CASTELLAMONTE - Crolla la raccolta differenziata: allarme del Comune

| La raccolta differenziata è scadente: le bollette rischiano di aumentare ancora una volta. Così il Comune di Castellamonte invita i cittadini ad un maggiore impegno nella corretta raccolta e divisione dei rifiuti

+ Miei preferiti
CASTELLAMONTE - Crolla la raccolta differenziata: allarme del Comune
La raccolta differenziata è scadente: le bollette rischiano di aumentare ancora una volta. Così il Comune di Castellamonte, tramite l'assessore all'ambiente Marco Bernardi Ghisla e il sindaco Pasquale Mazza, invita i cittadini ad un maggiore impegno nella raccolta rifiuti. Oggi è stata diffusa una lettera/comunicato destinata alla cittadinanza.

«Nel mese di giugno scorso si è svolto a Castellamonte un incontro, promosso dall'Amministrazione Comunale in collaborazione con Teknoservice Srl, avente come tema la situazione della qualità della raccolta dei rifiuti sul territorio comunale, con particolare riferimento alla corretta procedura per l’esecuzione della raccolta differenziata (da qui in poi “RD”) e relativo conferimento delle varie tipologie di rifiuti solidi urbani (RSU). L'invito era rivolto a tutti i cittadini, alle Associazioni e alle Istituzioni locali in genere, poichè le tematiche di confronto riguardavano l'intera collettività.

Purtroppo i dati forniti dalla società che ha in gestione localmente la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti, la Teknoservice, hanno mostrato una percentuale di rifiuti differenziati, e quindi riciclabili, estremamente bassa, mentre la rimanenza, molto elevata, che risulta quindi indifferenziata, deve essere inviata alle infrastrutture di riferimento (discariche, termovalorizzatore) per il successivo smaltimento con conseguenti costi che gravano su tutti i cittadini. Questa situazione di differenziazione piuttosto inefficiente, crea nei fatti tutta una serie di problematiche particolarmente gravi: tra le quali una legata all'ambiente e un'altra legata ai costi di smaltimento che si ribaltano conseguentemente sulla tassa rifiuti.

La percentuale della raccolta differenziata a Castellamonte risulta attualmente ben al di sotto dei livelli minimi richiesti a livello nazionale (circa 50% di RD a fronte dell’obiettivo 65% imposto dal DLgs 152/2006), persino più bassa di altre realtà italiane generalmente considerate meno sensibili su questi temi, situazione che non è più sostenibile anche dal punto di vista tariffario. Purtroppo, il perdurare di questa tendenza, oltre a gravare come detto sull'ambiente, che spesso suscita poco interesse nei cittadini, potrebbe gravare ulteriormente ben presto sulla tassa rifiuti poiché il costo dello smaltimento dei rifiuti non differenziati è particolarmente oneroso e in tendenziale crescita.

A conclusione dell’incontro è stato poi distribuito ai presenti un volantino nel quale sono ben descritti i comportamenti virtuosi da seguire per differenziare correttamente i rifiuti, volantino che é comodamente scaricabile dal sito web sia del Comune che di Tecknoservice oppure richiedibile in forma cartacea al gestore del servizio di raccolta.

Con il presente comunicato, l’Amministrazione Comunale vuole farsi portavoce dell’importanza di differenziare il piú possibile ed in modo corretto i rifiuti, sensibilizzando ognuno dei cittadini a scegliere sempre la strada che permette di ridurne la produzione, già a partire dall’ambito casalingo di ciascuno, con l’obiettivo principale di permettere ad ognuno di vivere in un ambiente migliore e di conseguenza contrastare l’incremento oneroso della tariffazione. A fronte di tale obiettivo, l’Amministrazione Comunale si impegna, pertanto, a far proseguire nei prossimi mesi i controlli a campione sull’intero territorio castellamontese, informando il singolo cittadino qualora venisse riscontrata una differenziazione dei rifiuti non corretta».

Politica
PONTE PRETI - La Città metropolitana assicura: «300 mila euro per la sicurezza»
PONTE PRETI - La Città metropolitana assicura: «300 mila euro per la sicurezza»
«Il ponte Preti è una struttura ben diversa dal ponte dell'autostrada A10 crollato a Genova ed è una struttura monitorata in continuo dal nostro servizio Viabilità»
PONTE PRETI - Il ponte è pericoloso? Bozzello: «Fermiamo subito i camion»
PONTE PRETI - Il ponte è pericoloso? Bozzello: «Fermiamo subito i camion»
Dopo il crollo del viadotto Morandi a Genova, anche in Canavese si sono moltiplicate le segnalazioni di ponti «problematici» perchè vecchi e (forse) alle prese con una scarsa manutenzione
CUORGNE' - Due tirocinanti diventano cantonieri per sei mesi
CUORGNE
«Un'iniziativa che si inserisce nell'ambito degli interventi a favore di soggetti svantaggiati ed in situazione economica precaria», dice il sindaco Pezzetto
IVREA - Parte il corso per le nuove Guardie Ecologiche Volontarie
IVREA - Parte il corso per le nuove Guardie Ecologiche Volontarie
Le lezioni si svolgeranno in più sedi contemporaneamente, collegate via video: Torino, Pinerolo, Susa, Lanzo e Ivrea
MAPPANO - Procedura finita, il Mercatone Uno può riaprire
MAPPANO - Procedura finita, il Mercatone Uno può riaprire
Con le cessioni è stata, pertanto, garantita la salvaguardia occupazionale di 2.304 dipendenti pari a circa l'85% del totale
CUORGNE' - Via le barriere architettoniche alla materna e in Manifattura
CUORGNE
«Abbiamo dato corso ad interventi attesi da lungo tempo in particolare presso la scuola», sottolinea l'assessore Lino Giacoma Rosa
CANAVESE - «Inutile sparare ai lupi ma servono azioni a tutela di chi lavora in montagna»
CANAVESE - «Inutile sparare ai lupi ma servono azioni a tutela di chi lavora in montagna»
Così Marco Bussone, Presidente nazionale Uncem (Unione Comuni, Comunità ed Enti montani) in merito alla notizia relativa alla proposta di sparare ai lupi con proiettili di gomma. Quello dei lupi è un problema sentito anche in Canavese
RIVARA - Strada stretta: borgata inaccessibile dalle ambulanze - FOTO
RIVARA - Strada stretta: borgata inaccessibile dalle ambulanze - FOTO
Riceviamo da Belboschetto una segnalazione di disagi e problematiche legate alla strada che collega il centro abitato
BORGARO - Defibrillatore in piazza Agorà: città cardioprotetta
BORGARO - Defibrillatore in piazza Agorà: città cardioprotetta
Il defibrillatore è stato poi consegnato alla dottoressa Stefania Scagliola, responsabile della farmacia numero 13 dell'Asm
LEINI - Problemi di sicurezza: chiude il parco «Grande Torino»
LEINI - Problemi di sicurezza: chiude il parco «Grande Torino»
«Sono emerse delle problematiche gravi, legate anche alla cattiva manutenzione», conferma il vicesindaco Fabrizio Troiani
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore