CASTELLAMONTE - Pd all'attacco: «Il vicesindaco incapace»

| Dopo il consiglio comunale aperto sulla raccolta rifiuti il circolo locale del partito se la prende con Maddio

+ Miei preferiti
CASTELLAMONTE - Pd allattacco: «Il vicesindaco incapace»
Poca gente in aula e nessuna risposta, da parte dell'amministrazione comunale di Castellamonte, sui motivi che hanno scatenato l'incredibile aumento delle bollette della raccolta rifiuti (in alcuni casi più che raddoppiate). Il vicesindaco Giovanni Maddio ha tentato di rispondere ai quesiti di alcuni residenti ma, partendo dall'età della pietra, dopo quasi un'ora d'intervento, non ha chiarito il perchè dell'aumento delle bollette.
 
Tanto che una cittadina, alla fine del consiglio, intervenendo come commerciante, ha ammesso: «Sarò ignorante io, ma oggi non ho capito nulla». Impossibile darle torto. In effetti, dopo una lunga disamina degli aspetti tecnici, nessuno ha spiegato con chiarezza i motivi degli aumenti. 
 
«Dopo aver lungamente atteso la convocazione del Consiglio Comunale aperto per discutere sull’applicazione della Tari si è capito ben presto che la tattica dell’amministrazione sarebbe stata la melina - dice Pasquale Mazza del Partito Democratico - si è scelto un orario poco adatto alla categoria più arrabbiata, cioè quella delle aziende, si sono contingentati i tempi della discussione in due ore. Con il vicesindaco che ne ha usata una per esporre la storia di Asa e Tecnoservice, per illustrare le responsabilità di altri e l'impossibilità del Comune di poter intervenire sui costi». Una tattica ben precisa, secondo l'opposizione: «Il vicesindaco, incapace di dare risposte, è diventato il burocrate del Comune mentre sulla questione sanzioni alla Teknoservice è evidente che l’amministrazione non vuole darle. Perché? Ribadiamo con forza che a tutti i quesiti sulle mancanze del servizio non è stata data alcuna risposta come è evidente che il contratto è stato firmato senza neppure leggerlo». 
 
Una sola novità per il Pd. «L’amministrazione ha ammesso che nel 2014 Castellamonte ha pagato 130mila euro in più di quanto verrà richiesto nel 2015. Ora vengano restituiti quei soldi». L'amministrazione ha annunciato di aver iniziato la verifica delle superfici per le utenze non domestiche (le più penalizzate dagli aumenti) e che le percentuali di divisione tra utenze domestiche e non domestiche passeranno da 53-47 a 62-38. Inoltre si cercherà di applicare le tariffe minime previste per ogni categoria. «Speriamo almeno che questa forma di “ribellione soft” sia servita per far capire che i cittadini non sono più disponibili ad accettare supinamente tutto ciò che viene chiesto - aggiunge il Pd - l'amministrazione ha fatto capire per l'ennesima volta di essere contro i cittadini e a favore di Tecnoservice. La cosa più evidente è la loro incapacità ddi gestire questa partita. Il vicesindaco si è preso la briga di convocare tavoli tecnici, riunioni e confronti con il risultato che i castellamontesi sono quelli che hanno pagato di più di tutti. Complimenti all’incapacità». 
Politica
PONTE PRETI - Il ponte fa paura? L'otto settembre un incontro pubblico a Castellamonte
PONTE PRETI - Il ponte fa paura? L
Quasi 12mila firme online su change.org per chiedere interventi urgenti di messa in sicurezza per il Ponte Preti di Strambinello, il già noto "ponte nuovo" lungo la ex statale Pedemontana 565
RIVAROLO - Addio area Vallesusa: diventerà deposito del cippato?
RIVAROLO - Addio area Vallesusa: diventerà deposito del cippato?
Rivarolo resta senza teatro e senza area expo. Cambio di sede anche per il Vespa Club e la Galleria della locomozione storica
CUORGNE' - Il progetto della scuola Cena supera l'esame della Regione
CUORGNE
Pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte del 9 agosto la graduatoria relativa agli interventi di messa in sicurezza degli edifici scolastici
CANAVESE - L'Uncem: «Su lupi e ungulati stiamo dalla parte degli allevatori»
CANAVESE - L
«Uncem da sempre sta dalla parte degli allevatori, delle imprese agricole, di chi svolge un ruolo attivo nelle aree montane»
PONTE PRETI - 6000 firme raccolte per chiedere interventi urgenti
PONTE PRETI - 6000 firme raccolte per chiedere interventi urgenti
Bozzello alla carica: promosso un incontro pubblico a Castellamonte sulla situazione del ponte il prossimo otto settembre
PONTE PRETI - «La manutenzione del ponte con i pedaggi della Torino-Aosta»
PONTE PRETI - «La manutenzione del ponte con i pedaggi della Torino-Aosta»
Proposta dell'Uncem per garantire maggiori opere di manutenzione su alcuni assi viari molto trafficati
LEINI - Polemica sulla ristrutturazione della scuola Anna Frank
LEINI - Polemica sulla ristrutturazione della scuola Anna Frank
«I locali non potevano essere utilizzati perché privi di tutta la documentazione necessaria» ha fatto presente il consigliere Pittalis
FELETTO - Settimana decisiva per salvare la stazione ferroviaria
FELETTO - Settimana decisiva per salvare la stazione ferroviaria
Il comitato «No alla chiusura della stazione ferroviaria di Feletto» continua nella sua battaglia per evitare la soppressione
CHIVASSO - Il 31 agosto chiuderà per sempre la discarica dei Pogliani
CHIVASSO - Il 31 agosto chiuderà per sempre la discarica dei Pogliani
«Finalmente riusciamo a vedere un po' di luce, ma non la fine, al fondo del tunnel», dice il sindaco chivassese Castello
PONTE PRETI - La Città metropolitana assicura: «300 mila euro per la sicurezza»
PONTE PRETI - La Città metropolitana assicura: «300 mila euro per la sicurezza»
«Il ponte Preti è una struttura ben diversa dal ponte dell'autostrada A10 crollato a Genova ed è una struttura monitorata in continuo dal nostro servizio Viabilità»
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore