CASTELLAMONTE - Multe a raffica ai commercianti per le vetrine non in regola: per il Comune sanzioni legittime

| Con la campagna elettorale alle porte è stato come gettare una tanica di benzina in un camino acceso. A far scattare le multe la pubblicità dei marchi in vendita e le insegne non in regola. Il tutto con controlli «a sorpresa»

+ Miei preferiti
CASTELLAMONTE - Multe a raffica ai commercianti per le vetrine non in regola: per il Comune sanzioni legittime
Insegne e vetrofanie non autorizzate: multe fino a 800 euro per i commercianti di Castellamonte. Ovviamente a sorpresa. Negozianti in rivolta nella città della ceramica: da quando il Comune ha affidato (in prova) l’appalto della gestione pubblicitaria alla «Abaco» (società specializzata nella riscossione delle entrate tributarie), sono piovuti verbali a raffica. A far scattare le multe la pubblicità dei marchi in vendita e le insegne non in regola ma, in qualche caso, gli addetti avrebbero sanzionato anche i commercianti che hanno affisso i manifesti di eventi organizzati con il Comune. 
 
«Nessun incaricato si è presentato nei negozi per stilare il verbale – dicono i commercianti del centro – si sono limitati a fotografare le vetrine e a spedire le multe. Chiederemo conto al Comune di questo atteggiamento vergognoso nei nostri confronti». Con la campagna elettorale alle porte è stato come gettare una tanica di benzina in un camino acceso. «Le multe, visto lo stato in cui versa il commercio locale, rappresentano un fatto gravissimo – dice il consigliere di minoranza Pasquale Mazza – così come è grave l’atteggiamento di questa amministrazione che si è sempre disinteressata della questione. È necessario agire in fretta per rivedere la posizione dei commercianti multati». Molti negozianti, in effetti, si sono visti recapitare il verbale senza nemmeno sapere che la ditta Abaco era stata incaricata di verificare insegne e pubblicità. 
 
"Anno scorso è scaduto appalto con la precedente ditta - dice l'assessore Tomaino - passati da Aipa ad Abaco dal primo gennaio. In prova per un anno. A novembre è stato comunicato che sarebbe cambiata la ditta. Abaco ha fatto altrettanto. La stessa azienda ha avvisato che i pagamenti sarebbero slittati al 31 marzo 2016. Poi sono arrivati i bollettini. Dipendente di Abaco ha preso i dati degli iscritti e ha verificato che tutto fosse a norma. Parecchi commercianti lo hanno visto e hanno chiamato in Comune. Dopo la verifica sono emerse numerose inadempienze e questi sono stati multati. La legge va rispettata". Il Comune garantisce che non ci sono costi legati alle insegne di ceramica.  Prossima settimana è previsto un incontro tra Comune e Abaco per valutare caso per caso, tabulati alla mano.
Dove è successo
Politica
CUORGNE' - Progetto Italia-Francia: summit in Manifattura
CUORGNE
Toccherà ai capofila ed ai partner italiani presentare lo stato dei lavori in corso, centrati per il versante torinese sul Canavese e le Valli di Lanzo
VALPRATO - Il paese scopre il turismo con un'estate da record
VALPRATO - Il paese scopre il turismo con un
Numeri stimolati dall'inaugurazione della seggiovia Ciavanassa e del rifugio, oltre al centro di educazione ambientale
CANAVESE - Addio a Mediapolis: il tribunale di Ivrea ha sancito il fallimento del parco divertimenti
CANAVESE - Addio a Mediapolis: il tribunale di Ivrea ha sancito il fallimento del parco divertimenti
Il progetto, osteggiato in prima battuta dagli ambientalisti, anche a causa dei ritardi e delle beghe giudiziarie, è stato affossato da 15 milioni di euro di debiti. Ora toccherà al curatore fallimentare valutare le richieste dei creditori
IVREA - Un presidio di Casa Pound per la sicurezza dei cittadini
IVREA - Un presidio di Casa Pound per la sicurezza dei cittadini
Militanti di CasaPound e residenti hanno svolto un presidio in strada «per dire basta al degrado e all'escalation di violenza»
CUORGNE' - Torna a vivere l'area verde della Manifattura - FOTO A CONFRONTO
CUORGNE
Da sabato l'area di fronte alla Manifattura, il cosiddetto «arcipelago dello sport», è a disposizione dei cittadini cuorgnatesi
TASSE NON PAGATE - Bollo auto: la Regione Piemonte ha recapitato 450.000 avvisi e ingiunzioni
TASSE NON PAGATE - Bollo auto: la Regione Piemonte ha recapitato 450.000 avvisi e ingiunzioni
I destinatari delle ingiunzioni erano già stati raggiunti in passato dagli avvisi di accertamento per lo stesso motivo. Entro il mese di dicembre saranno circa 700 mila le raccomandate recapitate nelle case dei piemontesi...
LEINI - Nuove deleghe per Silvia Cossu in Città metropolitana
LEINI - Nuove deleghe per Silvia Cossu in Città metropolitana
Silvia Cossu era la prima non eletta della lista del Movimento 5 Stelle nelle elezioni. Subentra a Carlotta Trevisan
LEINI - Luca Torella è il nuovo coordinatore di Articolo 1- MDP
LEINI - Luca Torella è il nuovo coordinatore di Articolo 1- MDP
Torella, già dirigente provinciale di SeL, ha accettato l'incarico affidatogli assumendo l'impegno a una gestione unitaria
LOCANA - Goiettina confermato segretario del Pd nelle valli
LOCANA - Goiettina confermato segretario del Pd nelle valli
«Siamo un gruppo di giovani che vuole costruire opportunità sul territorio» ha detto il riconfermato segretario del partito di Renzi
IVREA - Tribunale condanna Vodafone: «Trasferimenti illegittimi». I lavoratori devono tornare in Canavese
IVREA - Tribunale condanna Vodafone: «Trasferimenti illegittimi». I lavoratori devono tornare in Canavese
Avevano ragione i lavoratori: il trasferimento deciso da Vodafone per 19 di loro era illegittimo. Questa mattina il giudice del Lavoro ha dato torto all'azienda telefonica che, due mesi fa, aveva spedito 19 dipendenti da Ivrea a Milano
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore