CANAVESE - Fusione in Confindustria: Torino «si prende» Ivrea, Biella e Asti

| Confindustria Canavese confluisce nel nuovo soggetto giuridico di rappresentanza degli industriali, nato per "fare squadra" a livello regionale. Potrebbe essere la fine di un'epoca per il territorio canavesano

+ Miei preferiti
CANAVESE - Fusione in Confindustria: Torino «si prende» Ivrea, Biella e Asti
Unire le esperienze, le professionalità e le capacità per individuare i servizi migliori e crearne di più avanzati e innovativi, con l’unico obiettivo di sostenere al meglio lo sviluppo imprenditoriale, economico e sociale della Regione. Dopo altre esperienze aggregative, anche il Piemonte Confindustriale intende interpretare al meglio il disegno della riforma Pesenti, puntando all’evoluzione di una piattaforma di crescita per le imprese: un modello culturale e di cambiamento sociale. Se si vuole accendere il motore della crescita a vantaggio delle imprese si deve fare sistema, abbandonando campanilismi e immobilismo. Questo è il messaggio chiave del progetto di aggregazione, dal quale nascerà un nuovo soggetto giuridico di rappresentanza frutto di una Newco, tra le Confindustrie di Torino, Asti, Biella e Canavese che, attraverso una strategia inclusiva, avrà tra gli obiettivi principali quello di generare maggiore rappresentanza, maggiore identità associativa, quindi più peso economico, sociale e politico, maggiore competitività nei servizi proposti, maggiore efficienza e “care” nei confronti degli associati.
 
In Italia ad oggi il lavoro di ridisegno della governance territoriale di Confindustria ha permesso di ridurre in quattro anni il numero delle organizzazioni di rappresentanza, passando da 100 a 73, e tra queste 5 sono le organizzazioni a perimetro regionale. Con la nuova identità, l’Area Vasta, frutto dell’integrazione di 4 territori storicamente punto di riferimento della manifattura Made in Italy come appunto Torino, Asti, Biella e Canavese, rappresenterà 3000 imprese associate per un totale che supera i 143 mila addetti. L’obiettivo di questo processo è quindi molto semplice, ovvero aumentare la forza di interlocuzione in tutto il territorio piemontese, introducendo irrinunciabili principi di efficienza e razionalizzazione organizzativa.

Dario Gallina, Presidente degli industriali torinesi, nel commentare il progetto di aggregazione fra le associazioni di Asti, Biella, Ivrea e Torino sottolinea come «la logica di questa operazione sia necessariamente “di sistema” ed abbia come obiettivo principale quello di dare maggiore forza alla rappresentanza degli interessi industriali e solidità ai rapporti con le Istituzioni in modo da esercitare un’azione più incisiva e sinergica a sostegno della crescita economica dei territori coinvolti.  Una Confindustria più forte si basa su di un sistema che si consolida a livello territoriale, che evolve con servizi di eccellenza e un’offerta più ampia e di maggiore qualità. Una grande sfida per sostenere lo sviluppo delle nostre imprese e dare nuove prospettive alla manifattura in Piemonte».

Paola Malabaila, presidente Unione Industriale della Provincia di Asti dichiara che «in una fase storica in cui il rischio dell’individualismo declinato nelle più svariate accezioni è fortemente presente, noi crediamo invece nella forza dell’unione, del confronto e del continuo scambio di idee, di informazioni e di esperienze. Proprio per questo motivo abbiamo avviato il processo di studio dell’ipotesi di aggregazione con Torino, Biella e Ivrea. Rafforzare la capacità di rappresentanza ed incrementare la qualità e la gamma dei servizi offerti salvaguardando al contempo l'identità dei territori coinvolti nel progetto è l'obiettivo a cui vogliamo tendere; il percorso non è certamente facile, e vi sono numerosi aspetti sui quali va trovata la convergenza,  ma l'impegno che ci stiamo mettendo per raggiungere l'intesa è grande, confidiamo che si possa riuscire nell’obbiettivo».

Carlo Piacenza, Presidente dell'Unione Industriale Biellese, aggiunge: «Mantenere e sviluppare il valore della rappresentanza e il legame con le imprese conservandone la declinazione territoriale, costruire un’”identità “ di area industriale vasta, più ampia, ma con un comune sentire, utile a orientare le scelte di politica industriale regionali e nazionali, garantire un elevato livello di servizio ai nostri Associati : questi sono i nostri obiettivi. Sono obiettivi molto sfidanti e certamente non tutti perseguibili nel breve periodo anche perché presuppongono, da parte di tutti noi, indipendentemente dalla “dimensione” di partenza, la capacità di immaginare e realizzare un soggetto attivo e riconosciuto completamente nuovo».

«Questo progetto di aggregazione – spiega Fabrizio Gea, Presidente di Confindustria Canavese - rappresenta un pensiero alto, un esempio di collaborazione avanzata e un’innovazione istituzionale di grande portata ed autorevolezza. Aggregare significa semplificare, migliorare la gestione della complessità e dei servizi, significa essere realmente più competitivi in termini di supporto e di guida verso le nostre aziende. Questo progetto, che coinvolge territori industrialmente e storicamente diversi ma complementari tra loro, è una testimonianza della capacità del sistema confindustriale di sapersi rinnovare, un benchmark in termini di quantità di servizi e qualità della rappresentanza».

Politica
CUORGNE' - Zaccaria è il nuovo presidente del centro anziani
CUORGNE
«Non posso che ringraziare il direttivo per questa scelta - dice il neo presidente - spero nella collaborazione di tutti»
RIVAROLO - Festa dei nonni e dei bambini con Pro loco e Unicef
RIVAROLO - Festa dei nonni e dei bambini con Pro loco e Unicef
I volontari della Pro loco affiancheranno e collaboreranno con l'Unicef per questa prima iniziativa grazie alla firma di un Protocollo d'intesa sottoscritto a maggio con l'Unpli
IVREA - Mozione sui profughi respinta dal consiglio comunale
IVREA - Mozione sui profughi respinta dal consiglio comunale
Le associazioni di "Non in mio nome" esprimono «delusione e preoccupazione per la posizione dell’intera maggioranza»
CASTELLAMONTE - Licenziato perchè ha il Parkinson: vince in tribunale ma non viene riassunto
CASTELLAMONTE - Licenziato perchè ha il Parkinson: vince in tribunale ma non viene riassunto
L'uomo, residente in Canavese, ha fatto causa all'azienda e l'ha anche vinta. Solo che, al momento, nonostante la sentenza a lui favorevole con reintegro sul posto di lavoro, ancora aspetta una chiamata dalla Teknoservice...
IVREA - Per il vescovo Roberto Farinella sono attese 3000 persone
IVREA - Per il vescovo Roberto Farinella sono attese 3000 persone
Ottocento posti garantiti nella cattedrale. Gli altri 2200 nel cortile del seminario e nel tempio delle suore con i maxi schermi
CUORGNE' - Il Comune si connette all'Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente
CUORGNE
«L'aver conseguito questo risultato ci consentirà di evitare duplicazioni di comunicazione tra le Pubbliche Amministrazioni», dice il sindaco Beppe Pezzetto
VOLPIANO - Crisi Comital e Lamalù: «Ora Di Maio deve intervenire»
VOLPIANO - Crisi Comital e Lamalù: «Ora Di Maio deve intervenire»
Si è svolto oggi presso l'assessorato al Lavoro della Regione Piemonte un incontro di aggiornamento sulla situazione
CUORGNE' - Visita del vescovo Cerrato alle scuole di Priacco e Salto - FOTO
CUORGNE
Grande entusiasmo tra i bambini e gli insegnanti che lo hanno accolto con canti e cartelloni di benvenuto
SAN MAURIZIO - Si mangia alla Festa e si raccolgono fondi per l'elisosta
SAN MAURIZIO - Si mangia alla Festa e si raccolgono fondi per l
Grande impegno dei vigili del fuoco: l'obiettivo è realizzare un'area per l'atterraggio dell'elisoccorso 24 ore su 24
RIVAROLO - Francesca Immacolata Chaouqui ospite da Bertot
RIVAROLO - Francesca Immacolata Chaouqui ospite da Bertot
L'ospete traccerà un quadro di scenario sul Vaticano e sugli sprechi e i giochi di potere di una lobby internazionale che da anni prova a mettere in crisi il pontificato di Papa Francesco
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore