CUORGNE' - Bagarre in consiglio sul nido che diventa privato

| Maggioranza in difficoltą tra manifesti e applausi all'opposizione

+ Miei preferiti
CUORGNE - Bagarre in consiglio sul nido che diventa privato
Doveva essere una seduta di consiglio accesa e così è stato. Dopo due ore soporifere, il punto caldo dell'asilo «Gli Sbirulini» non ha tradito le aspettative. Genitori con i manifesti, applausi ai consiglieri di minoranza e amministrazione (fin troppo) sulla difensiva. Insomma, dopo il "no" dei sindacati e delle famiglie, è parso ancora più chiaro il netto rifiuto degli attori principali di questa vicenda alla (possibile) privatizzazione dell'asilo nido comunale. Per contro, alle domande dell'opposizione, la giunta non è stata in grado di fornire delle risposte credibili che non fossero quelle già diffuse nei giorni scorsi.

«La cessione del ramo d'azienda è assurda - ha attaccato il consigliere Danilo Armanni che è anche uno dei genitori dei bimbi che frequentano l'asilo comunale - oltre al fatto che restano molti dubbi sulla possibilità giuridica di procedere in tal senso, questa amministrazione non ha convocato la conferenza dei capigruppo, non ha informato la commissione di gestione e ha coinvolto genitori e maestre in ritardo. La giunta ha interpellato i sindacati solo perchè obbligata». 
 
E ancora: «Il servizio funziona e funziona bene da oltre 30 anni. E' sempre stato pagato con le tasse dei cuorgnatesi. Non capiamo perchè dismettere un servizio che funziona. Coi tempi che corrono passare dal pubblico al privato non è una bella cosa. Per noi è aberrante e non accettabile affrontare questo argomento solo in termini di profitto. Le maestre sono state trattate come pezze da piedi. Per fortuna i sindacati hanno capito la situazione. Per quanto ci riguarda non c'è margine per le trattative». Armanni ha anche fatto presente che se ogni anno il Comune "perde" quasi 150 mila euro nella gestione del nido (anche se all'opposizione il rosso risulta non superiore ai 101 mila euro annui) sarà difficile trovare un privato che ci guadagni gestendo il servizio. A meno che non subentrino altre condizioni.
 
Anche l'ex sindaco Giancarlo Vacca Cavalot si è detto contrario alla privatizzazione del nido. «Spiace che i sacrifici del passato non vengano considerati. Privatizzare un servizio così importante per la città non è piacevole, lascia l'amaro in bocca perché è sempre stato servizio apprezzato. Da tutti. Da genitori e non solo. Siamo ovviamente preoccupati dal trattamento riservato al personale oltre che dal punto di vista giuridico. L'amministrazione ha un piano finanziario? Perchè se integra gli stipendi, se integra le rette delle fasce disagiate, se liquida il tfr ai dipendenti, io fatico a vedere anche la convenienza economica di questa operazione. Siamo contrari».
 
Risposta affidata all'assessore Beppe Costanzo. «C'è un tavolo con i sindacati proprio per tutelare le lavoratrici. In esecuzione di quanto pattuito con la corte dei conti stiamo valutando la cessione del ramo d'azienda. Il servizio funziona bene ma c'è una perdita di gestione di 141891 euro all'anno. 6000 euro di perdita a bambino. E' questa la motivazione. Dobbiamo ridurre le spese. E magari ampliare il servizio». Anche il sindaco Pezzetto ha cercato di gettare acqua sul fuoco: «Siamo solo a livello di ipotesi. Dobbiamo cercare di coniugare economia, implementazioni del servizio e tutela dei dipendenti. Altrimenti questa cosa non andrà da nessuna parte».
Galleria fotografica
CUORGNE - Bagarre in consiglio sul nido che diventa privato - immagine 1
CUORGNE - Bagarre in consiglio sul nido che diventa privato - immagine 2
Politica
CUORGNE' - I giovani della Lega del Canavese incontrano Riccardo Molinari
CUORGNE
Dalle ore 15.30 saranno presenti anche l'onorevole Alessandro Giglio Vigna e il Senatore Cesare Pianasso
SPARONE - Alla festa del contadino tavola rotonda sul tema «L'agricoltura, la montagna e l'uomo»
SPARONE - Alla festa del contadino tavola rotonda sul tema «L
La Festa del contadino č organizzata dalla Sezione Valli Orco e Soana della Coldiretti con il patrocinio della Cittą Metropolitana di Torino
BOLLENGO - Il paese č stato uno dei «4000 luoghi del 21 marzo»
BOLLENGO - Il paese č stato uno dei «4000 luoghi del 21 marzo»
Iniziative nelle scuole del paese per la giornata della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie
IVREA - L'Auditorium Mozart č adesso una sala pubblica - FOTO
IVREA - L
La cittą e tutto il Canavese hanno a disposizione un nuovo spazio di incontro per attivitą culturali, sociali, di formazione e impresa
SAN MAURIZIO - Partono i lavori del parco giochi di via della Quercia
SAN MAURIZIO - Partono i lavori del parco giochi di via della Quercia
Sarą un parco giochi privo di barriere architettoniche e con i giochi accessibili a tutti, anche ai piccoli con disabilitą
VOLPIANO - Un terreno abbandonato diventa il «frutteto comunitario»
VOLPIANO - Un terreno abbandonato diventa il «frutteto comunitario»
Il progetto «I frutti proibiti» del Comune č stato selezionato nell'ambito del bando promosso dalla Compagnia San Paolo
ELEZIONI CANAVESE - Il 26 maggio vanno al voto 77 Comuni per eleggere i nuovi sindaci
ELEZIONI CANAVESE - Il 26 maggio vanno al voto 77 Comuni per eleggere i nuovi sindaci
Maxi tornata elettorale: in quegli stessi Comuni, ovviamente, gli elettori avranno tre schede sulle quali apporre il voto dal momento che domenica 26 maggio si voterą anche per le elezioni Europee e per le regionali del Piemonte
CANAVESE - Ferraris lascia la politica: «Una scelta doverosa»
CANAVESE - Ferraris lascia la politica: «Una scelta doverosa»
«E' maturo il tempo di tornare ad occuparmi delle mie attivitą professionali e restituire il grande bagaglio acquisito»
VOLPIANO - Dal Ministero dell'istruzione 78mila euro per gli asili
VOLPIANO - Dal Ministero dell
Le risorse possono essere utilizzate per i costi di gestione e per favorire l'accesso ai servizi dei bambini diversamente abili
PONTE PRETI - Il ponte č sicuro ma inadatto al traffico pesante: i lavori non prima del 2020?
PONTE PRETI - Il ponte č sicuro ma inadatto al traffico pesante: i lavori non prima del 2020?
Notizie buone e meno buone sul futuro del Ponte Preti, la vecchia infrastruttura che collega Ivrea con l'alto Canavese lungo l'ex statale pedemontana. Per i lavori bisognerą attendere il passaggio all'Anas ma le tempistiche non sono chiare
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore