BORGOFRANCO - La battaglia contro il «Piro» non è finita

| Il comitato spontaneo «Dora Baltea che Respira» compie un anno di vita e fa il bilancio dell'attività

+ Miei preferiti
BORGOFRANCO - La battaglia contro il «Piro» non è finita
Il comitato spontaneo di cittadini «Dora Baltea che Respira» compie un anno di vita e sul proprio blog mette a punto il "bilancio" di questo primo anno di attività. «Doveroso nei confronti di quanti ci hanno sostenuto nelle nostre iniziative - dice il comitato - utile perchè dopo un anno di attività molto intensa, che ci ha visti protagonisti assieme ad altri comitati ed associazioni sul fronte di contrasto civile al Pirogassificatore di Borgofranco, il bilancio di quello che è stato fatto non può che stimolare le riflessioni su quanto ci sia ancora da fare». 
 
Il comitato spontaneo è nato nel giugno del 2013. Le finalità sono riassunte nel documento "le nostre linee guida" e riguardano il contrasto al pirogassificatore di Borgofranco e, più in generale, il tentativo di dare un futuro non impattante dal punto di vista ambientale all'area industriale ex Alcan. «L’ ultimo anno ci ha visto promotori di varie iniziative finalizzate da un lato all’informazione e alla sensibilizzazione, fra queste la raccolta firme, il pieghevole informativo, e i seminari a tema come la serata dedicata al tema rifiuti e il seminario sulla bonifica del sito ex Alcan. Sul versante politico abbiamo puntato a sostenere le amministrazioni sensibili ai temi ambientali, incoraggiando con le nostre proposte la collaborazione fra amministrazioni comunali. L’effetto più eclatante di questa azione è la sottoscrizione di un protocollo di intesa fra Comuni e la formulazione del piano strategico per lo sviluppo territoriale inviato alla Provincia come proposta alternativa rispetto all’idea di sviluppo rappresentata dalla combustione dei rifiuti». 
 
Al momento l’impianto sperimentale è stato completato e la sperimentazione potrebbe partire. «Pare però che il proponente non abbia intenzione di “intraprendere attività in un territorio ostile” e si appresti invece a “cercare una alternativa” - dicono dal Comitato - in oltre, di non poco conto, c’è la netta posizione contraria anche alla fase sperimentale della nuova amministratzione di Borgofranco guidata da Livio Tola, che su tema Pirogassificatore ha avuto ragione della amministrazione uscente guidata da Francisca, a sua volta favorevole all’impianto». 
 
Prossime iniziative del Comitato «Dora Baltea che Respira»
 
Progetto bonifica. 
Se è abbastanza chiaro lo stato della bonifica nella zona ex Alcan/Novelis, sono invece lacunose le informazioni relative all’ area sud su cui per decenni hanno insistito ditte chimiche come Idroelettrica e Ravit. Sono in verifica ipotesi di progetti di bonifica da analizzare con ditte interessate, anche utilizzando tecniche alternative alla rimozione.
 
Progetto raccolta rifiuti e smaltimento.
Il progetto rifiuti parte da una considerzione: Torino sta sviluppando un piano che prevede la creazione di un ATO (ambito territoriale ottimale) che coincide a livello territoriale con i confini della Provincia di Torino. Secondo le previsioni nella nuova ATO andranno a fondersi i consorzi di raccolta rifiuti che fino ad ora hanno operato sul territorio provinciale (quello a cui facciamo riferimento noi è SCS con 57 comuni). Il risultato sarà un mega bacino di raccolta che difficilmente riuscirà a selezionare e premiare i soggetti virtuosi (i comuni che differenziano di più) a vantaggio della costante fornitura di “combustibile” per l’ inceneritore del Gerbido (Torino). In estrema sintesi con questa soluzione la quantità di indiferenziato non diminuirà, e le tariffe saranno destinate a crescere per pagare il servizio di smaltimento dell’inceneritore di Torino. La soluzione è quella di creare ATO più piccole e virtuose in grado di aumentare la quantità di rifiuti differenziati e ridurre la quantità di indifferenziato da conferire in discarica, a questo si potrebbe aggiungere un sistema di smaltimento a freddo dell’indifferenziato residuo e un sistema di trattamento della frazione umida. Il sito dell’area ex Alcan a tal senso potrebbe essere una opportunità.    
 
Progetto Gruppo di Acquisto Solidale con base Borgofranco.
Comunicazione di servizio: molti attivisti del Comitato DBcR che risiedono nella zona a nord di Borgofranco fanno parte del Gruppo di Acquisto Solidale (GAS) di Ivrea (Ecoredia). Si è pensato che visto il numero degli utenti e il supporto di Ecoredia, per ragioni di comodità sarebbe una buona idea poter avere un punto di distribuzione in zona Borgofranco o limitrofi. Entro luglio si terrà una riunione organizzativa.
Politica
RIVAROLO - Comitato pro circonvallazione: «Sindaco spiacevole»
RIVAROLO - Comitato pro circonvallazione: «Sindaco spiacevole»
«La nostra gratitudine va a tutti coloro che sono venuti al gazebo o che ci hanno fatto pervenire il loro sostegno sui social»
CANAVESE - 1,5 miliardi di euro per nuovi ospedali in Piemonte: Ivrea esclusa. «Diamoci da fare per l'ospedale unico»
CANAVESE - 1,5 miliardi di euro per nuovi ospedali in Piemonte: Ivrea esclusa. «Diamoci da fare per l
Si rinnova l'appello alla politica per trovare risorse e location di quello che potrebbe diventare il nuovo ospedale del Canavese. Luigi Sergio Ricca, sindaco di Bollengo, rinnova l'appello al collega di Ivrea e a tutti i primi cittadini
VOLPIANO - Crisi Comital: due cordate in visita allo stabilimento
VOLPIANO - Crisi Comital: due cordate in visita allo stabilimento
Ora i sindacati chiedono di congelare i 138 licenziamenti dal momento che è possibile avviare una trattativa con gli acquirenti
IVREA - Contro Vodafone parte la campagna di boicottaggio
IVREA - Contro Vodafone parte la campagna di boicottaggio
Rifondazione Comunista ha convocato un presidio-flash mob per il lancio di una campagna di boicottaggio contro Vodafone
CASTELLAMONTE - La ceramica anche al Day Service Riabilitativo
CASTELLAMONTE - La ceramica anche al Day Service Riabilitativo
«Ancora una volta dal fare sistema tra istituzioni e realtà territoriali nascono opportunità a vantaggio della comunità»
CASTELLAMONTE - Due giorni di festa per i pensionati della Cgil
CASTELLAMONTE - Due giorni di festa per i pensionati della Cgil
La lega 33 dello Spi-Cgil, il sindacato pensionati, festeggia la sua presenza sul territorio del Canavese con due giorni di eventi
CASELLE - 70 mila euro per ancorare le tegole che volano con gli aerei
CASELLE - 70 mila euro per ancorare le tegole che volano con gli aerei
E' lo stanziamento per ancorare le tegole sui tetti delle case e fare in modo che non volino via con gli aerei che atterrano
INGRIA - Il piccolo Comune si schiera con il popolo Catalano
INGRIA - Il piccolo Comune si schiera con il popolo Catalano
Arriva anche dal Canavese un piccolo sostegno alla causa del popolo Catalano, pronto a chiedere l'indipendenza dalla Spagna
MAPPANO - «In 100 giorni il Comune ha prodotto solo 5 delibere»
MAPPANO - «In 100 giorni il Comune ha prodotto solo 5 delibere»
E' un bilancio negativo quello tracciato dall'opposizione dopo i primi 100 giorni di governo della giunta guidata da Grassi
FELETTO - Una scuola più bella grazie anche all'aiuto dei profughi
FELETTO - Una scuola più bella grazie anche all
Prima dell'inaugurazione dei locali è stata presentata anche l'iniziativa del Comune chiamata «Bimbi accompagnati»
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore