CUORGNE' - Chiude (ancora una volta) il bocciodromo di via Braggio: diventerà una palestra?

| L'impianto sportivo, entro la fine dell'anno, perderà il gestore e rimarrà, ancora una volta, una cattedrale nel deserto. La posa del primo mattone risale al 1990. Poi uno stop di 23 anni. Le bocce, però, evidentemente «non tirano»

+ Miei preferiti
CUORGNE - Chiude (ancora una volta) il bocciodromo di via Braggio: diventerà una palestra?
Viaggia spedito verso l'ennesima chiusura il bocciodromo di Cuorgnè. L'impianto sportivo, entro la fine dell'anno, perderà il gestore e rimarrà, ancora una volta, una cattedrale nel deserto. La posa del primo mattone risale al 1990, poco dopo le «notti magiche» dei mondiali di calcio. Cuorgnè riceve dal Coni fondi per le strutture sportive. Dopo aver presentato il progetto, il Comune incassa 1 miliardo e 170 milioni di lire per costruire un palasport. L’impresa che ha vinto l'appalto fallisce e dopo l’alluvione del 2000, il terreno viene riclassificato a «rischio inondazione». Non ci sono i parametri per dedicare la struttura a certe discipline, così il Comune vira sulle bocce.

Gli attuali gestori, con grande impegno, hanno tentato l’impossibile: rilanciare l’edificio di via Braggio con la «petanque» (una variante francese delle bocce). Prima partita settembre 2015. Nel giro di due anni, però, l’aumento delle spese (a partire dall’affitto) ha stroncato i sogni di gloria. E con la chiusura del ristorante-bar è arrivata l’ultima mazzata. «I gestori ci hanno comunicato la loro intenzione di lasciare l’impianto entro la fine dell’anno», conferma l’assessore allo sport, Davide Pieruccini.

«Abbiamo tentato di valorizzare la struttura con le bocce – dice l’assessore – ma non ci siamo riusciti. E’ ovvio che, ora, dobbiamo pensare ad una soluzione diversa». Ovvero far tornare il bocciodromo al progetto originale, quello di una palestra multi-sport. «Servono però nuove risorse - spiega Pieruccini - l’obiettivo è quello di ridare questo palasport alla cittadinanza il prima possibile. Anche perchè le associazioni della città ne avrebbero in gran bisogno».

Politica
CANAVESE - In molti Comuni ancora non «prende» il telefono cellulare
CANAVESE - In molti Comuni ancora non «prende» il telefono cellulare
«Tim e Vodafone ci hanno chiesto di segnalare aree precise non coperte. Hanno dato disponibilità a coprirle» dicono dall'Uncem
VALPRATO - Il Comune cerca un gestore per il bar-pizzeria-alimentari
VALPRATO - Il Comune cerca un gestore per il bar-pizzeria-alimentari
La struttura viene data in concessione anche con il campo sportivo e l'area camper che si trovano vicino allo stabile
PONTE PRETI - Il ponte fa paura? L'otto settembre un incontro pubblico a Castellamonte
PONTE PRETI - Il ponte fa paura? L
Quasi 12mila firme online su change.org per chiedere interventi urgenti di messa in sicurezza per il Ponte Preti di Strambinello, il già noto "ponte nuovo" lungo la ex statale Pedemontana 565
RIVAROLO - Addio area Vallesusa: diventerà deposito del cippato?
RIVAROLO - Addio area Vallesusa: diventerà deposito del cippato?
Rivarolo resta senza teatro e senza area expo. Cambio di sede anche per il Vespa Club e la Galleria della locomozione storica
CUORGNE' - Il progetto della scuola Cena supera l'esame della Regione
CUORGNE
Pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte del 9 agosto la graduatoria relativa agli interventi di messa in sicurezza degli edifici scolastici
CANAVESE - L'Uncem: «Su lupi e ungulati stiamo dalla parte degli allevatori»
CANAVESE - L
«Uncem da sempre sta dalla parte degli allevatori, delle imprese agricole, di chi svolge un ruolo attivo nelle aree montane»
PONTE PRETI - 6000 firme raccolte per chiedere interventi urgenti
PONTE PRETI - 6000 firme raccolte per chiedere interventi urgenti
Bozzello alla carica: promosso un incontro pubblico a Castellamonte sulla situazione del ponte il prossimo otto settembre
PONTE PRETI - «La manutenzione del ponte con i pedaggi della Torino-Aosta»
PONTE PRETI - «La manutenzione del ponte con i pedaggi della Torino-Aosta»
Proposta dell'Uncem per garantire maggiori opere di manutenzione su alcuni assi viari molto trafficati
LEINI - Polemica sulla ristrutturazione della scuola Anna Frank
LEINI - Polemica sulla ristrutturazione della scuola Anna Frank
«I locali non potevano essere utilizzati perché privi di tutta la documentazione necessaria» ha fatto presente il consigliere Pittalis
FELETTO - Settimana decisiva per salvare la stazione ferroviaria
FELETTO - Settimana decisiva per salvare la stazione ferroviaria
Il comitato «No alla chiusura della stazione ferroviaria di Feletto» continua nella sua battaglia per evitare la soppressione
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore