ALICE SUPERIORE - Folla per don Ciotti: «Il problema non è la mafia. Siamo noi cittadini»

| Sala gremita per l'incontro promosso dall'associazione Mastropietro e da Libera

+ Miei preferiti
ALICE SUPERIORE - Folla per don Ciotti: «Il problema non è la mafia. Siamo noi cittadini»
Sala gremita, ad Alice Superiore, per l'incontro con don Ciotti promosso dall'associazione Mastropietro di Gigio Costanza e dal presidio Libera di Cuorgnè. Tante persone hanno ascoltato l'intervento del fondatore del gruppo Abele che è tornato sulle minacce di Totò Riina e sulla situazione del Canavese. Si è parlato di legalità, ambiente e stato sociale. Temi da sempre molto cari al sacerdote, recentemente minacciato di morte dall'ex numero 1 di Cosa Nostra.
 
«Sono venuto qui in Valchiusella già un mese e devo dire che si mangia bene - ha esordito don Ciotti strappando il primo applauso - questo è un territorio meraviglioso che dobbiamo saper sostenere. In questi anni abbiamo scoperto presenze mafiose qui come altrove. La sensazione è che ci sia ben altro sotto la crosta. Qualcosa è emerso ma il cammino è solo all'inizio». Don Ciotti è tornato sui recenti fatti di cronaca: le minacce di morte a Pasquale Mazza in quel di Castellamonte, ma anche gli atti intimidatori a Feletto e i proiettili al sindaco e al comandante dei vigili urbani di Cuorgnè. «Le minacce agli amministratori sono segnali che non vanno sottovalutati».
 
E ancora: «Il problema non è (solo) la mafia. Siamo noi cittadini. Riina ha lanciato due minacce di morte. Al giudice di Matteo e a una persona piccola come me. È il noi che vince. Bisogna unire le forze. La politica deve fare la propria parte ma tutti i cittadini devono farlo prima. Si parla poco di legalità nel nostro paese. Oggi non si riesce ad avere una legge completa sulla corruzione pubblica che, con la mafia, è la faccia della stessa medaglia. Abbiamo tutti delle responsabilità. Molte verità passeggiano nei nostri paesi. Facciamoci delle domande su certi personaggi. Serve coraggio. Non è un problema solo di chi fa il male ma dei tanti che vedono e non fanno nulla».
 
Poi un toccante passaggio sulla libertà: «E' la massima espressione della dignità umana. Dio l'ha voluta per tutte le persone. Il cristiano ha il dovere di difenderla per tutte le persone. Non dimentichiamo chi ha lottato per consegnarci la liberta, la democrazia e la costituzione. Le resistenze di ieri sono quelle di oggi. Un esempio? Sono 200 anni che si parla di cosa nostra. Un secolo che si parla di 'ndrangheta. Questa è una storia chen viene da lontano. Se fosse solo un problema criminale sarebbero bastati i sacrifici dei magistrati e delle forze dell'ordine».
Galleria fotografica
ALICE SUPERIORE - Folla per don Ciotti: «Il problema non è la mafia. Siamo noi cittadini» - immagine 1
ALICE SUPERIORE - Folla per don Ciotti: «Il problema non è la mafia. Siamo noi cittadini» - immagine 2
ALICE SUPERIORE - Folla per don Ciotti: «Il problema non è la mafia. Siamo noi cittadini» - immagine 3
ALICE SUPERIORE - Folla per don Ciotti: «Il problema non è la mafia. Siamo noi cittadini» - immagine 4
ALICE SUPERIORE - Folla per don Ciotti: «Il problema non è la mafia. Siamo noi cittadini» - immagine 5
ALICE SUPERIORE - Folla per don Ciotti: «Il problema non è la mafia. Siamo noi cittadini» - immagine 6
ALICE SUPERIORE - Folla per don Ciotti: «Il problema non è la mafia. Siamo noi cittadini» - immagine 7
ALICE SUPERIORE - Folla per don Ciotti: «Il problema non è la mafia. Siamo noi cittadini» - immagine 8
ALICE SUPERIORE - Folla per don Ciotti: «Il problema non è la mafia. Siamo noi cittadini» - immagine 9
ALICE SUPERIORE - Folla per don Ciotti: «Il problema non è la mafia. Siamo noi cittadini» - immagine 10
Politica
RIVAROLO - Comitato pro circonvallazione: «Sindaco spiacevole»
RIVAROLO - Comitato pro circonvallazione: «Sindaco spiacevole»
«La nostra gratitudine va a tutti coloro che sono venuti al gazebo o che ci hanno fatto pervenire il loro sostegno sui social»
CANAVESE - 1,5 miliardi di euro per nuovi ospedali in Piemonte: Ivrea esclusa. «Diamoci da fare per l'ospedale unico»
CANAVESE - 1,5 miliardi di euro per nuovi ospedali in Piemonte: Ivrea esclusa. «Diamoci da fare per l
Si rinnova l'appello alla politica per trovare risorse e location di quello che potrebbe diventare il nuovo ospedale del Canavese. Luigi Sergio Ricca, sindaco di Bollengo, rinnova l'appello al collega di Ivrea e a tutti i primi cittadini
VOLPIANO - Crisi Comital: due cordate in visita allo stabilimento
VOLPIANO - Crisi Comital: due cordate in visita allo stabilimento
Ora i sindacati chiedono di congelare i 138 licenziamenti dal momento che è possibile avviare una trattativa con gli acquirenti
IVREA - Contro Vodafone parte la campagna di boicottaggio
IVREA - Contro Vodafone parte la campagna di boicottaggio
Rifondazione Comunista ha convocato un presidio-flash mob per il lancio di una campagna di boicottaggio contro Vodafone
CASTELLAMONTE - La ceramica anche al Day Service Riabilitativo
CASTELLAMONTE - La ceramica anche al Day Service Riabilitativo
«Ancora una volta dal fare sistema tra istituzioni e realtà territoriali nascono opportunità a vantaggio della comunità»
CASTELLAMONTE - Due giorni di festa per i pensionati della Cgil
CASTELLAMONTE - Due giorni di festa per i pensionati della Cgil
La lega 33 dello Spi-Cgil, il sindacato pensionati, festeggia la sua presenza sul territorio del Canavese con due giorni di eventi
CASELLE - 70 mila euro per ancorare le tegole che volano con gli aerei
CASELLE - 70 mila euro per ancorare le tegole che volano con gli aerei
E' lo stanziamento per ancorare le tegole sui tetti delle case e fare in modo che non volino via con gli aerei che atterrano
INGRIA - Il piccolo Comune si schiera con il popolo Catalano
INGRIA - Il piccolo Comune si schiera con il popolo Catalano
Arriva anche dal Canavese un piccolo sostegno alla causa del popolo Catalano, pronto a chiedere l'indipendenza dalla Spagna
MAPPANO - «In 100 giorni il Comune ha prodotto solo 5 delibere»
MAPPANO - «In 100 giorni il Comune ha prodotto solo 5 delibere»
E' un bilancio negativo quello tracciato dall'opposizione dopo i primi 100 giorni di governo della giunta guidata da Grassi
FELETTO - Una scuola più bella grazie anche all'aiuto dei profughi
FELETTO - Una scuola più bella grazie anche all
Prima dell'inaugurazione dei locali è stata presentata anche l'iniziativa del Comune chiamata «Bimbi accompagnati»
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore