CANAVESE - Da Mediapolis in poi, tante occasioni perse

| Riceviamo e pubblichiamo una lettera di riflessioni sul Canavese del sindaco di Bollengo, Luigi Sergio Ricca

+ Miei preferiti
CANAVESE - Da Mediapolis in poi, tante occasioni perse
Riceviamo e pubblichiamo una lettera di riflessioni da parte del sindaco di Bollengo, Luigi Sergio Ricca.
 
"Gli amari sfoghi del Sindaco di Albiano d’Ivrea a commento dell’abbandono da parte della Regione Piemonte di ogni disponibilità a valutare  un percorso per rilanciare il progetto di Mediapolis, mi hanno sollecitato una riflessione che va al di là del merito del progetto e chiama in causa la “classe dirigente” del Canavese e dei suoi rappresentanti ai vari livelli istituzionali. Innanzitutto a qualche mese dalla conclusione della vicenda, noto come nessuno degli attori che dovrebbe avere a cuore il futuro di questo territorio abbia assunto posizione, salvo naturalmente coloro che sempre hanno osteggiato l’iniziativa. Silenzio ed indifferenza, come se la questione fosse solo di Albiano. Solo una ventina di Sindaci hanno messo la faccia, in tempi più recenti, per cercare di salvare il progetto. 
 
Ma il punto significativo è per me questo: la bocciatura di Mediapolis non è l’unica bocciatura che riguardi progetti di rilievo per il territorio eporediese-canavesano nell’ultimo decennio. E l’aspetto che trovo singolare è che tutti i progetti bocciati e/o non sostenuti nel loro percorso realizzativo, erano stati approvati e condivisi sia sul piano politico sia dai tecnici che hanno nel tempo lavorato alla definizione dei percorsi di sviluppo del Canavese, dagli strumenti urbanistici agli studi più specialistici, ritenendoli fondamentali per la crescita del territorio.
 
E’ così per Mediapolis, già inserito nel Patto Territoriale del Canavese, oggetto di Accordo di Programma tra Regione, Provincia e Comuni interessati, lasciato poi “languire” fino all’esaurimento in mano ai burocrati, senza che nessuno di quelli che negli ultimi anni avevano titolo per farlo, mettesse la faccia per dar seguito ad un percorso predefinito e condiviso. Anzi, pur di non avere un contradditorio che “infastidisse” sul piano politico, anche da parte di qualche sottoscrittore dell’Accordo di Programma si sono tirati i remi in barca.
 
E’ così per altri progetti individuati nel tempo come essenziali, per i quali si sono spese risorse importanti per la loro definizione, e che poi sono stati abbandonati all’oblio. Cosa dire del cosiddetto “peduncolo”, variante fondamentale della viabilità ad est di Ivrea, già finanziato con i fondi Anas trasferiti con il passaggio delle competenze dalla stessa alla Regione e quindi alla Provincia, già annunciato come certa realizzazione dopo l’approvazione del progetto esecutivo? Oggi nessuno più ne parla.
 
Altro caso emblematico il Traforo di Monte Navale, reinserito nel Piano Regolatore di Ivrea dai Tecnici della Giunta Grijuela, la cui progettazione definitiva era stata finanziata con un contributo della Regione Piemonte (Presidente Bresso) alla Provincia di cinque milioni di euro, gara effettuata cui mai si è dato corso nonostante una delibera di conferma da parte del Consiglio comunale di Ivrea di ritenere strategica la realizzazione dell’opera.
 
Chi si è assunto la responsabilità di non procedere? Timore di affrontare le contestazioni, anche qui insistenti, di una parte? E dove sono state dirottate le risorse assegnate per l’opera di Ivrea? Una motivazione che viene sempre sventolata in questi casi è: ma tanto non ci sono i fondi per fare l’opera e non si possono spendere cifre importanti per la sola progettazione! Poi si scopre che periodicamente, anche in tempi di crisi, c’è qualche legge (dai decreti del “Fare” e altri similari) che stanzia risorse significative per fare opere importanti per i territori, con naturalmente la precedenza a chi ha i progetti esecutivi pronti!
 
Così, qui da noi, non assumendo la responsabilità di decidere, non siamo mai pronti.  E se lo siamo, come per il “peduncolo”, c’è evidentemente chi se lo dimentica.  E cosa dire della necessità di realizzare un nuovo ospedale di Ivrea, sostituendo l’antieconomica e vetusta struttura esistente? L’amministrazione Bresso aveva colto questa esigenza, inserendo la realizzazione del nuovo ospedale tra i cinque nuovi nosocomi previsti in Piemonte dal Piano pluriennale di edilizia sanitaria e stanziando più di un milione di euro per la progettazione di massima. Nessuno, dopo il 2010 ha sostenuto l’esigenza di dar seguito a quella decisione, neanche sul piano delle cose affrontabili senza costi particolari, come la verifica della idoneità dell’area prescelta per la costruzione del nuovo ospedale. Ci si è nascosti dietro il fatto che intanto partiva il Poliambulatorio, già interamente finanziato dalla Giunta Bresso. L’Ospedale? Eh, ma tanto mancano le risorse per costruirlo! Si dà il caso che l’Ass. Saitta abbia recentemente in più di una occasione assicurato che conta anche di liberare fondi per l’edilizia sanitaria. Già, ma noi non saremo pronti, neanche per metterci in coda ad altre esigenze magari prioritarie. 
 
Sono solo alcuni esempi, i più eclatanti, di scelte condivise sul territorio dalla maggioranza degli attori interessati e mai sostenuti fino in fondo per la loro realizzazione dalla classe dirigente del momento. Hanno sbagliato i politici che hanno fatto quelle scelte in passato ed i tecnici che le hanno proposte e avallate? O è mancata la capacità del territorio di fare sistema e di sostenerle fino in fondo, con il coraggio necessario, assumendosi anche la responsabilità di superare l’ostinata resistenza dei contrari, magari in parte della stessa sponda politica? Certo che a non scontrarsi con nessuno ci si trova meno nella bufera, si hanno meno nemici, si vivacchia meglio, si può pensare più serenamente alla carriera politica…
L’ultimo grande  progetto a valenza “strutturale” decollato è stato il Bioparco di Colleretto Giacosa, frutto della stretta collaborazione tra soggetto privato (ricordiamo Silvano Fumero) ed Istituzione pubblica, mentre sono al palo indispensabili interventi di adeguamento della rete ferroviaria ( il mancato accordo sulla bretellina di Chivasso non ha certamente favorito l’utilizzo dei fondi stanziati). Adesso si partirà con il Piano Strategico della Città Metropolitana: un altro elenco di cose importanti senza speranza di futuro? Speriamo di no e che sia la volta buona per far sistema e pensare davvero “Canavese”.
 
Politica
CASTELLAMONTE - Licenziato perchè ha il Parkinson: vince in tribunale ma non viene riassunto
CASTELLAMONTE - Licenziato perchè ha il Parkinson: vince in tribunale ma non viene riassunto
L'uomo, residente in Canavese, ha fatto causa all'azienda e l'ha anche vinta. Solo che, al momento, nonostante la sentenza a lui favorevole con reintegro sul posto di lavoro, ancora aspetta una chiamata dalla Teknoservice...
IVREA - Per il vescovo Roberto Farinella sono attese 3000 persone
IVREA - Per il vescovo Roberto Farinella sono attese 3000 persone
Ottocento posti garantiti nella cattedrale. Gli altri 2200 nel cortile del seminario e nel tempio delle suore con i maxi schermi
CUORGNE' - Il Comune si connette all'Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente
CUORGNE
«L'aver conseguito questo risultato ci consentirà di evitare duplicazioni di comunicazione tra le Pubbliche Amministrazioni», dice il sindaco Beppe Pezzetto
VOLPIANO - Crisi Comital e Lamalù: «Ora Di Maio deve intervenire»
VOLPIANO - Crisi Comital e Lamalù: «Ora Di Maio deve intervenire»
Si è svolto oggi presso l'assessorato al Lavoro della Regione Piemonte un incontro di aggiornamento sulla situazione
CUORGNE' - Visita del vescovo Cerrato alle scuole di Priacco e Salto - FOTO
CUORGNE
Grande entusiasmo tra i bambini e gli insegnanti che lo hanno accolto con canti e cartelloni di benvenuto
SAN MAURIZIO - Si mangia alla Festa e si raccolgono fondi per l'elisosta
SAN MAURIZIO - Si mangia alla Festa e si raccolgono fondi per l
Grande impegno dei vigili del fuoco: l'obiettivo è realizzare un'area per l'atterraggio dell'elisoccorso 24 ore su 24
RIVAROLO - Francesca Immacolata Chaouqui ospite da Bertot
RIVAROLO - Francesca Immacolata Chaouqui ospite da Bertot
L'ospete traccerà un quadro di scenario sul Vaticano e sugli sprechi e i giochi di potere di una lobby internazionale che da anni prova a mettere in crisi il pontificato di Papa Francesco
CUORGNE' - Volontari al lavoro per dare una mano al Comune - FOTO
CUORGNE
Per due volontari l'attività ha già preso il via. Si tratta di Franco Nonnato e Luigi Sironi, dalla scorsa settimana nonni vigili
PONTE PRETI - Camion e bus incastrati sul vecchio ponte: ne passano quasi 800 al giorno - VIDEO
PONTE PRETI - Camion e bus incastrati sul vecchio ponte: ne passano quasi 800 al giorno - VIDEO
Ieri dalle 6 alle 18 i volontari del Club Turati hanno avuto modo di analizzare il flusso di mezzi pesanti in quel tratto di strada. Ci sono stati 15 blocchi dovuti a incroci di tir e bus sul ponte. L'ex senatore Bozzello torna alla carica
MAPPANO - Riapre il compost: «Stop al passaggio dei camion»
MAPPANO - Riapre il compost: «Stop al passaggio dei camion»
Basta camion su via Rivarolo, strada Cuorgnè e viabilità interne. Lo chiedono a Grassi le minoranze in consiglio comunale
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore