CANAVESANI IN MEETING - Il Presidente ed i volontari

| È stata una giornata importante, segnata dall'incontro con il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella

+ Miei preferiti
CANAVESANI IN MEETING - Il Presidente ed i volontari
Si è conclusa la prima giornata del Meeting. È stata una giornata importante, segnata dall'incontro con il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Nei 36 anni passati, il Meeting ha visto diversi presidenti (Cossiga nel 1991 e Napolitano nel 2011). Ogni volta però questo evento assume un significato particolare. Così è stato anche quest'anno. Il Presidente è stato invitato a parlare di un tema in questo periodo molto dibattuto: i fondamenti della nazione italiana. Ricorre proprio quest'anno il settantesimo anniversario della nostra Repubblica ed il Meeting ha voluto dedicare a questo evento una delle sue mostre principali. Il Presidente Mattarella, dopo il saluto del presidente di Comunione e Liberazione don Julian Carron, ha affrontato molti punti salienti. 
 
Si è innanzitutto rivolto ai giovani presenti al Meeting e li ha paragonati alla Repubblica. Ha fatto notare che per crescere occorre superare prove impegnative, misurarsi quotidianamente con le sfide che la realtà propone. L'attitudine dei giovani a diventare protagonisti costituisce la linfa vitale di ogni nazione. Il Presidente ha indicato il rischio per la gioventù di vivere questo periodo come l'epoca dell'io. Certamente l'io è identità ma deve essere anche dignità e libertà. L'io non è autosufficiente: ha bisogno di un tu, di un noi. Il noi, come abbiamo imparato in questi 70 anni di Repubblica, è storia e democrazia. Andare oltre l'io vuol dire realizzarsi anche come singoli. L'egoismo non genera riscatto civile mentre il confronto delle idee genera unità. Mattarella ha richiamato quindi alla necessità di un'unità nazionale e alla coesione europea. Una integrazione politica nazionale nell'ambito della Comunità Europea è il destino migliore per noi ed i nostri giovani. L'intervento è terminato richiamando tutti a costruire nella libertà e nella responsabilità un futuro migliore.
 
Il Presidente, visitando i vari stand fieristici era circondato da diversi ragazzi addetti alla vigilanza del Meeting, parte dei tanti volontari che permettono al Meeting di crescere e di esistere. Sembra infatti impossibile che, in questo periodo dove thhutto sembra dovuto, ci siano persone che pagano di tasca propria per lavorare, chi - come detto prima - alla sorveglianza, chi a cucinare o a servire i tavoli dei vari punti di ristoro, o chi è addetto alle pulizie o a fare da traduttore ai vari ospiti internazionali che partecipano agli incontri.
 
Lorenzo, di Rivarolo Canavese, universitario a Torino è uno degli oltre tremila volontari (molti arrivati anche da altri paesi europei) e presta la sua opera ai cancelli della fiera con altri amici dell'ateneo torinese. Spiega così la sua decisione di lavorare per il Meeting. «Sono stato al Meeting tantissime volte. L'anno scorso, iniziando l'università, sentivo il bisogno di approfondire l'amicizia che stava nascendo con alcuni amici che stavano vivendo anche loro come me l'esperienza universitaria. Quando uno di loro mi ha proposto di andare a fare il volontario al Meeting ho subito accettato. Quest'anno la scelta è stata mia: fare il volontario al Meeting è come costruire una cattedrale. Chi costruisce il muro portante e chi porta l'acqua agli scalpellini: ognuno ha il suo compito e tutto concorre ad un'opera più grande che nessuno da solo sarebbe in grado di compiere». Il Meeting è un' opera, un lavoro che agisce in primis sul cuore delle persone che vi partecipano. (Paolo Ricco)
Galleria fotografica
CANAVESANI IN MEETING - Il Presidente ed i volontari - immagine 1
CANAVESANI IN MEETING - Il Presidente ed i volontari - immagine 2
CANAVESANI IN MEETING - Il Presidente ed i volontari - immagine 3
Politica
PONTE PRETI - Volontari ripuliscono il lato di Strambinello - FOTO
PONTE PRETI - Volontari ripuliscono il lato di Strambinello - FOTO
Sono terminati i lavori di pulizia sul lato di Strambinello del Ponte Preti. Lavori "volontari" realizzati dalla ditta di Andrea Sapei
EPOREDIESE - Il sindaco di Ivrea portavoce della Zona Omogenea 9
EPOREDIESE - Il sindaco di Ivrea portavoce della Zona Omogenea 9
Stefano Sertoli succede a Carlo Della Pepa. Confermato come vice portavoce il sindaco di Bollengo, Luigi Sergio Ricca
CASTELLAMONTE - Sant'Antonio al voto il prossimo otto novembre
CASTELLAMONTE - Sant
Si ricorda che le nomine dei candidati al Consiglio di Frazione dovranno essere presentate entro le 17.30 di giovedì 25 ottobre
LEINI - Il sindaco Gabriella Leone incontra gli ipovedenti - VIDEO
LEINI - Il sindaco Gabriella Leone incontra gli ipovedenti - VIDEO
Mercoledì il sindaco ha ricevuto una delegazione di cittadini disabili visivi dell'Associazione Pro Retinopatici e Ipovedenti
CANAVESE - «Più soldi per gli infermieri che saltano il riposo»
CANAVESE - «Più soldi per gli infermieri che saltano il riposo»
Si è svolto venerdì l'incontro tra i vertici dell'Asl To4 e le organizzazioni sindacali, sugli argomenti concordati in Prefettura a luglio
TURISMO - Erbaluce, Canavese e Carema in bella mostra nelle residenze Reali sabaude del Piemonte
TURISMO - Erbaluce, Canavese e Carema in bella mostra nelle residenze Reali sabaude del Piemonte
Presentato l'accordo triennale che il Consorzio delle Residenze Reali Sabaude ha recentemente raggiunto con la Città Metropolitana e la Strada Reale per la promozione e la vendita dei vini DOC di torinese e Canavese
LEINI - Camminare fa bene: nasce il gruppo di «Nordic Walking»
LEINI - Camminare fa bene: nasce il gruppo di «Nordic Walking»
Si è già costituito un gruppo di persone intenzionate ad avviare la pratica di questa disciplina anche sul territorio leinicese
CUORGNE' - Nuova vita per il centro anziani a villa Filanda
CUORGNE
Nelle ultime due settimane sono stati completati i lavori di ammodernamento della sede, realizzati dai soci dell'associazione
MAPPANO - Il Comune cerca soluzioni per il traffico sulla Sp 267
MAPPANO - Il Comune cerca soluzioni per il traffico sulla Sp 267
Parte uno studio sullo «stradone» che analizzerà la quantità, la qualità, la tipologia e l'incidentalità del traffico che passa in paese
PONTE PRETI - Città metropolitana contro Bozzello: «Basta inaccettabili allarmismi» - FOTO
PONTE PRETI - Città metropolitana contro Bozzello: «Basta inaccettabili allarmismi» - FOTO
«Mentre i nostri tecnici lavorano, stanno purtroppo continuando una serie di inaccettabili allarmismi sulle condizioni del Ponte Preti, che paventano emergenze e soprattutto sconfinando senza alcun titolo nè competenza in mansioni tecniche»
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore