CUORGNÈ - La villa del boss Bruno Iaria è ancora del boss...

| Un anno dopo la firma sul documento di cessione al Comune, la villa del boss Bruno Iaria è ancora deserta. I progetti bloccati

+ Miei preferiti
CUORGNÈ - La villa del boss Bruno Iaria è ancora del boss...
Un anno dopo la firma sul documento di cessione al Comune, la villa del boss Bruno Iaria... è ancora del boss dell'ndrangheta. Formalmente è passata al Comune ma ancora nessuno ha potuto metterci piede all'interno. C'è di più: anche i progetti di riutilizzo previsto non sono ancora partiti. Già, perché l’abitazione è stata formalmente ceduta al Comune, ma non il suo interno. L’arredamento e gli effetti personali, ad esempio, sono ancora del boss. O meglio, della sua famiglia che, in qualsiasi momento, potrebbe reclamarne la proprietà. 
 
La legge sulla confisca dei beni, infatti, modificata di recente, ha generato un’impasse burocratica. In questo caso, congelando anche tutti i progetti che l’amministrazione comunale, insieme a «Libera» di don Ciotti e all’associazione «Mastropietro», aveva promosso per ottenere la confisca dell’immobile. «Abbiamo spedito proprio in questi giorni una lettera all’agenzia nazionale – conferma il sindaco Beppe Pezzetto – in questo momento non si sa chi è autorizzato a sgomberare l’interno della casa». 
 
Il Comune ha dato la propria disponibilità ma serve il via libera da Roma. «Siamo disposti anche a stoccare in magazzino, per un tempo ragionevole, mobili e quant’altro – spiega il sindaco – ma prima qualcuno ci deve autorizzare». Secondo la normativa, dopo aver inventariato tutto il materiale presente all’interno della villa, la famiglia del boss ha sessanta giorni di tempo per andare a riprendersi quanto di sua proprietà. Solo che, allo stato attuale, l’agenzia nazionale dei beni confiscati alla criminalità organizzata, ha fatto sapere di non avere più l’autorizzazione per entrare nella casa del boss, visto che la villa è già stata ceduta alla città di Cuorgnè. Allo stesso tempo, però, nemmeno il personale del Comune può mettere piede nell’abitazione.
 
La villa del boss Iaria, infatti, in località Cascinette (300 metri quadrati per almeno 300 mila euro di valore) è destinata a diventare una struttura dedicata al «social housing». Una sorta di rifugio (l’unico in tutto l’alto Canavese) per i senzatetto e le famiglie in difficoltà. Burocrazia permettendo.
Politica
CUORGNE' - La scommessa da vincere è lo sport come turismo
CUORGNE
Summit in municipio, l'altra sera, tra le associazioni sportive di Cuorgnè e l'assessore regionale Giovanni Maria Ferraris
CANAVESE - Cittadini soddisfatti del proprio territorio: «Ma non è il posto migliore dove vivere»
CANAVESE - Cittadini soddisfatti del proprio territorio: «Ma non è il posto migliore dove vivere»
Un'analisi puntuale del territorio. E' quella che al teatro Giacosa è emersa durante la serata dedicata al futuro del territorio nord-ovest e, in particolare, al futuro del Canavese. Una serata promossa dal quotidiano La Stampa
AGLIE' - In castello il summit delle Pro loco della provincia
AGLIE
Saranno presenti i principali rappresentanti dell’UNPLI Torino e Piemonte
CUORGNE' - Anziana bloccata per la neve: intervengono i carabinieri
CUORGNE
«Purtroppo abbiamo verificato e si tratta di strada privata – spiega l’assessore Silvia Leto - dove il Comune non può intervenire»
IVREA-BORGOFRANCO - Nasce «Pascal» per una mobilità sostenibile
IVREA-BORGOFRANCO - Nasce «Pascal» per una mobilità sostenibile
Nuovo progetto di mobilità sostenibile lanciato dalla Città metropolitana di Torino in partenariato con 16 Comuni, due in Canavese
CASTELLAMONTE - Lavori rinviati a scuola: «Maddio come Pinocchio»
CASTELLAMONTE - Lavori rinviati a scuola: «Maddio come Pinocchio»
Duro affondo della minoranza dopo l'annuncio del rinvio dei lavori per l'ascensore delle elementari alle vacanze di Pasqua
CUORGNE' - Muore l'ex segretario comunale Antonio Berta
CUORGNE
Il cordoglio del sindaco Beppe Pezzetto e di tutta la macchina comunale
CUORGNE' - Caldaia rotta: bimbi al fresco alla scuola elementare Peno
CUORGNE
«Purtroppo una caldaia su tre della scuola elementare Aldo Peno è fuori uso», conferma l'assessore Pieruccini. Lavori a giorni
CASTELLAMONTE - Approvata la convenzione per i vigili del fuoco
CASTELLAMONTE - Approvata la convenzione per i vigili del fuoco
Un atto formale ma di grande importanza per garantire ai pompieri volontari della città la completa fruizione dei nuovi spazi
RIVAROLO - La prima cittadinanza italiana del 2017
RIVAROLO - La prima cittadinanza italiana del 2017
Ana Ilioi è stata la prima rivarolese ad ottenere nel 2017 la cittadinanza italiana
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore