CANAVESE - Incentivi per i medici che vanno nei Comuni montani e rurali

| Uncem ha apprezzato l'impegno e le proposte dell'Assessore alla Sanità della Regione Piemonte, Antonio Saitta

+ Miei preferiti
CANAVESE - Incentivi per i medici che vanno nei Comuni montani e rurali
Uncem ha apprezzato l'impegno e le proposte dell'Assessore alla Sanità della Regione Piemonte, Antonio Saitta - assieme al suo staff e a tutta la Direzione Sanità regionale, con tutte le Asl - per ridefinire l'organizzazione sanitaria nelle aree montane. Una delegazione di Amministratori locali piemontesi ha incontrato l'Assessore nella mattinata di oggi a Torino. A promuovere l'incontro, i vertici di Uncem e Anci Piemonte. "Prosegue il lavoro per individuare soluzioni a problematiche in aree definibili 'a fallimento di mercato' - afferma Lido Riba, Presidente Uncem Piemonte - per garantire più risorse economiche e umane, all'interno di una nuova moderna organizzazione dei servizi alle comunità che devono percepire sicurezza e opportunità maggiori nelle valli alpine e appenniniche".
 
Saitta ha confermato l'impegno nel mettere in campo premialità per i medici di base che scelgono di aprire studi e servizi nelle zone montane, in accordo con gli Enti locali. Positiva l'attivazione di nuove borse di studio per la specializzazione in medicina di base, nonché la disponibilità di risorse per costruire elisuperfici nei Comuni montani, grazie a piani costruiti con le Unioni montane. "Le 'case della salute' - continua Riba - hanno dato positivi risultati, assieme agli 'infermieri di comunità' e altre soluzioni organizzative, nate peraltro da sperimentazioni avviate grazie alla Strategia nazionale Aree interne o da altri progetti europei. Riorganizzare i servizi pubblici prevede di rafforzare quanto esiste ma anche di invertire paradigmi che, stante i numeri, indurrebbero i più a smobilitare, a togliere invece di ripensare, riorganizzare, con investimenti, idee, scelte chiare a difesa di tutti i cittadini. Certamente telemedicina e teleassistenza, frutto dell'Agenda digitale regionale, potranno aiutarci. Ma di certo, dobbiamo mantenere sui territori una presenza qualificata e diffusa di medici di base, oltre ai servizi di 118 per le emergenze".
 
“Consolidare l’equilibrio tra le potenzialità delle grandi aree urbane e quelle dei Comuni montani e rurali. E’ una delle sfide fondamentali che attendono il Piemonte nei prossimi anni. In una regione con caratteristiche geomorfologiche particolari come la nostra, chi sceglie di vivere nelle zone più disagiate ha forse qualche diritto in più perché rappresenta un presidio per il territorio”. Così il presidente di ANCI Piemonte, Alberto Avetta, a margine dell’incontro odierno sulla carenza di medici di famiglia e pediatri. 
 
“Di fronte a un fenomeno di dimensioni molto vaste, che interessa l’intero territorio nazionale, la Regione ci ha chiesto una mano. Non posso che ringraziare l’assessore per l’attenzione dimostrata nei confronti di un tema particolarmente caro ai Sindaci. Per quanto ci riguarda, collaboreremo affinché si trovi presto una soluzione al problema. Ben vengano dunque gli incentivi nell’ambito di un patto operativo tra Regione, Comuni e sindacati dei medici, allo scopo garantire il presidio delle aree periferiche e montane. Ricordo che, in Piemonte, i piccoli Comuni sono 1066 su un totale di quasi 1200. Ho ragione di ritenere che la nostra sia una delle regioni più sensibili al problema”, conclude Avetta.
Politica
LEINI - Saranno piantati venti alberi in tre zone diverse della città
LEINI - Saranno piantati venti alberi in tre zone diverse della città
L'iniziativa «Alberi per il futuro», promossa in tutta Italia dal Movimento 5 Stelle, si occupa di piantare alberi nelle zone urbane
IVREA - Canavese con Biella come «Capitale della Cultura d'Impresa»
IVREA - Canavese con Biella come «Capitale della Cultura d
Idea di Confindustria per diffondere la consapevolezza del valore sociale, identitario ed economico della cultura del fare impresa
CUORGNE' - La sezione della Lega si schiera al fianco del piccolo Loris
CUORGNE
Venerdì scorso una cena di beneficenza per raccogliere fondi in suo favore
RIVAROLO - Riparte «PomoDono»: frutta e verdura per le famiglie in difficoltà. 1000 persone aiutate dal progetto - FOTO
RIVAROLO - Riparte «PomoDono»: frutta e verdura per le famiglie in difficoltà. 1000 persone aiutate dal progetto - FOTO
L'idea è quella di recuperare tutta una serie di alimenti, in particolare frutta e verdura, che, rimanendo invenduti al mercato del sabato, finirebbero dritti nella spazzatura. 350 famiglie aiutate così dalla Caritas di Rivarolo
CASELLE - Ambientalisti contro il nuovo centro commerciale vicino all'aeroporto: «È futuro far chiudere centinaia di negozi di prossimità?»
CASELLE - Ambientalisti contro il nuovo centro commerciale vicino all
Le associazioni ambientaliste Pro Natura Piemonte, ATA (Associazione Tutela Ambiente), Salviamo il Paesaggio-Comitato torinese, confermano le loro perplessità sul progetto appena presentato
VOLPIANO - Una sala del municipio intitolata ad Enrico Furlini
VOLPIANO - Una sala del municipio intitolata ad Enrico Furlini
La cerimonia si svolgerà il giorno successivo alla premiazione del concorso nazionale di poesia a lui dedicato istituito nel 2009
IVREA - All'officina H IoLavoro, Wooooow, e il Salone dell'orientamento
IVREA - All
La Città di Ivrea, Confindustria Canavese, Regione e il Centro per l'impiego insieme per la promozione di tre eventi sul lavoro
IVREA - Chiesta al sindaco la cittadinanza onoraria per Liliana Segre
IVREA - Chiesta al sindaco la cittadinanza onoraria per Liliana Segre
In queste ore sta girando in città la proposta sostenuta, tra gli altri, da due ex sindaci come Giovanni Maggia e Carlo Della Pepa
TURISMO - Sei nuovi Comuni aderiscono all'accordo di programma «Made in Canavese»
TURISMO - Sei nuovi Comuni aderiscono all
Nel corso della serata altri comuni hanno manifestato interesse ad aderire all'accordo, adesioni che verranno valutate nelle prossime riunioni
CERESOLE REALE - Il ricordo della tragedia sul colle della Galisia è sempre vivo, anche a 75 anni di distanza - FOTO E VIDEO
CERESOLE REALE - Il ricordo della tragedia sul colle della Galisia è sempre vivo, anche a 75 anni di distanza - FOTO E VIDEO
Riposizionata sul monumento ai caduti la targa che, nel novembre 1961, venne sistemata in quota dalla Resistenza Canavesana. Quella targa venne inghiottita dall'alluvione del settembre '93. E' stata ritrovata dopo 26 anni da Franco Rolando
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore