CANAVESE - E' nato il laboratorio della M.a.g.l.i.a.

| Al centro del progetto i giovani, che si occupano del territorio a livello sociale, culturale e politico

+ Miei preferiti
CANAVESE - E nato il laboratorio della M.a.g.l.i.a.
Il Laboratorio della M.A.G.L.I.A. è nato come collettivo, adesso è un'associazione. Al centro del progetto i giovani, che si occupano del territorio a livello sociale, culturale e politico. M.A.G.L.I.A. sta per "Mobilità, Autogestione, Giovani, Libertà, Istruzione e Ambiente". Il simbolo è un telaio, perchè la nostra idea è quella di tessere il tessuto sociale.
 
La storia
Il Laboratorio della M.A.G.L.I.A. nasce come collettivo nel dicembre 2013, dopo gli eventi dei "forconi”. Alcuni ragazzi hanno deciso di raccogliere i giovani che cercavano di protestare, di fare eventi simbolici, e di aggregarli per creare un collettivo che si occupasse del territorio.
 
Il primo tema affrontato è stato quello della mobilità, dei trasporti della GTT. Abbiamo fatto indagini, raccolto firme, ma poi ci siamo resi conto che la principale problematico dei ragazzi del territorio è la mancanza di spazi per i giovani artisti.
Così è nato l'ambizioso progetto itinerante Vall'Arte, un luogo non fisico per dare uno spazio di carattere musicale e artistico ai giovani del territorio. Questo è stato il primo evento vero e proprio del collettivo, ad aprile 2014, e si è svolto presso il circolo Arci “la Soce”, dove sta la sede del Laboratorio concessa gratuitamente dalla Società Operaia. Dopo Vall'Arte abbiamo organizzato un evento di politica. Precisamente un dibattito su più temi, in vista delle elezioni europee, che dava voce a diversi schieramenti. L'incontro che si svolge presso il centro socio culturale a fine aprile fu un successone. 
A luglio 2014 la seconda edizione di Vall'Arte. Parteciparono quattro gruppi musicali e circa 15 artisti con fotografie, quadri, sculture.
 
Seguono workshop contro l'omofobia, la partecipazione al gay Pride e il 13 dicembre, compleanno del Laboratorio, una nuova edizione di Vall'Arte. E come dimenticare il flash mob e le diverse attività organizzate per la giornata internazionale contro la violenza sulle donne. A dicembre 2014 il collettivo si trasforma in associazione. Il 2015 parte con un evento organizzato pochi giorni dopo la terribile strage in Francia di Charlie Hebdo, un presidio per la pace, per la tolleranza fra i popoli. Il nostro obiettivo era denunciare la violenza di tutto il mondo, non solo quella legata ai musulmani.
 
Un altro presidio è stato organizzato per la strage di Parigi di diversi mesi fa, per mano dello Stato Islamico. Il Laboratorio della M.A.G.L.I.A. ha partecipato anche alle manifestazioni del 25 aprile, al circolo Soce, organizzando un evento con la collaborazione della Società Operaia. Qui c'erano una parte culturale di arti visive e una più musicale. Per quanto riguarda le arti visive abbiamo creato una specie di bando per giovani artisti, il tema era la "Resistenza", non quella partigiana, ma quella attuale nel mondo. C'erano diverse opere, anche l'ANPI di Nole ci ha dato una mano grazie alla sua vasta raccolta di foto storiche. Per quanto riguarda la parte musicale, invece, alcune band hanno suonato canzoni partigiane rivisitate in chiave moderna. I giovani hanno partecipato anche al Piano Locale Giovani e, organizzando un laboratorio, all'autogestione svoltasi all'istituto Doria.
 
A maggio 2015, dopo un lungo percorso di studio, abbiamo deciso di fare un evento a Ciriè con due ragazzi curdi, che abitano in Italia e con attivisti che sono stati sul fronte. Ci hanno portato la loro testimonianza, noi abbiamo fatto una raccolta di medicinali e di fondi per sostenere la popolazione curda a Kobane. Anche nel 2015 il gruppo si è occupato della violenza sulle donne con una due giorni di eventi dedicati al tema, ad esempio con video, flash mob e lezoni di difesa personale.
A novembre abbiamo organizzato anche la raccolta delle giacche per i ragazzi pakistani che a Torino non avevano posti in cui stare e si erano accampati con tende alle Porte Palatine. Siamo riusciti a raccogliere circa 45 giacche, ci hanno risposto da tutto il ciriacese, da Venaria, da Lanzo. Il 18 marzo, in vista della Giornata nazionale della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti di mafia abbiamo organizzato un incontro sul tema della Legalità in collaborazione con il presidio Luigi Ioculano di Libera con sede a Cuorgnè. Infine, il 22 Aprile abbiamo organizzato una Grande Fiaccolata per le vie di Ciriè insieme a Radio One Lab, la Società Operaia di Ciriè, i ragazzi del Treno della Memoria, le sezioni Anpi di zona e la Città Di Ciriè e il 25 Aprile abbiamo proposto lo spettacolo teatrale “OMISSIS- non dimenticare” della compagnia teatrale Tékhné Teatro.
 
VALL’ARTE
Vall’Arte è un luogo non fisico per dare uno spazio di carattere musicale e artistico ai giovani del territorio, un evento nato per permettere ai giovani artisti e musicisti del nostro territorio di emergere, confrontarsi e soprattutto farsi conoscere. Sentiamo molto forte l’esigenza di creare spazi di condivisione ed interazione tra i giovani che non siano però fini a se stessi ma, volti a rilanciare forme culturali di diversa natura. Nonostante il nostro territorio appaia come un deserto culturale, iniziative come questa permettono invece di dare spazio ai grandi talenti che nascono e crescono in questi luoghi ma che non hanno possibilità di farsi conoscere. Alcune istituzioni non sempre comprendono l’importanza di eventi come questo e troppo spesso vedono l’aggregazione giovanile come un problema e non come una risorsa; Vall’Arte vuole invece dimostrare quanta ricchezza sia presente nella nostra generazione e darle un luogo fisico e virtuale in cui manifestarsi
Galleria fotografica
CANAVESE - E nato il laboratorio della M.a.g.l.i.a. - immagine 1
Politica
CANAVESE - In arrivo altri disagi per chi usa le ferrovie di Gtt
CANAVESE - In arrivo altri disagi per chi usa le ferrovie di Gtt
Dopo due anni di tavoli di trattative, l'altra mattina brutta fumata nera per la negoziazione del Settore Tecnico Ferrovie
MAPPANO COMUNE - Sentenza del Tar Piemonte il 31 maggio
MAPPANO COMUNE - Sentenza del Tar Piemonte il 31 maggio
Il «Comitato per la costituzione di Mappano Comune» ha presentato istanza urgente per bloccare il ricorso di Borgaro e Leini
IVREA - Salvatore Borsellino in città a 25 anni da via D'Amelio
IVREA - Salvatore Borsellino in città a 25 anni da via D
L'agenda rossa di Paolo Borsellino è sparita subito dopo l'attentato di stampo mafioso del 19 luglio 1992 in cui perse la vita
BOLLENGO - Art Bonus per la chiesa dei Santi Pietro e Paolo
BOLLENGO - Art Bonus per la chiesa dei Santi Pietro e Paolo
Su proposta del sindaco, la giunta comunale ha deliberato di utilizzare le opportunità offerte dal decreto legge Art Bonus
RIVAROLO - Elezioni Eaton: vince la Uilm Canavese
RIVAROLO - Elezioni Eaton: vince la Uilm Canavese
La Uilm del Canavese è l’organizzazione più votata in azienda con il 51.56%
FERROVIA CANAVESANA - La Cgil contro Gtt e Regione Piemonte: «Siamo delusi e incazzati»
FERROVIA CANAVESANA - La Cgil contro Gtt e Regione Piemonte: «Siamo delusi e incazzati»
Oggi prima giornata senza treni sulla Rivarolo-Pont Canavese e nessuna soppressione a sorpresa (almeno salvo imprevisti in serata) sulla tratta Rivarolo-Torino Porta Susa. Il sindacato, intanto, se la prende con azienda e Regione
RIVAROLO - La scuola di Argentera intitolata al maestro Caligaris
RIVAROLO - La scuola di Argentera intitolata al maestro Caligaris
A 18 anni dalla prima richiesta, la scuola primaria della frazione ha finalmente un nome, a ricordo di una persona illustre
RIVABANCA - I soci di Alba hanno approvato la fusione con Rivarolo e Rivara: si rafforza la Banca del Canavese
RIVABANCA - I soci di Alba hanno approvato la fusione con Rivarolo e Rivara: si rafforza la Banca del Canavese
Ospite d’eccezione all'assemblea il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani che ha assistito, oltre al via libera alla fusione con RivaBanca, anche al voto favorevole per l'ingresso di Banca d'Alba e del Canavese in Iccrea
ECONOMIA - Lo sviluppo del Canavese (ri)parte da 113 progetti: è il nuovo Piano di Sviluppo. Ora si cercano i soldi
ECONOMIA - Lo sviluppo del Canavese (ri)parte da 113 progetti: è il nuovo Piano di Sviluppo. Ora si cercano i soldi
Il Piano di Sviluppo del Canavese, presentato a Colleretto Giacosa, poggia su cinque assi tematici: Industria e attività produttive, Infrastrutture e trasporti, Formazione e istruzione, Turismo cultura e sport, Sanità e welfare
OZEGNA - Grande festa per l'autonomia del Comune - FOTO
OZEGNA - Grande festa per l
Ricorrenza storica per il Comune che oggi ha celebrato i 70 anni della propria riconquistata autonomia dopo la guerra
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore