CHIVASSO - I Comuni, 25 anni dopo, nel ricordo del crollo del ponte

| Una cerimonia commovente per ricordare i tragici eventi a 25 anni dall'alluvione che sconvolse tutta la zona del chivassese

+ Miei preferiti
CHIVASSO - I Comuni, 25 anni dopo, nel ricordo del crollo del ponte
Si è svolta domenica pomeriggio, 17 novembre, a Palazzo Einaudi, la commemorazione del 25mo anniversario dell’alluvione e del crollo del ponte sul Po, avvenuto il 5 novembre 1994. Ad organizzare la manifestazione, il Comune di Chivasso in collaborazione con il Comune di Castagneto Po ed il distaccamento “F. Petratto” dei Vigili del Fuoco Volontari di Chivasso. Ad aprire la cerimonia è stato Paolo Caffaro Rore, vice capo del distaccamento del gruppo chivassese, che ha ricordato gli eventi che nella notte del 5 novembre 1994 portarono al crollo del ponte sul Po.
 
“Siamo qui per celebrare il 25mo anniversario dell’alluvione che colpì Chivasso il 5 novembre del 1994 - ha dichiarato -. Un giorno nefasto, un giorno in cui alle ore 23 la potenza dell’acqua portò via il ponte sul Po, isolando Chivasso dal resto della collina”. Caffaro ha ricordato il grande lavoro che fecero i vigili del fuoco. “I pompieri erano lì, come tutte le altre volte in cui qualcuno ha bisogno. In quegli interventi si racchiusero tanti valori, famiglia, fratellanza, squadra. Si condivisero la paura, la rabbia, ma si apprese, grazie all’esperienza dei più anziani, cosa fosse la determinazione, il coraggio, la sicurezza. Si condivise lo spirito di sacrificio che accomuna chi indossa la divisa. Oggi sarebbe più semplice gestire le emergenze grazie alle strumentazioni moderne, ma la natura fa il suo corso e il territorio chivassese e quelli circostanti rimangono sempre zone a rischio”.
 
La parola è poi passata al sindaco di Chivasso, Claudio Castello. “Sono passati 25 anni da quella che è stata una delle pagine più tristi della storia di Chivasso, dopo il secondo conflitto mondiale - ha detto il primo cittadino - . A distanza di 50 anni dal bombardamento della nostra città, nel maggio del 1944, e all’indomani della chiusura della Lancia, che aveva messo in ginocchio la nostra economia, pativa anche questa grande tragedia. Venticinque anni fa, tra il 5 ed il 6 novembre 1994, una drammatica alluvione si abbatteva sul Piemonte e sul Chivassese, lasciando dietro di sé una lunga scia di distruzione e morte. Quel fine settimana è rimasto impresso negli occhi di tutti i chivassesi. Tutti noi che abbiamo vissuto qui tragici momenti, abbiamo dovuto fare i conti con un fenomeno meteorologico, sicuramente non nuovo per chi è abituato a convivere con il grande fiume, ma devastante per la capacità di mettere in discussione e ridimensionare drammaticamente tutte le nostre certezze, le nostre convinzioni e le nostre abitudini”.
 
Il sindaco ha evidenziato le difficoltà che il crollo del ponte ha portato alla città ed anche ai paesi limitrofi. “Improvvisamente quel collegamento che aveva consentito negli anni di unire Castagneto, San Sebastiano, Casalborgone, Lauriano, Monteu, Cavagnolo, Brozolo, Verrua Savoia, San Raffaele, Gassino e tanti altri Comuni del Monferrato, ognuno portatore di una propria tipicità, con la sua storia, le sue specialità e le sue diversità, veniva a mancare. Banalmente non c’era più. Il ponte era crollato e con il crollo di questa infrastruttura fisica Chivasso, comune capofila del “chivassese”, per la prima volta, dopo tanti anni, scopriva la sua complementarietà con quelle aree e quei territori che si trovavano sull’altra sponda del Po”. Solo grazie all’intervento dei Vigili del Fuoco, delle altre forze dell’ordine, della Croce Rossa, della Protezione Civile e delle associazioni, Chivasso è riuscita a rialzarsi e dopo le soluzioni provvisorie come il traghetto gestito dai militari che trasportava le persone da una sponda all’altra del fiume, il nuovo ponte venne inaugurato il 2 maggio del 1997. “Sono quei 230 metri di asfalto, quel collegamento sopra le acque del Po, che hanno segnato questo momento storico della nostra vita - ha concluso -. Un ponte che unisce, che accomuna, che facilita, che alimenta ogni giorno la speranza di migliaia di persone che vi transitano e che vivono la loro quotidiana vita di qua e di là delle due sponde”.
 
Quindi è intervenuto il sindaco di Castagneto Po, Danilo Borca. “In una notte le certezze della collina sono cadute - ha dichiarato -. Le cose più banali come la scuola, il lavoro, il trasporto ferroviario, la sanità in un attimo si sono annullate ed è stato un grosso colpo. Da quel giorno si è scoperta una parte attiva della comunità. C’è stato il traghetto che portava le persone da una parte all’altra ed è stato aperto un vecchio tratto di strada che collegava San Sebastiano e Verolengo con la creazione del ponte Bailey, fornendo una nuova viabilità alternativa”. La cerimonia è proseguita con la consegna di attestati di riconoscenza ai Vigili del Fuoco, che misero a repentaglio la loro vita per cercare di arginare i danni di quei tragici eventi: a Mario Gaia e Fulvio Brinoglio, Vigili del Fuoco di Chivasso che intervennero durante l’alluvione, a i parenti di Marino Borca, capo squadra dei vigile del fuoco che per ultimo attraversò il ponte pochi secondi prima del crollo, al Comitato locale della Croce Rossa, all’Erv di Chivasso, all’Aib di Castagneto ed ai Vigili del Fuoco di Meano e Giovo, in provincia di Trento, che intervennero in aiuto della città.
 
L’evento si è concluso con una fiaccolata da palazzo Einaudi fino al ponte sul Po, per la posa dei fiori alla lapide dedicata a Marino Borca. Presenti alla commemorazione, tutti i sindaci del territorio ed il consigliere regionale Gianluca Gavazza.
Politica
IVREA - Autobus elettrici: la Regione ha detto «Si». Ne servono venti per far funzionare la conurbazione eporediese
IVREA - Autobus elettrici: la Regione ha detto «Si». Ne servono venti per far funzionare la conurbazione eporediese
Il parco autobus circolante sul servizio urbano di Ivrea č tra i pił vecchi in Piemonte. Infatti l'etą media dei pullman č pari a 18,5 anni. Per questo i sindacati hanno proposto di rinnovare il parco mezzi con soli autobus elettrici
IVREA - L'istituto Giovanni Cena vara il progetto «Plastic Free»
IVREA - L
Prevede interventi ed azioni per sensibilizzare gli studenti sui temi ambientali, incrementando la raccolta differenziata
VOLPIANO - Agevolazioni per chi investe nel commercio locale
VOLPIANO - Agevolazioni per chi investe nel commercio locale
Scade il 28 febbraio, salvo eventuali proroghe, il termine per la presentazione delle domande per l'ottenimento di agevolazioni
LEINI - Il Comune aderisce al festival diffuso «Lunathica»
LEINI - Il Comune aderisce al festival diffuso «Lunathica»
«Il teatro di strada estende i confini dell'arte: esce dagli schemi per farsi vicino, accessibile a tutti, per tutti»
CANAVESE - «La Regione finanzierą i teatri di Cuorgnč e la pinacoteca di Frassinetto con risorse proprie o con nuovi fondi europei»
CANAVESE - «La Regione finanzierą i teatri di Cuorgnč e la pinacoteca di Frassinetto con risorse proprie o con nuovi fondi europei»
Lo annuncia Mauro Fava: «Ho avuto precise rassicurazioni in merito dall'assessore alla Cultura Vittoria Poggio». Il sopralluogo della Commissione regionale a Cuorgnč ha sollevato qualche critica visto che i soldi sono poi finiti ad Oropa
CUORGNE' - Partono i lavori per il nuovo campo di calcio a sette
CUORGNE
Il nuovo campo sorgerą al posto del campetto di allenamento che si trova alle spalle dello stadio intitolato a Carlin Bergoglio
IVREA - Il comitato dei cittadini lancia l'allarme: «L'Asl To4 sta mettendo in disarmo l'ospedale»
IVREA - Il comitato dei cittadini lancia l
La politica piemontese ha annunciato che nascerą il Nuovo Ospedale del Canavese. Intanto, l'Asl To4 sta mettendo in disarmo la struttura di Ivrea», denuncia il comitato che si č costituito spontaneamente lo scorso mese di giugno
CHIVASSO - Inaugurata la nuova biblioteca di Studi Religiosi
CHIVASSO - Inaugurata la nuova biblioteca di Studi Religiosi
Si tratta di un fondo nato dalla fusione della Biblioteca di Santa Maria Assunta e di quella dei Padri Cappuccini
IVREA - «Operazione Risorgimento Digitale» torna in Canavese
IVREA - «Operazione Risorgimento Digitale» torna in Canavese
Si amplia il raggio di azione di TIM che coinvolge 107 province italiane, con l'obiettivo di formare fino a 1 milione di persone
IVREA - La Guelpa torna a finanziare gli eventi culturali in cittą
IVREA - La Guelpa torna a finanziare gli eventi culturali in cittą
Approvata una variazione di bilancio che consentirą di proseguire nel sostegno al Museo Garda e alle attivitą culturali
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore