CASTELLAMONTE - Quando l'Asa era un ufficio di collocamento e faceva comodo a tutti...

| Nel 2011, dopo il commissariamento, l'ex manager Filipponi racconta gli ultimi mesi dell'azienda. E svela retroscena che oggi, ovviamente, molti sindaci hanno completamente dimenticato...

+ Miei preferiti
CASTELLAMONTE - Quando lAsa era un ufficio di collocamento e faceva comodo a tutti...
La sensazione, dopo tanti anni di vicissitudini dentro e fuori i tribunali, è che fino a quando c'era da «mangiare», nessuno, ma proprio nessuno, si è interessato alla sorti dell'Asa, la multi-utility dell'alto Canavese per la quale, la scorsa settimana, è stato presentato il conto. Alcuni sindaci, oggi, fanno orecchie da mercante. Dimenticano quello che è successo fino all'altro ieri e si stupiscono di cose note a tutti. Come l'esistenza di un distributore di benzina in capo al consorzio dei rifiuti. Mai autorizzato da nessuno, a sentire qualche primo cittadino, eppure funzionante per diversi anni senza generare scandalo alcuno negli amministratori. Solo oggi, che c'è il conto da pagare, qualche sindaco parla di cattiva gestione. Meglio tardi che mai...

Riportiamo, qui sotto, un'intervista pubblicata nel 2011 dal quotidiano La Stampa. Parla Emidio Filipponi, l'ex numero uno dell'Asa. Voluto da sindaci e rimasto in sella all'azienda per diversi anni. Ovviamente, quando le cose sono andate a rotoli, è diventato il nemico. Prima ne erano state persino respinte le dimissioni... Ora, l'intervista è del 2011 ma è di fortissima attualità, dal momento che, dopo tanti anni, la vicenda Asa non è ancora conclusa e, probabilmente, andrà avanti ancora per un bel pezzo...
 
Come ha fatto l’Asa ad accumulare un debito simile? «Il punto di svolta è arrivato nel maggio del 2008 – racconta Filipponi a La Stampa – con le indagini dei carabinieri del Noe (in quell’occasione, il direttore e altri quattro finirono agli arresti domiciliari per un presunto stoccaggio illecito di rifiuti. Sono stati assolti). Un paio di banche ritirarono subito il loro supporto ai nostri investimenti. Perdemmo 15 milioni di euro in un colpo solo. Fu l’inizio della fine. Fino al 2007 avevamo chiuso tutti i bilanci in pareggio».
 
A fine 2008, dopo le indagini della procura, a fronte di 20 milioni di euro di debiti, l’Asa chiese ai Comuni di intervenire per ricapitalizzare l’azienda. Tutti i sindaci d’accordo. Poi nessuno cacciò un euro… «Nessun Comune ha mai messo una lira per diventare socio dell’Asa. Nei nostri auspici, grazie alla sinergia del territorio, l’azienda avrebbe dovuto restare in piedi, con le bollette e la gestione degli impianti. Non avevamo capitali ma riuscimmo ad aprire persino la discarica».
 
I sindacati hanno bollato l’Asa come “l’ufficio di collocamento del Canavese”. Quanti sindaci hanno bussato alla sua porta per far assumere dei dipendenti? «Praticamente tutti. Ma non erano assunzioni di favore. Spesso erano il tentativo di aiutare persone in difficoltà. Avevamo deciso di fare dell’Asa l’azienda di riferimento di tutto il territorio, in grado di dare una mano un po’ ovunque».
 
Non ha mai pensato di farsi da parte? «Ho presentato due volte le mie dimissioni all’assemblea dei sindaci. Sono state sempre respinte. All’unanimità».
Politica
CANAVESE - Operativo il nuovo centro per la salute degli immigrati
CANAVESE - Operativo il nuovo centro per la salute degli immigrati
Il Servizio si rivolge ai cittadini stranieri non in regola e non iscrivibili al Servizio Sanitario Nazionale
TAVAGNASCO - Siglato il «gemellaggio» con Charantonnay
TAVAGNASCO - Siglato il «gemellaggio» con Charantonnay
In piazza del Municipio si è svolta la celebrazione dell'unione tra i due Comuni, con la lettura della Carta del Gemellaggio
IVREA - 80 posti di lavoro a rischio al Cic: incontro in Regione
IVREA - 80 posti di lavoro a rischio al Cic: incontro in Regione
La Regione Piemonte chiederà con urgenza un tavolo al Ministero dello Sviluppo economico per affrontare la situazione
RIVAROLO - Summit dei geometri al Castello Malgrà
RIVAROLO - Summit dei geometri al Castello Malgrà
Snellimento delle procedure burocratiche e velocizzazione delle pratiche. Sono queste le richieste principali che i geometri di Torino e Provincia rivolgono al nuovo governo insediatosi poco più di un mese fa
CANAVESE - 500 mila euro per gli studenti pendolari che partono dai paesi di montagna
CANAVESE - 500 mila euro per gli studenti pendolari che partono dai paesi di montagna
Si tratta di un contributo per l'acquisto degli abbonamenti al trasporto pubblico, per il prossimo anno scolastico, che favorirà la residenzialità nei Comuni posti a oltre 600 metri di altitudine, limitando abbandono e spopolamento
MONTALTO DORA - La Fasti ha ottento il «Bollino per l'Alternanza»
MONTALTO DORA - La Fasti ha ottento il «Bollino per l
Un riconoscimento per le imprese associate a Confindustria che si distinguono per i percorsi di alternanza scuola-lavoro
CUORGNE' - Puliti i canali per evitare guai in caso di nubifragi
CUORGNE
«Sono azioni di prevenzione che rientrano nell’ambito del progetto Cuorgnè più Sicura», dice il sindaco Beppe Pezzetto
LOCANA - Taglio del nastro per la nuova centralina idroelettrica
LOCANA - Taglio del nastro per la nuova centralina idroelettrica
Alla cerimonia il sindaco Giovanni Bruno Mattiet insieme all'onorevole Alessandro Giglio Vigna e alla Senatrice Virginia Tiraboschi
CASTELLAMONTE - L'ex asilo va in malora: è scontro politico - FOTO
CASTELLAMONTE - L
Allarme degrado a Preparetto. Da quando la vecchia gestione ha lasciato la frazione, la struttura è stata abbandonata
RIVAROLO - Addio zona blu... ma solo ad agosto
RIVAROLO - Addio zona blu... ma solo ad agosto
Arriva il mese di agosto e, come consuetudine, va in vacanza anche la sosta a pagamento
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore