CASTELLAMONTE - Pd all'attacco: «Il vicesindaco incapace»

| Dopo il consiglio comunale aperto sulla raccolta rifiuti il circolo locale del partito se la prende con Maddio

+ Miei preferiti
CASTELLAMONTE - Pd allattacco: «Il vicesindaco incapace»
Poca gente in aula e nessuna risposta, da parte dell'amministrazione comunale di Castellamonte, sui motivi che hanno scatenato l'incredibile aumento delle bollette della raccolta rifiuti (in alcuni casi più che raddoppiate). Il vicesindaco Giovanni Maddio ha tentato di rispondere ai quesiti di alcuni residenti ma, partendo dall'età della pietra, dopo quasi un'ora d'intervento, non ha chiarito il perchè dell'aumento delle bollette.
 
Tanto che una cittadina, alla fine del consiglio, intervenendo come commerciante, ha ammesso: «Sarò ignorante io, ma oggi non ho capito nulla». Impossibile darle torto. In effetti, dopo una lunga disamina degli aspetti tecnici, nessuno ha spiegato con chiarezza i motivi degli aumenti. 
 
«Dopo aver lungamente atteso la convocazione del Consiglio Comunale aperto per discutere sull’applicazione della Tari si è capito ben presto che la tattica dell’amministrazione sarebbe stata la melina - dice Pasquale Mazza del Partito Democratico - si è scelto un orario poco adatto alla categoria più arrabbiata, cioè quella delle aziende, si sono contingentati i tempi della discussione in due ore. Con il vicesindaco che ne ha usata una per esporre la storia di Asa e Tecnoservice, per illustrare le responsabilità di altri e l'impossibilità del Comune di poter intervenire sui costi». Una tattica ben precisa, secondo l'opposizione: «Il vicesindaco, incapace di dare risposte, è diventato il burocrate del Comune mentre sulla questione sanzioni alla Teknoservice è evidente che l’amministrazione non vuole darle. Perché? Ribadiamo con forza che a tutti i quesiti sulle mancanze del servizio non è stata data alcuna risposta come è evidente che il contratto è stato firmato senza neppure leggerlo». 
 
Una sola novità per il Pd. «L’amministrazione ha ammesso che nel 2014 Castellamonte ha pagato 130mila euro in più di quanto verrà richiesto nel 2015. Ora vengano restituiti quei soldi». L'amministrazione ha annunciato di aver iniziato la verifica delle superfici per le utenze non domestiche (le più penalizzate dagli aumenti) e che le percentuali di divisione tra utenze domestiche e non domestiche passeranno da 53-47 a 62-38. Inoltre si cercherà di applicare le tariffe minime previste per ogni categoria. «Speriamo almeno che questa forma di “ribellione soft” sia servita per far capire che i cittadini non sono più disponibili ad accettare supinamente tutto ciò che viene chiesto - aggiunge il Pd - l'amministrazione ha fatto capire per l'ennesima volta di essere contro i cittadini e a favore di Tecnoservice. La cosa più evidente è la loro incapacità ddi gestire questa partita. Il vicesindaco si è preso la briga di convocare tavoli tecnici, riunioni e confronti con il risultato che i castellamontesi sono quelli che hanno pagato di più di tutti. Complimenti all’incapacità». 
Politica
OZEGNA - La prima carta d'identità elettronica al sindaco Sergio Bartoli
OZEGNA - La prima carta d
Per ottenerla è necessario informarsi sulle procedure direttamente in municipio
IVREA - Morti d'amianto in Olivetti: «Una ferita ancora aperta»
IVREA - Morti d
La sensazione, in città, è che quelli di Ivrea siano stati considerati "morti di serie B" rispetto ad altri procedimenti giudiziari
FAVRIA - La giornata dell'ambiente e dell'ecologia
FAVRIA - La giornata dell
Difendere l’ambiente e rispondere alla sfida dei mutamenti climatici non solo è necessario, ma rappresenta anche una straordinaria opportunità per creare lavoro e nuova economia
IVREA - CasaPound raccoglie firme per le elezioni comunali
IVREA - CasaPound raccoglie firme per le elezioni comunali
«Dopo le politiche siamo pronti per dire la nostra anche in questa tornata elettorale per il comune», dice Igor Bosonin
SANITA' - «Negli ospedali del Canavese personale da aumentare»
SANITA
Così Francesca Bonomo, deputata del Partito Democratico, dopo il taglio del nastro del pronto soccorso di Cuorgnè
MAPPANO - Polemiche sul bilancio preventivo per il 2018
MAPPANO - Polemiche sul bilancio preventivo per il 2018
L'opposizione critica: «Mancano investimenti». L'Amministrazione sottolinea invece che il carico fiscale è rimasto invariato
RIVAROLO - Meluzzi da Bertot: così riparte l'Officina delle idee
RIVAROLO - Meluzzi da Bertot: così riparte l
«L'obiettivo è di far ripartire un confronto a Rivarolo sui grandi temi ma anche su questioni legate al territorio»
CUORGNE' - Contro la violenza sui bambini due giorni dedicati a Telefono Azzurro
CUORGNE
Telefono Azzurro da ormai oltre trent’anni opera per la protezione di bambini e adolescenti anche con la linea gratuita 1.96.96
IVREA - Il centrodestra candida a sindaco Stefano Sertoli
IVREA - Il centrodestra candida a sindaco Stefano Sertoli
Soddisfatta la Senatrice Tiraboschi: «Stefano è una persona di cultura che nella sua vita ha saputo dimostrare grandi doti»
CUORGNE' - Approvato il regolamento per diventare volontari
CUORGNE
«Servirà ad aprire in modo corretto ed ordinato alla cittadinanza la possibilità di essere parte attiva delle tante iniziative»
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore