CUORGNE' - Bagarre in consiglio sul nido che diventa privato

| Maggioranza in difficoltą tra manifesti e applausi all'opposizione

+ Miei preferiti
CUORGNE - Bagarre in consiglio sul nido che diventa privato
Doveva essere una seduta di consiglio accesa e così è stato. Dopo due ore soporifere, il punto caldo dell'asilo «Gli Sbirulini» non ha tradito le aspettative. Genitori con i manifesti, applausi ai consiglieri di minoranza e amministrazione (fin troppo) sulla difensiva. Insomma, dopo il "no" dei sindacati e delle famiglie, è parso ancora più chiaro il netto rifiuto degli attori principali di questa vicenda alla (possibile) privatizzazione dell'asilo nido comunale. Per contro, alle domande dell'opposizione, la giunta non è stata in grado di fornire delle risposte credibili che non fossero quelle già diffuse nei giorni scorsi.

«La cessione del ramo d'azienda è assurda - ha attaccato il consigliere Danilo Armanni che è anche uno dei genitori dei bimbi che frequentano l'asilo comunale - oltre al fatto che restano molti dubbi sulla possibilità giuridica di procedere in tal senso, questa amministrazione non ha convocato la conferenza dei capigruppo, non ha informato la commissione di gestione e ha coinvolto genitori e maestre in ritardo. La giunta ha interpellato i sindacati solo perchè obbligata». 
 
E ancora: «Il servizio funziona e funziona bene da oltre 30 anni. E' sempre stato pagato con le tasse dei cuorgnatesi. Non capiamo perchè dismettere un servizio che funziona. Coi tempi che corrono passare dal pubblico al privato non è una bella cosa. Per noi è aberrante e non accettabile affrontare questo argomento solo in termini di profitto. Le maestre sono state trattate come pezze da piedi. Per fortuna i sindacati hanno capito la situazione. Per quanto ci riguarda non c'è margine per le trattative». Armanni ha anche fatto presente che se ogni anno il Comune "perde" quasi 150 mila euro nella gestione del nido (anche se all'opposizione il rosso risulta non superiore ai 101 mila euro annui) sarà difficile trovare un privato che ci guadagni gestendo il servizio. A meno che non subentrino altre condizioni.
 
Anche l'ex sindaco Giancarlo Vacca Cavalot si è detto contrario alla privatizzazione del nido. «Spiace che i sacrifici del passato non vengano considerati. Privatizzare un servizio così importante per la città non è piacevole, lascia l'amaro in bocca perché è sempre stato servizio apprezzato. Da tutti. Da genitori e non solo. Siamo ovviamente preoccupati dal trattamento riservato al personale oltre che dal punto di vista giuridico. L'amministrazione ha un piano finanziario? Perchè se integra gli stipendi, se integra le rette delle fasce disagiate, se liquida il tfr ai dipendenti, io fatico a vedere anche la convenienza economica di questa operazione. Siamo contrari».
 
Risposta affidata all'assessore Beppe Costanzo. «C'è un tavolo con i sindacati proprio per tutelare le lavoratrici. In esecuzione di quanto pattuito con la corte dei conti stiamo valutando la cessione del ramo d'azienda. Il servizio funziona bene ma c'è una perdita di gestione di 141891 euro all'anno. 6000 euro di perdita a bambino. E' questa la motivazione. Dobbiamo ridurre le spese. E magari ampliare il servizio». Anche il sindaco Pezzetto ha cercato di gettare acqua sul fuoco: «Siamo solo a livello di ipotesi. Dobbiamo cercare di coniugare economia, implementazioni del servizio e tutela dei dipendenti. Altrimenti questa cosa non andrà da nessuna parte».
Galleria fotografica
CUORGNE - Bagarre in consiglio sul nido che diventa privato - immagine 1
CUORGNE - Bagarre in consiglio sul nido che diventa privato - immagine 2
Politica
RIVAROLO - Addio area Vallesusa: diventerą deposito del cippato?
RIVAROLO - Addio area Vallesusa: diventerą deposito del cippato?
Rivarolo resta senza teatro e senza area expo. Cambio di sede anche per il Vespa Club e la Galleria della locomozione storica
CUORGNE' - Il progetto della scuola Cena supera l'esame della Regione
CUORGNE
Pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte del 9 agosto la graduatoria relativa agli interventi di messa in sicurezza degli edifici scolastici
CANAVESE - L'Uncem: «Su lupi e ungulati stiamo dalla parte degli allevatori»
CANAVESE - L
«Uncem da sempre sta dalla parte degli allevatori, delle imprese agricole, di chi svolge un ruolo attivo nelle aree montane»
PONTE PRETI - 6000 firme raccolte per chiedere interventi urgenti
PONTE PRETI - 6000 firme raccolte per chiedere interventi urgenti
Bozzello alla carica: promosso un incontro pubblico a Castellamonte sulla situazione del ponte il prossimo otto settembre
PONTE PRETI - «La manutenzione del ponte con i pedaggi della Torino-Aosta»
PONTE PRETI - «La manutenzione del ponte con i pedaggi della Torino-Aosta»
Proposta dell'Uncem per garantire maggiori opere di manutenzione su alcuni assi viari molto trafficati
LEINI - Polemica sulla ristrutturazione della scuola Anna Frank
LEINI - Polemica sulla ristrutturazione della scuola Anna Frank
«I locali non potevano essere utilizzati perché privi di tutta la documentazione necessaria» ha fatto presente il consigliere Pittalis
FELETTO - Settimana decisiva per salvare la stazione ferroviaria
FELETTO - Settimana decisiva per salvare la stazione ferroviaria
Il comitato «No alla chiusura della stazione ferroviaria di Feletto» continua nella sua battaglia per evitare la soppressione
CHIVASSO - Il 31 agosto chiuderą per sempre la discarica dei Pogliani
CHIVASSO - Il 31 agosto chiuderą per sempre la discarica dei Pogliani
«Finalmente riusciamo a vedere un po' di luce, ma non la fine, al fondo del tunnel», dice il sindaco chivassese Castello
PONTE PRETI - La Cittą metropolitana assicura: «300 mila euro per la sicurezza»
PONTE PRETI - La Cittą metropolitana assicura: «300 mila euro per la sicurezza»
«Il ponte Preti č una struttura ben diversa dal ponte dell'autostrada A10 crollato a Genova ed č una struttura monitorata in continuo dal nostro servizio Viabilitą»
PONTE PRETI - Il ponte č pericoloso? Bozzello: «Fermiamo subito i camion»
PONTE PRETI - Il ponte č pericoloso? Bozzello: «Fermiamo subito i camion»
Dopo il crollo del viadotto Morandi a Genova, anche in Canavese si sono moltiplicate le segnalazioni di ponti «problematici» perchč vecchi e (forse) alle prese con una scarsa manutenzione
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore