CASTELLAMONTE - Abuso edilizio: il Tar condanna il Comune

| Per i giudici «pochi centimetri di difformità rispetto al progetto iniziale non possono costituire un abuso»

+ Miei preferiti
CASTELLAMONTE - Abuso edilizio: il Tar condanna il Comune
Pochi centimetri non possono costituire un abuso edilizio. Così il Tar del Piemonte ha condannato il Comune di Castellamonte a 2000 euro di spese legali, annullando la multa che l'ufficio tecnico aveva comminato all'azienda «Costruzioni Industriali Srl». La società aveva ottenuto dal Comune di Castellamonte, nel 2006, il rilascio di un permesso di costruire, poi corredato da successive varianti, per la realizzazione di un edificio di civile abitazione situato in via Pelizzina. Dopo la realizzazione dell’opera, tuttavia, l’amministrazione ha notificato l’ordinanza 48, del 12 gennaio 2009, con la quale ha irrogato alla società la sanzione pecuniaria di euro 14.580 per “Opere abusive eseguite in parziale difformità da permesso di costruire”. 
 
Nel richiamare il verbale di accertamento in data 18 novembre 2008, l’amministrazione ha contestato che le altezze interne dei vani abitabili al piano terreno (soggiorno, cucina, camera e cameretta) “sono inferiori di alcuni cm. all’altezza minima regolamentare di mt. 2,70, indicata sul progetto approvato”, con conseguente violazione delle altezze minime prescritte per i locali abitabili. E’ stato altresì contestato il “ribassamento con tratto in carton-gesso” realizzato all’interno del locale soggiorno, “con altezza libera ridotta a mt. 2,415, al fine di nascondere alla vista le tubazioni del riscaldamento, partenti dal camino, non indicato nel progetto”.
 
L’azienda ha presentato ricorso al Tar contro la maxi-multa. Il Comune di Castellamonte, invece, non si è nemmeno costituto in giudizio. «Il ricorso è fondato - dicono i giudici del Tar - lievi scostamenti rispetto alle misurazioni previste in progetto, i quali si presentino plausibili nell'ambito della tecnica costruttiva utilizzata, non possono considerarsi come difformità rispetto al titolo edilizio rilasciato. 
 
Lievi scostamenti rispetto al progetto – scrivono i giudici - non possono considerarsi come difformità rispetto al titolo edilizio rilasciato. In questo caso è pacifico che il contestato abbassamento delle altezze sia dipeso dalla realizzazione degli impianti. Il lieve scostamento si giustifica con la funzionalità della complessiva opera realizzata». La multa è stata annullata dal Tar. Nel caso di specie, peraltro, è pacifico che il contestato abbassamento delle altezze dei locali interni sia dipeso dalla realizzazione degli impianti di riscaldamento e quindi pare al Collegio che il lieve scostamento contestato dal Comune si giustificava ampiamente nell’ambito della funzionalità della complessiva opera realizzata».
Dove è successo
Politica
PONT CANAVESE - Una lettera sul nuovo polo scolastico
PONT CANAVESE - Una lettera sul nuovo polo scolastico
«Pont è un microcosmo che può offrire tutti quegli spunti d'osservazione che riconducono agli stilemi amministrativi e politici della nostra penisola»
CUORGNE' - Parcheggi a pagamento: ecco dove, come e quando
CUORGNE
Per la prima volta la città delle due torri sperimenterà la zona blu in centro. Subito polemiche da parte dei cuorgnatesi
LEINI - Si dimette l'assessore al bilancio del Comune, Marco D'Acri
LEINI - Si dimette l
Motivi professionali alla base della decisione: «Non sono più in grado di garantire quella presenza che la carica impone»
CASTELLAMONTE - Lavori in corso in diversi punti della città
CASTELLAMONTE - Lavori in corso in diversi punti della città
Nei giorni scorsi, a Castellamonte, sono partiti alcuni lavori di manutenzione richiesti da parecchio tempo al Comune
IVREA - Imprenditori a lezione in Confindustria
IVREA - Imprenditori a lezione in Confindustria
Parte un percorso formativo organizzato per aiutare le aziende a superare sfide e barriere nei mercati internazionali
CUORGNE' - Chiude (ancora una volta) il bocciodromo di via Braggio: diventerà una palestra?
CUORGNE
L'impianto sportivo, entro la fine dell'anno, perderà il gestore e rimarrà, ancora una volta, una cattedrale nel deserto. La posa del primo mattone risale al 1990. Poi uno stop di 23 anni. Le bocce, però, evidentemente «non tirano»
CASTELLAMONTE - Il centro anziani chiude: i socialisti non ci stanno
CASTELLAMONTE - Il centro anziani chiude: i socialisti non ci stanno
Dopo decenni di servizio l'associazione è ormai ad un passo dalla chiusura a causa del calo degli iscritti e dell'aumento dei costi
IVREA - Caffè con l'esperto: incontro sui media con Marco Mussini
IVREA - Caffè con l
Marco Mussini, giornalista ed ex-assistente all'Europarlamento, parlerà di comunicazione e media
TORINO-CERES - Da Vivi Caselle una proposta per ridurre i disagi
TORINO-CERES - Da Vivi Caselle una proposta per ridurre i disagi
Dopo la proposta per ridurre i disagi del tunnel di corso Grosseto a chi usa i bus, arriva un'analoga iniziativa per i treni
IVREA - Dall'Anpi un appello a coerenza e responsabilità
IVREA - Dall
Riceviamo e pubblichiamo una riflessione sull'attualità (anche in Canavese) di Mario Beiletti dell'Anpi Ivrea e Basso Canavese
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore