CASTELLAMONTE - Rifiuti e discarica: Mazza chiede l'esercito...

| Riceviamo e pubblichiamo il comunicato del consigliere di minoranza, Pasquale Mazza, sulla delicata questione rifiuti

+ Miei preferiti
CASTELLAMONTE - Rifiuti e discarica: Mazza chiede lesercito...
Riceviamo e pubblichiamo il comunicato del consigliere di minoranza, Pasquale Mazza, sulla delicata questione rifiuti e sulla gestione della discarica di Vespia a Castellamonte.
 
«La questione rifiuti continua a tenere banco a Castellamonte ho ricevuto molte chiamate di protesta, le questioni sono due: l’ennesimo salasso dovuto ai conguagli che stanno consegnando in questi giorni e la discarica di Vespia con i suoi annosi problemi. Durante un Consiglio comunale il sig. Vicesindaco sosteneva che la bolletta dei rifiuti sarebbe calata. FALSO: oltre ad essere aumentata quando sono state inviate le bollette relative al 2016 nei giorni scorsi è arrivato anche il conguaglio perché? 
 
Non è dato a sapersi, con l’aggravante che molti servizi non vengono svolti (per esempio si intravvedono foglie nei viali del centro senza contare che le frazioni, lo ricordo al vicesindaco, non servono solo per fare le passerelle quando c’è festa bisogna anche pulirle, sono sporche e non vengono mai spazzate. Sono state spedite cartelle con 1 euro di conguaglio cioè più il costo di carta e spedizione che l’incasso effettivo, non si poteva conguagliare nella prossima bolletta?.  Evidentemente le proteste dello scorso anno non sono servite, oppure i gestori si sentono protetti da qualcuno e fanno cosa gli pare). A questo proposito intendo sottolineare che i disservizi NON sono causati dagli operatori. 
 
Per quale motivo i castellamontesi pagano la tariffa come se si facesse ovunque la raccolta differenziata mentre ciò non avviene, e spesso, come ho letto sulle centinaia di reclami dei cittadini, si raccoglie tutto assieme? Ciò comporta un notevole aumento delle pesature in discarica in base alla quale si definisce la parte variabile della tariffa e non è poco. Perché l’ufficio ragioneria continua a pagare nonostante i disservizi evidenti benché l’art. 9 del contratto stabilisce le sanzioni da applicare? Dove sono i 130.000 euro pagati in più lo scorso anno? Se qualcuno si illude di fare opere elettorali o cose del genere si sbaglia. Stornateli dalle prossime bollette.
 
L’altro problema riguarda la discarica di Vespia: Circa due mesi fa a Muriaglio il sig. Maddio difendeva a spada tratta la gestione quando tutti i cittadini continuavano a dire che prima di riaprire(ammesso che fosse il caso di riaprire) erano necessarie alcune opere e soprattutto monitorare il problema del percolato, oggi si erge a paladino dei diritti e della salute dei cittadini. Come mai, gli chiedo, durante le conferenze dei servizi ha sempre fatto scena muta? Quelle poche volte che ha parlato lo ha fatto solo perché pressato dai cittadini. 
 
Da questo punto di vista l’Amministrazione ha grosse colpe, una per tutte: perché non ha rinnovato nel 2007/2008 l’incarico al geologo pagato dai cittadini che era la nostra garanzia e che monitorava costantemente la discarica? Chi bisognava difendere con il mancato rinnovo dell’incarico? Cosa bisognava coprire? Se si fosse continuato su quella strada forse molti guai non sarebbero occorsi. E’ UNA VERGOGNA. BASTA DANNI ALLA CITTA’ ED ALLA SALUTE DEI CITTADINI: LA DISCARICA VA CHIUSA E MAI PIU’ RIAPERTA E CHI HA SBAGLIATO PAGHI SUBITO. PERCHE’ NON SI INTERPELLA IL MINISTERO DELL’AMBIENTE E SI FA INTERVENIRE L’ESERCITO (da altre parti in Italia viene fatto)? Il tempo sta finendo e fra qualche mese il tutto sarà gestito….DIVERSAMENTE».      
Dove è successo
Politica
FERROVIA - Via i passaggi a livello: Legambiente invoca prudenza
FERROVIA - Via i passaggi a livello: Legambiente invoca prudenza
L'associazione chiede il varo di uno studio che metta a fuoco le esigenze di mobilità dei cittadini e studi i flussi attuali
CUORGNE' - Meno alberi in piazza: polemica sui social network
CUORGNE
E' partita la riqualificazione di piazza Martiri della Libertà per il mantenimento della sicurezza e il riordino del viale alberato
REFERENDUM - Anche il Canavese volta le spalle a Renzi: il No sfiora il 60% - TUTTI I DATI COMUNE PER COMUNE
REFERENDUM - Anche il Canavese volta le spalle a Renzi: il No sfiora il 60% - TUTTI I DATI COMUNE PER COMUNE
Netta affermazione del NO al referendum costituzionale che ha sancito la bocciatura del governo Renzi e le relative dimissioni del primo ministro. I dati del Canavese confermano l'andamento nazionale
REFERENDUM - Affluenza da record anche in Canavese: oltre il 70% dei cittadini sono andati a votare
REFERENDUM - Affluenza da record anche in Canavese: oltre il 70% dei cittadini sono andati a votare
Le affluenze definitive in Canavese confermano una grande partecipazione al voto da parte dell'elettorato. Persino superiore alle affluenze registrate a livello nazionale
REFERENDUM - Urne aperte fino alle 23: affluenza in aumento oltre il 20% anche in Canavese - TUTTI I DATI
REFERENDUM - Urne aperte fino alle 23: affluenza in aumento oltre il 20% anche in Canavese - TUTTI I DATI
Si attesta oltre il 23% la percentuale d'affluenza nei Comuni del Canavese, superiore a quella del resto della provincia di Torino. A livello nazionale, alle 12, aveva votato il 20,1% degli aventi diritto. Non c'è bisogno del quorum
REFERENDUM - Urne chiuse: i primi sondaggi confermano il successo del NO
REFERENDUM - Urne chiuse: i primi sondaggi confermano il successo del NO
Secondo i primi SONDAGGI diffusi da Repubblica questi i risultati delle urne SI - 42-46% NO - 54-58%
CASTELLAMONTE - «Sulle telecamere Maddio si deve dimettere»
CASTELLAMONTE - «Sulle telecamere Maddio si deve dimettere»
Appalto illegale: «Il vicesindaco lo chiami a coppe e lui risponde a bastoni. Questa volta però ha superato il limite...»
MONTAGNA - Posta solo a giorni alterni: la rabbia dell'Uncem
MONTAGNA - Posta solo a giorni alterni: la rabbia dell
L'associazione segnala il caso all'AgCom, ai competenti Ministeri, ai parlamentari dei territori e alla Regione Piemonte
CANAVESANA - La Regione assicura: «La ferrovia non chiude: chiesti i fondi per elettrificare la Rivarolo-Pont»
CANAVESANA - La Regione assicura: «La ferrovia non chiude: chiesti i fondi per elettrificare la Rivarolo-Pont»
La Regione ha chiesto al governo 5,8 milioni di euro per procedere all'elettrificazione della tratta Rivarolo-Pont. Altri otto milioni di euro, invece, sono stati richiesti per la messa in sicurezza del tratto Rivarolo-Settimo
RIVAROLO - Il sindaco Alberto Rostagno rinuncia allo stipendio
RIVAROLO - Il sindaco Alberto Rostagno rinuncia allo stipendio
Vice e assessori, invece, incasseranno rispettivamente 1430 e 1150 euro (lordi). Il Comune risparmia così più di 16 mila euro
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore