CASTELLAMONTE - «La discarica di Vespia va chiusa subito»

| Riceviamo e pubblichiamo il comunicato del Movimento 5 Stelle di Castellamonte in merito alla discarica ex Asa

+ Miei preferiti
CASTELLAMONTE - «La discarica di Vespia va chiusa subito»
Riceviamo e pubblichiamo il comunicato del Movimento 5 Stelle di Castellamonte in merito alla discarica (ex Asa) di Vespia.

La discarica di Vespia da decenni in stato di semi/abbandono, nonostante tre ultimatum (ma quanta pazienza…) non ha tutt’oggi conseguito caratteristiche di sicurezza sufficienti a garantire alcunché, figurarsi la riprofilatura o l’ampliamento. Diamo atto che finalmente (meglio tardi che mai) le autorità competenti si stanno preoccupando di richiamare il gestore ai propri doveri e stanno verificando e documentando le inefficienze rilevate, addirittura ne fanno partecipe la cittadinanza con riunioni pubbliche.

C’è di più, nuove analisi sono state eseguite sui pozzi privati intorno alla discarica, ma l'amministrazione comunale ha sempre smentito un suo coinvolgimento diretto. Eppure alcune indiscrezioni giunte ai nostri uffici metropolitani direttamente dall’ARPA, informano che l'Agenzia tuttora stia conducendo delle campagne di monitoraggio proprio su richiesta del Comune di Castellamonte. Purtroppo le risultanze definitive non sono ad oggi ancora state trasmesse alla Città Metropolitana ma è lecito supporre che quasi certamente il Comune ne sia in possesso. In questo caso, quale atto di reale e completa trasparenza, sarebbe grandemente apprezzata la condivisione di tali informazioni.
 
Non vorremmo apparire diffidenti e scettici nei confronti dell’amministrazione ma purtroppo, le soluzioni finora proposte a noi non sembrano né ponderate né particolarmente attente al problema ambientale e alla salute dei cittadini. Il Movimento Cinque Stelle, ritiene opportuno e necessario che le Autorità preposte e le amministrazioni locali convolte nella fase decisionale, a questo punto senza alcuna incertezza, procedano in modo deciso al fine di definire una linea d’intervento che salvaguardi l’ambiente e la cittadinanza, oltre a garantire una soluzione organicamente accettabile e sopportabile dal territorio.
 
Dal nostro punto di vista c’è una sola e unica soluzione: la discarica di Vespia deve essere chiusa e seguendo il piano originale si deve iniziare al più presto con l’attività del post-mortem. Su questo punto chi è di parere opposto solleva la questione economica, ma la soluzione in realtà è assai semplice e ci viene fornita proprio dalla magistratura che in questo ultimo periodo ha chiesto ai Comuni del vecchio consorzio di risarcire le quote che si sono dilapidate con il fallimento di A.S.A. (ma delle quali gli enti comunali devono rispondere in quanto soci). In quei fondi ci dovevano essere anche le risorse per la gestione della discarica per il periodo del post-mortem. Quindi chiediamo che non si facciano sconti su fondi il cui accantonamento è disposto dalla legge.
 
Se invece gli attuali amministratori scegliessero di continuare a usare attivamente la discarica di Vespia, il Movimento Cinque Stelle suggerisce per lo meno di curare con più attenzione l’accantonamento dei fondi (già dissolti in passato) e che tutte le compensazioni rese alle casse del Comune di Castellamonte vengano allocate in un fondo esclusivo e vincolato per interventi ambientali volti alla messa in sicurezza e manutenzione ordinaria (Post-Mortem) della discarica di Vespia. Sollecitiamo inoltre gli amministratori a continuare a coinvolgere la cittadinanza nelle scelte di questo ma anche di altri progetti che riguardano il territorio, un segno di trasparenza virtuoso e apprezzato, più volte auspicato.
Dove è successo
Politica
MAPPANO - Raccolta firme contro l'ordinanza dei 1000 divieti
MAPPANO - Raccolta firme contro l
A promuovere la petizione sono i consiglieri di opposizione e un nutrito gruppo di cittadini. Prima grana per il sindaco Grassi
IVREA - Atto vandalico firmato «Decima Mas» danneggia simbolo della Resistenza sul lungo Dora - FOTO
IVREA - Atto vandalico firmato «Decima Mas» danneggia simbolo della Resistenza sul lungo Dora - FOTO
Oggi pomeriggio, sabato 22 luglio, alle ore 17,30, l'Anpi di Ivrea e basso Canavese invita associazioni e cittadini, sul Lungo Dora di Ivrea «per manifestare con tranquilla fermezza la condanna per l'episodio»
RIVAROLO - Il centro storico vietato alle auto? «Nei prossimi mesi»
RIVAROLO - Il centro storico vietato alle auto? «Nei prossimi mesi»
Il Comune di Rivarolo tornerà alla carica sul progetto «Ztl» dopo la sperimentazione dell'anno scorso relativa a via Ivrea
MAPPANO - Non si è dimesso il segretario comunale Bovenzi
MAPPANO - Non si è dimesso il segretario comunale Bovenzi
«Il Segretario Comunale, Umberto Bovenzi, ha confermato il suo impegno nel Comune di Mappano», si legge in una nota
CANAVESE - Richiedenti asilo in montagna? Il buon esempio di Chiesanuova e il sostegno dell'Uncem
CANAVESE - Richiedenti asilo in montagna? Il buon esempio di Chiesanuova e il sostegno dell
«Non devono sentirsi soli i sindaci che accolgono migranti e richiedenti asilo» dice l'Uncem. L'accoglienza diffusa auspicata dal ministro dell'Interno, Minniti, già si realizza in decine di Comuni montani piemontesi
VOLPIANO - Crisi Comital: Comune e Regione al fianco dei lavoratori
VOLPIANO - Crisi Comital: Comune e Regione al fianco dei lavoratori
L'assessora al Lavoro della Regione Piemonte, Gianna Pentenero, ha confermato la disponibilità ad aprire un tavolo tecnico
PONT - Finanziato l'inizio dei lavori per la Sp47 della Valle Soana
PONT - Finanziato l
Primi passi avanti nel progetto relativo alla strettoia verso la Valle Soana. Ora è atteso il via libera per l'inizio del cantiere
IVREA - Un nuovo direttivo per l'associazione Casa delle donne
IVREA - Un nuovo direttivo per l
La Casa è un luogo dove ogni donna può trovare ascolto per i propri problemi, contare sulla disponibilità delle altre
MAPPANO - Approvato il primo statuto del Comune autonomo
MAPPANO - Approvato il primo statuto del Comune autonomo
Il nuovo Comune di Mappano si è dotato degli strumenti fondamentali per poter operare nella pienezza dei suoi poteri
CANAVESE - I piccoli comuni entrino nel consiglio della Smat
CANAVESE - I piccoli comuni entrino nel consiglio della Smat
Lo chiede con forza l'Uncem a nome di tutte le Unioni montane di Comuni della Città metropolitana di Torino
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore