CASTELLAMONTE - L'istituto Domenica Romana resterà pubblico

| Comune e consiglio confermano la volontà di procedere alla trasformazione in un'Azienda servizio alla persona pubblica

+ Miei preferiti
CASTELLAMONTE - Listituto Domenica Romana resterà pubblico
La Legge Regionale 12 del 2017 sul riordino delle ex IPAB impone la trasformazione nel periodo massimo di un anno dell’assetto gestionale ed organizzativo agli istituti presenti ancora in Piemonte. Il Domenica Romana avendo un bilancio che pareggia su circa un milione novecento mila euro potrà scegliere se rimanere su un assetto gestionale pubblico trasformandosi in Agenzia di Servizio alla Persona ASP oppure privatizzarsi attraverso il riordino in Fondazione. Tale riordino è sicuramente un passo complesso ed importante sia per la gestione dei servizi, contratto con il personale e l’amministrazione dell’Istituto. Si impone un nuovo direttivo e soprattutto un nuovo statuto che indichi le modalità operative e le nomine dei rappresentanti del Consiglio di Amministrazione e di conseguenza del Direttore.

Ma facciamo un passo indietro: attualmente l’Istituto Domenica Romana ospita circa 90 persone e di recente ha ottenuto funzioni di RSA ovvero di residenza sanitaria con notevoli sforzi nella gestione dei servizi alle persone, pur mantenendo rette tra le più basse del Canavese. Ovviamente le domande di ricovero sono sempre più frequenti da parte di persone che hanno bisogno di assistenza sanitaria più che alberghiera e di supporto.

La struttura si è dotata, sempre recentemente, di Direttore Sanitario ovvero di medico che coordina i servizi sanitari, l’infermeria e le cartelle mediche degli ospiti. Sono stati eseguiti ed ultimati lavori per circa 250 mila euro per l’adeguamento alle normative imposte dalla ASL e dalla prevenzione incendi oltre all’ammodernamento di tre piani e la revisione dell’ascensore porta lettighe. Altri 200 mila euro saranno investiti nel secondo lotto di adeguamento entro due anni con la costruzione di primo soccorso obbligatorio in caso di incendio ai piani terzo e quarto e nuova sala per fisioterapia. Grazie anche ai lasciti recenti l’Istituto gode di buona dote patrimoniale di beni disponibili e denaro ed è in procinto di acquisire un lotto di fabbricati adiacenti per l’ampliamento del parcheggio interno e la costruzione di un deposito, inoltre si sta procedendo all’acquisto di un terreno sempre adiacente al fabbricato principale con i proventi della vendita già effettuata di un terreno agricolo nella frazione S. Antonio e vincolati a tale operazione.

L’Istituto è proprietario di un alloggio a Torino, di un box a Castellamonte, del “vecchio ricovero” e di un’abitazione con terreno in frazione Filia, oggetto di donazione e di recente bando di vendita. A livello gestionale amministrativo ha un buon impianto con tre dipendenti impiegati alla contabilità, al front office e alla logistica e gestione dei servizi oltre al Segretario con mansioni di Direttore della struttura. L’attuale Consiglio di Amministrazione è composto da 5 membri compreso il Presidente che non percepiscono alcuna indennità di carica e nessun rimborso spese. Ha già una contabilità praticamente pubblica e anche una gestione di tipo pubblico con delibere e determine che vengono controllate dalla Regione.

Si appoggia ad una Tesoreria con il sistema di mandati e reversali, quindi con orientamento pubblico. Effettua appalti e dispone incarichi secondo le recenti normative pubbliche con albo dei fornitori e gare di appalto per i servizi. Con la trasformazione di riordino imposta dalla Regione occorre scegliere, come detto, se privatizzare l’intera struttura oppure mantenere di fatto l’impostazione attuale con lieve modifica della contabilità recentemente modificata anche nei piccoli Comuni dal D. Lgs.118/11. Soprattutto occorre riscrivere lo Statuto seguendo le tracce proposte dalla regione Piemonte e tale Statuto deve sostanzialmente indicare la nomina del CDA.

«Dall’incontro tra il Consiglio della Struttura e l’Amministrazione del Comune di Castellamonte è emersa la volontà di procedere alla trasformazione in ASP ovvero Azienda servizio alla persona pubblica - dicono l'attuale presidente Danilo Sassoè Pognetto e il sindaco Pasquale Mazza - ciò per vari motivi, tra i quali l’ammontare del bilancio annuale di circa 2 milioni di euro ed il patrimonio disponibile. In questa direzione è stata espressa volontà di dare potere al Comune per la nomina dell’intero Consiglio di Amministrazione compreso un parente in linea discendente o collaterale del fondatore Romana. Questo pare il percorso più ragionevole e vicino al volere dei padri costituenti e fondatori del Domenica Romana, riordinato in una versione più attuale e che garantisca il prosieguo dell’attività al servizio dei cittadini».

Politica
CUORGNE' - Pezzetto, Pieruccini e D'Amato «prof» per un giorno alle medie
CUORGNE
Lezione a scuola sul ruolo e funzionamento di un Comune e sui diritti e doveri di una comunità
CASTELLAMONTE - «Armonicamente Autismo», nuovo service per il Lions Club
CASTELLAMONTE - «Armonicamente Autismo», nuovo service per il Lions Club
La presentazione del progetto è avvenuta il 9 ottobre al ristorante di Castellamonte Tre Re, sede del Lions Club Alto Canavese
CERESOLE REALE - Blocco dei camper: la minoranza chiede lumi al sindaco
CERESOLE REALE - Blocco dei camper: la minoranza chiede lumi al sindaco
Interrogazione sulla rimozione del divieto di circolazione di grandi mezzi nel tratto di strada "lungo lago" di Ceresole Reale
CIRIE' - Posizionati i cartelli che insegnano il «vivere civile»
CIRIE
Sono 25 i cartelli dedicati al decoro urbano e al rispetto degli altri, che verranno presto affissi sul territorio comunale
VOLPIANO - Il Ministero finanzia i lavori per il rio San Giovanni
VOLPIANO - Il Ministero finanzia i lavori per il rio San Giovanni
Approvato un finanziamento a fondo perduto a favore del Comune di Volpiano di 680mila euro per la sistemazione idraulica
IVREA - Le frasi contro gli zingari di Giorgia Povolo diventano un caso nazionale
IVREA - Le frasi contro gli zingari di Giorgia Povolo diventano un caso nazionale
Si continua a discutere del post contro gli zingari pubblicato su Facebook, a gennaio, dall'attuale assessore alle politiche sociali del Comune di Ivrea
CANAVESE - Lavori post maltempo: rimosse le frane a Belmonte e in Valchiusella
CANAVESE - Lavori post maltempo: rimosse le frane a Belmonte e in Valchiusella
I tre servizi di viabilità della Città metropolitana di Torino hanno effettuato molteplici interventi per una cifra complessiva stimata intorno ai 900 mila euro
MAPPANO - Disastro 46: l'Agenzia per la mobilità chiede lumi alla Gtt
MAPPANO - Disastro 46: l
Anche l'Agenzia per la Mobilità Piemontese, dopo i solleciti, ha chiesto conto a Gtt dei disservizi segnalati dai cittadini
IVREA - «Zingari zecche e parassiti»: l'assessore Povolo risponde alle critiche per il suo post
IVREA - «Zingari zecche e parassiti»: l
«Si tratta di parole scritte in un momento di grande rabbia e panico, a seguito di un brutto furto, il primo che io abbia subito». Si giustifica così Giorgia Povolo, assessore alle politiche sociali del Comune di Ivrea
COLLERETTO G. - Conicella è il presidente dei Parchi Scientifici
COLLERETTO G. - Conicella è il presidente dei Parchi Scientifici
Conicella è il direttore generale di Bioindustry Park Silvano Fumero Spa di Colleretto Giacosa. E' stato nominato a Milano
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore