CASTELLAMONTE - Pd all'attacco: «Il vicesindaco incapace»

| Dopo il consiglio comunale aperto sulla raccolta rifiuti il circolo locale del partito se la prende con Maddio

+ Miei preferiti
CASTELLAMONTE - Pd allattacco: «Il vicesindaco incapace»
Poca gente in aula e nessuna risposta, da parte dell'amministrazione comunale di Castellamonte, sui motivi che hanno scatenato l'incredibile aumento delle bollette della raccolta rifiuti (in alcuni casi più che raddoppiate). Il vicesindaco Giovanni Maddio ha tentato di rispondere ai quesiti di alcuni residenti ma, partendo dall'età della pietra, dopo quasi un'ora d'intervento, non ha chiarito il perchè dell'aumento delle bollette.
 
Tanto che una cittadina, alla fine del consiglio, intervenendo come commerciante, ha ammesso: «Sarò ignorante io, ma oggi non ho capito nulla». Impossibile darle torto. In effetti, dopo una lunga disamina degli aspetti tecnici, nessuno ha spiegato con chiarezza i motivi degli aumenti. 
 
«Dopo aver lungamente atteso la convocazione del Consiglio Comunale aperto per discutere sull’applicazione della Tari si è capito ben presto che la tattica dell’amministrazione sarebbe stata la melina - dice Pasquale Mazza del Partito Democratico - si è scelto un orario poco adatto alla categoria più arrabbiata, cioè quella delle aziende, si sono contingentati i tempi della discussione in due ore. Con il vicesindaco che ne ha usata una per esporre la storia di Asa e Tecnoservice, per illustrare le responsabilità di altri e l'impossibilità del Comune di poter intervenire sui costi». Una tattica ben precisa, secondo l'opposizione: «Il vicesindaco, incapace di dare risposte, è diventato il burocrate del Comune mentre sulla questione sanzioni alla Teknoservice è evidente che l’amministrazione non vuole darle. Perché? Ribadiamo con forza che a tutti i quesiti sulle mancanze del servizio non è stata data alcuna risposta come è evidente che il contratto è stato firmato senza neppure leggerlo». 
 
Una sola novità per il Pd. «L’amministrazione ha ammesso che nel 2014 Castellamonte ha pagato 130mila euro in più di quanto verrà richiesto nel 2015. Ora vengano restituiti quei soldi». L'amministrazione ha annunciato di aver iniziato la verifica delle superfici per le utenze non domestiche (le più penalizzate dagli aumenti) e che le percentuali di divisione tra utenze domestiche e non domestiche passeranno da 53-47 a 62-38. Inoltre si cercherà di applicare le tariffe minime previste per ogni categoria. «Speriamo almeno che questa forma di “ribellione soft” sia servita per far capire che i cittadini non sono più disponibili ad accettare supinamente tutto ciò che viene chiesto - aggiunge il Pd - l'amministrazione ha fatto capire per l'ennesima volta di essere contro i cittadini e a favore di Tecnoservice. La cosa più evidente è la loro incapacità ddi gestire questa partita. Il vicesindaco si è preso la briga di convocare tavoli tecnici, riunioni e confronti con il risultato che i castellamontesi sono quelli che hanno pagato di più di tutti. Complimenti all’incapacità». 
Politica
CASTELLAMONTE - Maestra si vanta di essere fascista: il Pd subito all'attacco
CASTELLAMONTE - Maestra si vanta di essere fascista: il Pd subito all
Una nota contro l’insegnante arriva dal Pd di Castellamonte, città dove la maestra ha effettivamente insegnato per qualche tempo
CANAVESE - Si vanta di essere fascista su Facebook: maestra segnalata alla polizia postale
CANAVESE - Si vanta di essere fascista su Facebook: maestra segnalata alla polizia postale
L'insegnante avrebbe reso pubbliche le proprie preferenze politiche su diversi post che sono stati pubblicati sul profilo Facebook. Profilo che, nei giorni scorsi è stato oscurato. La Regione ha segnalato il caso anche al provveditorato
CASTELLAMONTE - Addio zona blu dal 6 novembre: Mazza conferma
CASTELLAMONTE - Addio zona blu dal 6 novembre: Mazza conferma
Non sarà rinnovato il contratto con la ditta che gestisce i parcheggi a pagamento. Dopo tre anni le strisce torneranno bianche
CASO SMAT - Rostagno ribadisce il suo No alla nomina dell'ex Asa: «La scelta resta inopportuna»
CASO SMAT - Rostagno ribadisce il suo No alla nomina dell
E sulla difesa di Chiono, Rostagno rivela un particolare: «Chiono è stato di Sessa anche il testimone di nozze. Non mi stupisce questa sua difesa d'ufficio». Alla fine la Appendino ha deciso di non recepire il suggerimento di Rostagno
CASO SMAT - Chiono attacca Rostagno e difende Appendino: «Dal sindaco di Rivarolo lettera menzognera»
CASO SMAT - Chiono attacca Rostagno e difende Appendino: «Dal sindaco di Rivarolo lettera menzognera»
Durissima lettera del sindaco di Busano contro il collega di Rivarolo in merito alla nomina di un ex Asa per la Smat: «Non si è documentato ed esprime giudizi, oltretutto inviando un documento menzognero ai colleghi sindaci»
IVREA - La biblioteca è senza il certificato prevenzione incendi
IVREA - La biblioteca è senza il certificato prevenzione incendi
Una carenza gravissima che è oggetto della mozione presentata dai consiglieri comunali Francesco Comotto e Alberto Tognoli
CASO SMAT - La Appendino tira dritto e conferma la nomina dell'ex Asa per il consiglio di amministrazione
CASO SMAT - La Appendino tira dritto e conferma la nomina dell
Per ora la lettera del sindaco di Rivarolo Canavese non ha sortito effetti: nella nuova terna presentata dal Comune di Torino c'è ancora il nome di Fabio Sessa. Nome che ha sollecitato la reazione dei sindaci canavesani
CUORGNE' - Successo per le feste nelle frazioni: Pezzetto ringrazia i volontari
CUORGNE
«Mi sembra il minimo ringraziare tutti quei volontari che in modo gratuito si sono prestati in questo mese di luglio per animare le rispettive frazioni»
CANAVESE - La Appendino propone un ex Asa per la Smat: Rostagno guida la protesta dei sindaci
CANAVESE - La Appendino propone un ex Asa per la Smat: Rostagno guida la protesta dei sindaci
Sul nome di Fabio Sessa, indicato dal sindaco di Torino, Chiara Appendino, per il nuovo vertice della Smat, scoppia la rivolta dei sindaci dell'alto Canavese. Pronto il voto contrario se Torino non cambierà il candidato
CASTELLAMONTE - La Mostra della Ceramica si fa: dal 9 al 24 settembre
CASTELLAMONTE - La Mostra della Ceramica si fa: dal 9 al 24 settembre
Il sindaco Pasquale Mazza garantisce: «Stiamo già lavorando per dare la giusta continuità alle nostre tradizioni»
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore