CANAVESE - Undici Comuni diventano ufficialmente «Borghi Alpini» secondo i criteri dell'Uncem

| «Nell'anno dei Borghi - evidenzia Marco Bussone - in Piemonte si forma una rete con cento Comuni, che potrà crescere con altri che vorranno aggiungersi segnalando impegno e interventi di valorizzazione del patrimonio»

+ Miei preferiti
CANAVESE - Undici Comuni diventano ufficialmente «Borghi Alpini» secondo i criteri dellUncem
Borghi Alpini diventa un cartello stradale. L'ha realizzato Uncem, all'interno del programma di valorizzazione dei villaggi e delle borgate alpine, attivo ormai da cinque anni. L'iniziativa dei cartelli stradali è stata possibile grazie al progetto europeo CRinMa, nato con il programma Interreg Europe, volto alla valorizzazione del patrimonio culturale, architettonico e naturale dei territori rurali. I partner saranno domani e mercoledì a Cortemilia per il loro meeting annuale. Il cartello stradale dei Borghi Alpini – 60 centimetri per 40, in alluminio e nel rispetto degli standard di sicurezza vigenti – è stato creto da Uncem per garantire la massima visibilità per gli interventi di riqualificazione e rivitalizzazione delle borgate finora realizzati per quelle Amministrazioni che stanno approntando i piani di recupero e studi sul reinsediamento, per le borgate che potrebbero beneficiare di ulteriori risorse pubbliche, per le borgate inserite dalle Unioni montane nei "Piani di sviluppo sovracomunali", per i Comuni che stanno sviluppando progetti grazie a partenariati privati con imprese, cittadini, professionisti e investitori.
 
«Il marchio Borghi Alpini vuole mettere in rete i Comuni che credono nella riqualificazione del patrimonio edilizio come vettore di sviluppo socio-economico delle Terre Alte - spiega Marco Bussone, vicepresidente Uncem Piemonte  - i Comuni potranno installare il cartello all'ingresso dell'abitato comunale - sulla strada principale di accesso, all'ingresso del borgo ristrutturato e rivitalizzato, sotto il cartello con il nome della frazione, vicino ai cartelli indicatori delle frazioni». Nell'Anno nazionale dei Borghi, indetto dal Mibact, Uncem aggiunge così un nuovo importante tassello nella strategia di valorizzazione. «Il patrimonio edilizio abbandonato, nelle nostre vallate, può tornare a vivere, a essere recuperato con interventi importanti, capaci di veicolare nuovi residenti e turisti, nuove imprese, nuove economia e socialità - spiega Lido Riba, presidente Uncem - Il Piemonte ha mostrato di essere ancora una volta una regione apripista in questa direzione, un modello per l’Italia. Negli ultimi dieci anni sono maturati grandi investimenti, pubblici e privati, nel recupero dei centri storici e delle borgate montane». 
 
In molti casi, il lavoro si è dovuto scontrare con la mancanza di fondi e finanziamenti, con troppa burocrazia, mentre in alcune situazioni è stato determinante l’intervento di privati che hanno scelto di acquistare e riqualificare interi borghi. Servono risorse per interventi strutturali e globali dei borghi, selezionando le migliori opportunità lungo le vallate alpine, dando vita ad alberghi diffusi, aziende agricole multifunzionali, piccole imprese del settore turistico-ricettivo e artigianale, ma anche spazi per il co-working e per nuove professionalità. «Nell'Anno dei Borghi - evidenzia Marco Bussone - in Piemonte si forma una rete con cento Comuni, che potrà crescere con altri che vorranno aggiungersi segnalando impegno e interventi di valorizzazione del patrimonio che fanno bene al territorio e alle comunità». 
 
In Canavese entrano nel novero dei borghi alpini i Comuni di Noasca, Nomaglio, Ingria, Valprato Soana, Ronco Canavese, Settimo Vittone, Frassinetto (nella foto), Sparone, Alpette, Locana e Ceresole Reale.
Politica
PONTE PRETI - La Città metropolitana assicura: «300 mila euro per la sicurezza»
PONTE PRETI - La Città metropolitana assicura: «300 mila euro per la sicurezza»
«Il ponte Preti è una struttura ben diversa dal ponte dell'autostrada A10 crollato a Genova ed è una struttura monitorata in continuo dal nostro servizio Viabilità»
PONTE PRETI - Il ponte è pericoloso? Bozzello: «Fermiamo subito i camion»
PONTE PRETI - Il ponte è pericoloso? Bozzello: «Fermiamo subito i camion»
Dopo il crollo del viadotto Morandi a Genova, anche in Canavese si sono moltiplicate le segnalazioni di ponti «problematici» perchè vecchi e (forse) alle prese con una scarsa manutenzione
CUORGNE' - Due tirocinanti diventano cantonieri per sei mesi
CUORGNE
«Un'iniziativa che si inserisce nell'ambito degli interventi a favore di soggetti svantaggiati ed in situazione economica precaria», dice il sindaco Pezzetto
IVREA - Parte il corso per le nuove Guardie Ecologiche Volontarie
IVREA - Parte il corso per le nuove Guardie Ecologiche Volontarie
Le lezioni si svolgeranno in più sedi contemporaneamente, collegate via video: Torino, Pinerolo, Susa, Lanzo e Ivrea
MAPPANO - Procedura finita, il Mercatone Uno può riaprire
MAPPANO - Procedura finita, il Mercatone Uno può riaprire
Con le cessioni è stata, pertanto, garantita la salvaguardia occupazionale di 2.304 dipendenti pari a circa l'85% del totale
CUORGNE' - Via le barriere architettoniche alla materna e in Manifattura
CUORGNE
«Abbiamo dato corso ad interventi attesi da lungo tempo in particolare presso la scuola», sottolinea l'assessore Lino Giacoma Rosa
CANAVESE - «Inutile sparare ai lupi ma servono azioni a tutela di chi lavora in montagna»
CANAVESE - «Inutile sparare ai lupi ma servono azioni a tutela di chi lavora in montagna»
Così Marco Bussone, Presidente nazionale Uncem (Unione Comuni, Comunità ed Enti montani) in merito alla notizia relativa alla proposta di sparare ai lupi con proiettili di gomma. Quello dei lupi è un problema sentito anche in Canavese
RIVARA - Strada stretta: borgata inaccessibile dalle ambulanze - FOTO
RIVARA - Strada stretta: borgata inaccessibile dalle ambulanze - FOTO
Riceviamo da Belboschetto una segnalazione di disagi e problematiche legate alla strada che collega il centro abitato
BORGARO - Defibrillatore in piazza Agorà: città cardioprotetta
BORGARO - Defibrillatore in piazza Agorà: città cardioprotetta
Il defibrillatore è stato poi consegnato alla dottoressa Stefania Scagliola, responsabile della farmacia numero 13 dell'Asm
LEINI - Problemi di sicurezza: chiude il parco «Grande Torino»
LEINI - Problemi di sicurezza: chiude il parco «Grande Torino»
«Sono emerse delle problematiche gravi, legate anche alla cattiva manutenzione», conferma il vicesindaco Fabrizio Troiani
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore