
CASTELLAMONTE - Costruire a chilometri zero. In Canavese con il legno del Canavese
CASTELLAMONTE - Costruire a chilometri zero. In Canavese con il legno del Canavese
C'è anche il Canavese nel volume «Smart & Green Community», redatto dall'Uncem per dare rilievo a progetti e attività sul territorio piemontese che guardano a coesione, crescita inclusiva e sostenibilità per i territori
CUORGNE' - La storia dei Perona (e del cinema in Canavese) diventa un film
CUORGNE
Martedì 16 gennaio, alle 21.30, al Margherita di Cuorgné, prenderà il via la seconda fase di Due Città al Cinema con il documentario «Cinematografica Perona» realizzato dal collettivo Cromocinque. L'anteprima di Santho Iorio sul film
RIVAROLO - 91 bambini diventano fumettisti e raccontano la storia di Adalberto Mariano
RIVAROLO - 91 bambini diventano fumettisti e raccontano la storia di Adalberto Mariano
Corrado Bianchetti, giovane fumettista di Castellamonte, ha dato vita ad un progetto che ha portato alla realizzazione del primo fumetto disegnato e colorato da 91 bambini
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore