CIRIE' - Inaugurata la prima «casa popolare passiva» del Piemonte

| L'involucro e gli impianti della casa passiva sono stati progettati per sfruttare al meglio le condizioni climatiche esterne

+ Miei preferiti
CIRIE - Inaugurata la prima «casa popolare passiva» del Piemonte
Taglio del nastro a Cirié, in località Strada Case Sparse Battandero, per  la prima casa popolare passiva del Piemonte, certificata secondo gli standard del Passivhaus Institut di Darmstadt. Progettata e realizzata dall’Atc del Piemonte in collaborazione con la Regione Piemonte e l’Environment Park e in sinergia con l’amministrazione comunale, rappresenta senza dubbio un modello di innovazione dal punto di vista ambientale.

Si chiama “passiva” perché la somma degli apporti passivi di calore dell'irraggiamento solare trasmessi dalle finestre e il calore generato internamente all'edificio dagli occupanti stessi sono quasi sufficienti a compensare le perdite dell'involucro durante la stagione fredda. L’involucro e gli impianti di una casa passiva sono stati infatti progettati per sfruttare al meglio le condizioni climatiche esterne, traducendole in comfort, risparmio energetico e riduzione dei costi di riscaldamento e raffrescamento. I criteri di costruzione del progetto - finanziato dalla Regione Piemonte con un co-finanziamento di Atc, per un totale di 2.298.687,85 euro - permetteranno una forte riduzione dei consumi energetici che - insieme alla stessa destinazione d’uso, rivolta in prevalenza ad un’utenza anziana - renderà questa nuova abitazione a tutti gli effetti una casa della “sostenibilità”.

«Insieme a questa casa, oggi, inauguriamo quella che sarà una delle sfide del futuro- spiega il presidente Atc, Marcello Mazzù - rendere l’edilizia sociale sostenibile non soltanto dal punto di vista ambientale, ma anche nei consumi energetici. I canoni di affitto sono determinati per legge ma per le spese ripetibili non esistono tariffe calmierate per le famiglie in sofferenza economica: la grande difficoltà, per molti utenti, è quella di far fronte alle spese per acqua e riscaldamento».

«Sono veramente lieta che la prima casa  popolare passiva venga inaugurata proprio qui a Cirié, anche perché è la dimostrazione che tecnologie ed innovazioni architettoniche non possono e non devono essere indirizzate esclusivamente all’edilizia privata e alle grandi città”  – dichiara il Sindaco Loredana Devietti – “Con questa nuova realtà, introdurremo nel Piemonte un modo innovativo di pensare all’edilizia popolare: intelligente, futuribile, sostenibile e progettata per il benessere dei suoi occupanti. Gli alloggi sono già parzialmente arredati con cucina attrezzata di elettrodomestici a basso consumo: un altro motivo per cui l’edificio si differenzia da altri dello stesso genere venendo incontro alle esigenze, anche economiche, dei nuclei familiari che vi abiteranno. La cerimonia di inaugurazione di oggi è il frutto dello sforzo congiunto di diversi operatori: l’Atc in primis, la Regione Piemonte e il lavoro delle amministrazioni comunali ciriacesi. Un esempio questo di come la sinergia e la collaborazione tra enti ed istituzioni sia imprescindibile per ottenere risultati lusinghieri e superare insieme gli eventuali momenti di impasse che, in progetti di questa entità, possono sorgere».   
 
«Questi nuovi 14 alloggi sono indispensabili per ricollocare alcuni nuclei familiari che già da tempo seguiamo e le cui esigenze abitative sono diventate per noi prioritarie” – aggiunge Andrea Sala, assessore alle Politiche Sociali del Comune di Cirié – “L’inaugurazione di oggi ci permette di dare sicurezza e stabilità a persone anziane, bisognose e spesso sole, una delle fasce sociali che in questi ultimi anni ha maggiormente sofferto le conseguenze del  difficile momento economico che stiamo vivendo».

Galleria fotografica
CIRIE - Inaugurata la prima «casa popolare passiva» del Piemonte - immagine 1
CIRIE - Inaugurata la prima «casa popolare passiva» del Piemonte - immagine 2
CIRIE - Inaugurata la prima «casa popolare passiva» del Piemonte - immagine 3
Politica
PONTE PRETI - Il ponte fa paura? L'otto settembre un incontro pubblico a Castellamonte
PONTE PRETI - Il ponte fa paura? L
Quasi 12mila firme online su change.org per chiedere interventi urgenti di messa in sicurezza per il Ponte Preti di Strambinello, il già noto "ponte nuovo" lungo la ex statale Pedemontana 565
RIVAROLO - Addio area Vallesusa: diventerà deposito del cippato?
RIVAROLO - Addio area Vallesusa: diventerà deposito del cippato?
Rivarolo resta senza teatro e senza area expo. Cambio di sede anche per il Vespa Club e la Galleria della locomozione storica
CUORGNE' - Il progetto della scuola Cena supera l'esame della Regione
CUORGNE
Pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte del 9 agosto la graduatoria relativa agli interventi di messa in sicurezza degli edifici scolastici
CANAVESE - L'Uncem: «Su lupi e ungulati stiamo dalla parte degli allevatori»
CANAVESE - L
«Uncem da sempre sta dalla parte degli allevatori, delle imprese agricole, di chi svolge un ruolo attivo nelle aree montane»
PONTE PRETI - 6000 firme raccolte per chiedere interventi urgenti
PONTE PRETI - 6000 firme raccolte per chiedere interventi urgenti
Bozzello alla carica: promosso un incontro pubblico a Castellamonte sulla situazione del ponte il prossimo otto settembre
PONTE PRETI - «La manutenzione del ponte con i pedaggi della Torino-Aosta»
PONTE PRETI - «La manutenzione del ponte con i pedaggi della Torino-Aosta»
Proposta dell'Uncem per garantire maggiori opere di manutenzione su alcuni assi viari molto trafficati
LEINI - Polemica sulla ristrutturazione della scuola Anna Frank
LEINI - Polemica sulla ristrutturazione della scuola Anna Frank
«I locali non potevano essere utilizzati perché privi di tutta la documentazione necessaria» ha fatto presente il consigliere Pittalis
FELETTO - Settimana decisiva per salvare la stazione ferroviaria
FELETTO - Settimana decisiva per salvare la stazione ferroviaria
Il comitato «No alla chiusura della stazione ferroviaria di Feletto» continua nella sua battaglia per evitare la soppressione
CHIVASSO - Il 31 agosto chiuderà per sempre la discarica dei Pogliani
CHIVASSO - Il 31 agosto chiuderà per sempre la discarica dei Pogliani
«Finalmente riusciamo a vedere un po' di luce, ma non la fine, al fondo del tunnel», dice il sindaco chivassese Castello
PONTE PRETI - La Città metropolitana assicura: «300 mila euro per la sicurezza»
PONTE PRETI - La Città metropolitana assicura: «300 mila euro per la sicurezza»
«Il ponte Preti è una struttura ben diversa dal ponte dell'autostrada A10 crollato a Genova ed è una struttura monitorata in continuo dal nostro servizio Viabilità»
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore