CASTELLAMONTE - Breve guida al Cap, questo sconosciuto

| Obiettivi, metodi di funzionamento e «pubblico» del Cap, il centro di assistenza primaria che partirà da gennaio nell'ex ospedale di Castellamonte

+ Miei preferiti
CASTELLAMONTE - Breve guida al Cap, questo sconosciuto
Obiettivi, metodi di funzionamento e «pubblico» del Cap, il centro di assistenza primaria che partirà da gennaio nell'ex ospedale di Castellamonte. In quattro punti il riassunto del progetto.
 
DI COSA SI TRATTA? - Il Cap, in breve, è un centro di assistenza primaria gestito dai medici di base del territorio. I cittadini troveranno sempre in ambulatorio (per sette ore al giorno) un dottore a disposizione. Con i medici di famiglia dell’ambito territoriale di Castellamonte è stato siglato un atto di adesione che li vede impegnati nell’ambito del Cap oltre il loro normale orario di ambulatorio.
 
A COSA SERVE? - Nell’ambito del Cap il cittadino troverà il medico di famiglia, che integrerà la propria attività con lo specialista ospedaliero o convenzionato che si occuperà dei casi di maggiore complessità clinica. Ma non solo. I servizi inclusi nel CAP sono anche la continuità assistenziale (ex guardia medica), il centro prelievi ad accesso diretto quotidiano, la radiodiagnostica, la dialisi, i servizi amministrativi distrettuali, i servizi infermieristici ambulatoriali e lo sportello unico socio sanitario.
 
A CHI E' RIVOLTO? - Il progetto sarà operativo in via sperimentale per la durata di 6-9 mesi con un’attività dedicata alla gestione delle persone affette da patologie croniche e degli eventuali accessi per bassa complessità clinica acuta. In questo periodo saranno gestiti gli utenti residenti nell’area di Castellamonte del Distretto di Cuorgnè, che conta circa 16.400 assistiti, con la presenza di un medico di famiglia per 7 ore al giorno (dalle 9 alle 12 e dalle 15 alle 19) dal lunedì al venerdì. Qualora la sperimentazione dia esiti favorevoli, sarà da prevedere a regime un’attività espletata da due medici per 7 ore al giorno per tutta la popolazione del distretto di Cuorgnè. 
 
PERCHE' UN CAP? - Quando sarà a regime il Cap gestirà la popolazione dell'intero distretto di Cuorgnè: una popolazione pari a circa 81000 abitanti, un’estensione territoriale pari a 95.178 metri quadrati con una densità di popolazione pari a 118 abitanti per chilometro quadrato, la più bassa nell’Asl TO4. «Il territorio - confermano dall'azienda sanitaria - è particolarmente complesso rispetto alle comunicazioni e alle distanze delle persone dai servizi e in tali realtà risulta importante portare i servizi delle cure primarie il più vicino possibile alla popolazione per poter rispondere al meglio alle necessità del cittadino. E il presidio sanitario di Castellamonte si colloca in posizione centrale nel distretto di Cuorgnè».
Politica
CANAVESE - In arrivo altri disagi per chi usa le ferrovie di Gtt
CANAVESE - In arrivo altri disagi per chi usa le ferrovie di Gtt
Dopo due anni di tavoli di trattative, l'altra mattina brutta fumata nera per la negoziazione del Settore Tecnico Ferrovie
MAPPANO COMUNE - Sentenza del Tar Piemonte il 31 maggio
MAPPANO COMUNE - Sentenza del Tar Piemonte il 31 maggio
Il «Comitato per la costituzione di Mappano Comune» ha presentato istanza urgente per bloccare il ricorso di Borgaro e Leini
IVREA - Salvatore Borsellino in città a 25 anni da via D'Amelio
IVREA - Salvatore Borsellino in città a 25 anni da via D
L'agenda rossa di Paolo Borsellino è sparita subito dopo l'attentato di stampo mafioso del 19 luglio 1992 in cui perse la vita
BOLLENGO - Art Bonus per la chiesa dei Santi Pietro e Paolo
BOLLENGO - Art Bonus per la chiesa dei Santi Pietro e Paolo
Su proposta del sindaco, la giunta comunale ha deliberato di utilizzare le opportunità offerte dal decreto legge Art Bonus
RIVAROLO - Elezioni Eaton: vince la Uilm Canavese
RIVAROLO - Elezioni Eaton: vince la Uilm Canavese
La Uilm del Canavese è l’organizzazione più votata in azienda con il 51.56%
FERROVIA CANAVESANA - La Cgil contro Gtt e Regione Piemonte: «Siamo delusi e incazzati»
FERROVIA CANAVESANA - La Cgil contro Gtt e Regione Piemonte: «Siamo delusi e incazzati»
Oggi prima giornata senza treni sulla Rivarolo-Pont Canavese e nessuna soppressione a sorpresa (almeno salvo imprevisti in serata) sulla tratta Rivarolo-Torino Porta Susa. Il sindacato, intanto, se la prende con azienda e Regione
RIVAROLO - La scuola di Argentera intitolata al maestro Caligaris
RIVAROLO - La scuola di Argentera intitolata al maestro Caligaris
A 18 anni dalla prima richiesta, la scuola primaria della frazione ha finalmente un nome, a ricordo di una persona illustre
RIVABANCA - I soci di Alba hanno approvato la fusione con Rivarolo e Rivara: si rafforza la Banca del Canavese
RIVABANCA - I soci di Alba hanno approvato la fusione con Rivarolo e Rivara: si rafforza la Banca del Canavese
Ospite d’eccezione all'assemblea il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani che ha assistito, oltre al via libera alla fusione con RivaBanca, anche al voto favorevole per l'ingresso di Banca d'Alba e del Canavese in Iccrea
ECONOMIA - Lo sviluppo del Canavese (ri)parte da 113 progetti: è il nuovo Piano di Sviluppo. Ora si cercano i soldi
ECONOMIA - Lo sviluppo del Canavese (ri)parte da 113 progetti: è il nuovo Piano di Sviluppo. Ora si cercano i soldi
Il Piano di Sviluppo del Canavese, presentato a Colleretto Giacosa, poggia su cinque assi tematici: Industria e attività produttive, Infrastrutture e trasporti, Formazione e istruzione, Turismo cultura e sport, Sanità e welfare
OZEGNA - Grande festa per l'autonomia del Comune - FOTO
OZEGNA - Grande festa per l
Ricorrenza storica per il Comune che oggi ha celebrato i 70 anni della propria riconquistata autonomia dopo la guerra
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore