CUORGNE' - Lavori al teatro: la minoranza contro Pezzetto

| «Cuorgnè 150» di Armanni ed Errante si chiede se valga la pena spendere una barca di soldi per il teatro Pinelli

+ Miei preferiti
CUORGNE - Lavori al teatro: la minoranza contro Pezzetto
Il dibattito è aperto: è giusto spendere 100 mila euro (del Comune, quindi soldi pubblici) per restaurare il teatro comunale? Se lo chiede il gruppo di Cuorgnè 150, rappresentato in consiglio comunale da Danilo Armanni e Filippo Errante. In un lungo post pubblicato sulla pagina Facebook del gruppo, la minoranza s'interroga sulla possibilità di investire una somma ingente per ridare alla città il suo teatro. 
 
«L'intervento, pur meritorio, consentirà forse di rifare il tetto e qualcosina in più, ma da lì a rialzare il sipario ce ne corre - scrive Cuorgnè 150 - del resto il problema fondamentale del teatro é sempre stato la oggettiva impossibilità di costruire uscite di sicurezza per i loggioni e non sembra che con questo intervento si propongano soluzioni risolutive. Quindi la domanda è: vale la pena impegnare, per ora, 100.000 euro del magro bilancio comunale, pari al tanto insostenibile costo annuo dell'asilo nido, per avere un'ennesimo spazio espositivo (con l'auditorium - centro congressi ed il centro fiere della Manifattura) solo un po' meglio rifinito di com'é adesso?
 
L'incapacità di focalizzare le risorse su un progetto conduce a rincorrere tutti i finanziamenti disponibili senza riuscire a realizzare nulla di funzionale: vedasi il famoso polo museale della manifattura da 400 mila euro dove, esaurito il finanziamento della banca per il primo lotto (assegnato come si ricorderà nel 2011 al socio dell'assessore per 170 mila e rotti euro), tutto è caduto nel dimenticatoio. Stesso discorso vale per i vari palazzetti dello sport, realizzati dalle passate amministrazioni, per i quali, se si fossero concentrate le risorse disponibili, si sarebbe realizzato un centro di preparazione olimpica del Coni, invece di ritrovarsi con due campi da pallavolo e tre da bocce, oltre ad un campo di calcio ex professionistico, dove ormai cresce la cicoria. E che dire della Manifattura, la madre (o la figlia) di tutti i finanziamenti preelettorali richiesti senza alcun progetto su cosa fare dell'opera finanziata?
 
Ogni opera decisa da un'amministrazione dovrebbe essere obbligatoriamente portata a termine nel corso del mandato quinquennale, per non lasciare eredità sgradite né ipotecare la poltrona con la scusa di portare a termine quanto iniziato.
Finché mancherà una capacità progettuale ed una piena assunzione di responsabilità da parte degli organi politici, che non devono limitarsi a rincorrere i sempre più scarsi finanziamenti, tanto per dimostrare di servire a qualcosa, le scelte (giuste o sbagliate) delle vecchie amministrazioni continueranno a ricadere sulle nuove vincolandole ingiustamente.
 
Pezzetto, succedendo a Cavalot, si é trovato a dover mantenere un sacco di immobili di cui non sapeva che fare e che hanno limitato pesantemente la sua azione amministrativa, ora, tanto per non essere da meno, lascerà ad un eventuale successore, oltre a quanto sopra, un parco pubblico con relativa manutenzione (già difficoltosa per gli esistenti), oltre ad un pezzetto di teatro. Se questa amministrazione aveva in progetto di riaprire il teatro comunale aveva il dovere politico e morale di concentrarsi su di esso fin dal suo insediamento e di portarlo a termine entro lo scadere dl proprio mandato, così da ripresentarsi agli elettori con qualcosa di fatto, non con le solite fumose e vaghe promesse (valide solo in caso di rielezione), invece si é limitata a raccogliere quattro soldi fuori tempo limite per dare un appaltino preelettorale e giustificare la propria ricandidatura per finire quello che si é iniziato: ma questo é quello che hanno sempre fatto le vecchie amministrazioni, tanto criticate dai nostri uomini nuovi».
Politica
RIVAROLO - Sversamenti in Orco: «Risposta assessore avventata»
RIVAROLO - Sversamenti in Orco: «Risposta assessore avventata»
Diventa un caso lo sversamento in Orco segnalato dall'associazione di Rivarolo Canavese, «Non bruciamoci il futuro»
RIVAROLO - L'ex sindaco Bertot candidato alle europee con Fratelli d'Italia
RIVAROLO - L
«Maurizio Marrone e Fabrizio Bertot i nostri candidati per Regione ed Europa». Così Fratelli d'Italia, ieri, ha annunciato alcuni nomi per le prossime elezioni
CANAVESE - Cantieri di lavoro: nove posti disponibili da marzo
CANAVESE - Cantieri di lavoro: nove posti disponibili da marzo
Trattasi di cantieri di lavoro per la manutenzione ambientale per i Comuni di Alpette, Locana, Ribordone e Sparone
CHIVASSO - Allerte e criticità via WhatsApp con «InfoAlert365»
CHIVASSO - Allerte e criticità via WhatsApp con «InfoAlert365»
Il Comune ha deciso di attivare il servizio per informare i cittadini sui potenziali rischi incombenti sul territorio comunale
RIVAROLO - Per il Comune nessun allarme ambientale: «Nel torrente Orco non scarica nessuna fognatura»
RIVAROLO - Per il Comune nessun allarme ambientale: «Nel torrente Orco non scarica nessuna fognatura»
Nessun allarme inquinamento nel torrente Orco secondo gli accertamenti del Comune di Rivarolo Canavese, effettuati, con la Smat, dopo la segnalazione dell'associazione ambientalista «Non bruciamoci il futuro»
RIVAROLO - Appalto non valido: il Comune condannato dal Tar
RIVAROLO - Appalto non valido: il Comune condannato dal Tar
Oggetto del ricorso l'affidamento del servizio di riscossione dell'imposta comunale sulla pubblicità e dei diritti sulle affissioni
CANAVESE - Sindaci, politici e gente comune in piazza per il «Si Tav» - FOTO
CANAVESE - Sindaci, politici e gente comune in piazza per il «Si Tav» - FOTO
Tanti sindaci del Canavese e numerosi esponenti dei partiti presenti alla manifestazione Sì TAV di sabato scorso a Torino
CANAVESE - Arrivano nuovi «Postamat» per i piccoli Comuni
CANAVESE - Arrivano nuovi «Postamat» per i piccoli Comuni
«Poste ha comunicato a Uncem di aver avviato sopralluoghi in 253 Comuni per l'installazione di altrettanti nuovi Postamat»
IVREA - Una memoria da riconquistare: due eventi in programma
IVREA - Una memoria da riconquistare: due eventi in programma
In italia la «Giornata della Memoria» è stata istituita nel 2000 (ci sono voluti ben 55 anni) e si celebra il 27 gennaio
CASTELLAMONTE - Bus in ritardo, i passeggeri restano a piedi
CASTELLAMONTE - Bus in ritardo, i passeggeri restano a piedi
Non solo problemi con la Canavesana. Sui trasporti, già da mesi, si verificano disservizi anche sulla rete dei pullman
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore