CANAVESANI IN MEETING - Il Presidente ed i volontari

| È stata una giornata importante, segnata dall'incontro con il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella

+ Miei preferiti
CANAVESANI IN MEETING - Il Presidente ed i volontari
Si è conclusa la prima giornata del Meeting. È stata una giornata importante, segnata dall'incontro con il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Nei 36 anni passati, il Meeting ha visto diversi presidenti (Cossiga nel 1991 e Napolitano nel 2011). Ogni volta però questo evento assume un significato particolare. Così è stato anche quest'anno. Il Presidente è stato invitato a parlare di un tema in questo periodo molto dibattuto: i fondamenti della nazione italiana. Ricorre proprio quest'anno il settantesimo anniversario della nostra Repubblica ed il Meeting ha voluto dedicare a questo evento una delle sue mostre principali. Il Presidente Mattarella, dopo il saluto del presidente di Comunione e Liberazione don Julian Carron, ha affrontato molti punti salienti. 
 
Si è innanzitutto rivolto ai giovani presenti al Meeting e li ha paragonati alla Repubblica. Ha fatto notare che per crescere occorre superare prove impegnative, misurarsi quotidianamente con le sfide che la realtà propone. L'attitudine dei giovani a diventare protagonisti costituisce la linfa vitale di ogni nazione. Il Presidente ha indicato il rischio per la gioventù di vivere questo periodo come l'epoca dell'io. Certamente l'io è identità ma deve essere anche dignità e libertà. L'io non è autosufficiente: ha bisogno di un tu, di un noi. Il noi, come abbiamo imparato in questi 70 anni di Repubblica, è storia e democrazia. Andare oltre l'io vuol dire realizzarsi anche come singoli. L'egoismo non genera riscatto civile mentre il confronto delle idee genera unità. Mattarella ha richiamato quindi alla necessità di un'unità nazionale e alla coesione europea. Una integrazione politica nazionale nell'ambito della Comunità Europea è il destino migliore per noi ed i nostri giovani. L'intervento è terminato richiamando tutti a costruire nella libertà e nella responsabilità un futuro migliore.
 
Il Presidente, visitando i vari stand fieristici era circondato da diversi ragazzi addetti alla vigilanza del Meeting, parte dei tanti volontari che permettono al Meeting di crescere e di esistere. Sembra infatti impossibile che, in questo periodo dove thhutto sembra dovuto, ci siano persone che pagano di tasca propria per lavorare, chi - come detto prima - alla sorveglianza, chi a cucinare o a servire i tavoli dei vari punti di ristoro, o chi è addetto alle pulizie o a fare da traduttore ai vari ospiti internazionali che partecipano agli incontri.
 
Lorenzo, di Rivarolo Canavese, universitario a Torino è uno degli oltre tremila volontari (molti arrivati anche da altri paesi europei) e presta la sua opera ai cancelli della fiera con altri amici dell'ateneo torinese. Spiega così la sua decisione di lavorare per il Meeting. «Sono stato al Meeting tantissime volte. L'anno scorso, iniziando l'università, sentivo il bisogno di approfondire l'amicizia che stava nascendo con alcuni amici che stavano vivendo anche loro come me l'esperienza universitaria. Quando uno di loro mi ha proposto di andare a fare il volontario al Meeting ho subito accettato. Quest'anno la scelta è stata mia: fare il volontario al Meeting è come costruire una cattedrale. Chi costruisce il muro portante e chi porta l'acqua agli scalpellini: ognuno ha il suo compito e tutto concorre ad un'opera più grande che nessuno da solo sarebbe in grado di compiere». Il Meeting è un' opera, un lavoro che agisce in primis sul cuore delle persone che vi partecipano. (Paolo Ricco)
Galleria fotografica
CANAVESANI IN MEETING - Il Presidente ed i volontari - immagine 1
CANAVESANI IN MEETING - Il Presidente ed i volontari - immagine 2
CANAVESANI IN MEETING - Il Presidente ed i volontari - immagine 3
Politica
RIVAROSSA - Dimissioni in massa: cade il consiglio comunale
RIVAROSSA - Dimissioni in massa: cade il consiglio comunale
Ora tocca al prefetto di Torino nominare il commissario. Si andrà a votare la prossima primavera, con un anno di anticipo
VOLPIANO - Torna l'appuntamento con il festival «No Mafia»
VOLPIANO - Torna l
Nato dall'impegno di un gruppo di giovani volpianesi per portare al centro dell'attenzione la legalità, in paese e dentro le scuole
CASTELLAMONTE - Accoglienza ai migranti: il parroco dice «basta»
CASTELLAMONTE - Accoglienza ai migranti: il parroco dice «basta»
Don Luca Pastore al convegno della Lega: «La carità si fa in casa, guardando alle nostre famiglie e ai nostri giovani»
CANAVESE - Treni regionali in ritardo? Adesso ti avvisa la App
CANAVESE - Treni regionali in ritardo? Adesso ti avvisa la App
«Un passo avanti per soddisfare l'esigenza, sempre più sentita dai viaggiatori, di avere info tempestive», dice l'assessore Balocco
IVREA - Segreteria Pd: tira aria di rinnovamento. Vince Spitale
IVREA - Segreteria Pd: tira aria di rinnovamento. Vince Spitale
Le urne del circolo hanno premiato l'ala più renziana del Pd e, con essa, la linea del presidente del consiglio comunale Ballurio
EX PROVINCIA - La Città metropolitana senza soldi: appello al governo
EX PROVINCIA - La Città metropolitana senza soldi: appello al governo
ANCI ha chiesto la destinazione di 200 milioni di euro come finanziamento straordinario per le Città metropolitane d'Italia
RIVAROLO-BOSCONERO - I «Pro circonvallazione» in presidio alla Vittoria
RIVAROLO-BOSCONERO - I «Pro circonvallazione» in presidio alla Vittoria
Al sit-in ha partecipato anche il consigliere di minoranza di Bosconero, Giancarlo Giovannini, sempre attento al problema
IVREA - Il Comune discute il piano regolatore con le associazioni
IVREA - Il Comune discute il piano regolatore con le associazioni
«L'obiettivo è di avviare in modo condiviso la Variante strutturale unendo le tante risorse oggi presenti nelle comunità»
FAVRIA - Idioti in azione imbrattano la palestra: lezioni sospese
FAVRIA - Idioti in azione imbrattano la palestra: lezioni sospese
«Purtroppo nella giornata di giovedì i ragazzi non hanno potuto utilizzare la palestra per l'attività scolastica» dicono dal Comune
VOLPIANO - Il Comune aiuta gli inquilini a rischio di sfratto
VOLPIANO - Il Comune aiuta gli inquilini a rischio di sfratto
Il sostegno massimo di 8mila euro viene erogato ai conduttori di immobili in una condizione di morosità incolpevole
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore