ECONOMIA - Il Canavese vede la ripresa: le industrie sono tornate ad assumere nuovi lavoratori

| I dati di Agenzia Piemonte Lavoro, Camera di commercio di Torino e Confindustria Canavese sono quasi tutti positivi. «Le prospettive sono incoraggianti anche per i prossimi mesi, nonostante sussistano ancora alcuni elementi di debolezza»

+ Miei preferiti
ECONOMIA - Il Canavese vede la ripresa: le industrie sono tornate ad assumere nuovi lavoratori
Agenzia Piemonte Lavoro, Camera di commercio di Torino e Confindustria Canavese hanno scelto di lavorare in parallelo per presentare una fotografia il più esaustiva possibile sullo stato di salute delle imprese e sull’andamento del lavoro nel territorio del Canavese. I risultati delle loro analisi sono in gran parte positivi e le prospettive sono incoraggianti anche per i prossimi mesi, nonostante sussistano ancora alcuni elementi di debolezza (i dati nelle foto sotto).

Segnali positivi emergono, innanzitutto, dai dati relativi all’andamento occupazionale nelle aree di competenza dei Centri per l’Impiego di Chivasso, Ciriè, Cuorgné e Ivrea, seppur con differenze tra le varie aree che compongono il Canavese. Secondo l’analisi elaborata da Agenzia Piemonte Lavoro, si registra una perfomance positiva per l’occupazione, sono in aumento le aziende che hanno assunto nel periodo di tre anni (confronto 2017 su 2014 +20,3%) e si è riscontrata una ripresa dell’industria in senso stretto (manifattura, energia e gestione rifiuti) nell’alto Canavese a Ivrea (+17,2%) e a Cuorgné (+11,8), mentre sono in sofferenza Ciriè (-2,4%) e Chivasso (-6%).

Nel 2017 le assunzioni in Canavese sono 53.434 con una crescita del +11,3%. Sono 11.607 i posti di lavoro reali, ottenuti applicando ”Full Time Equivalent” (FTE), che consente di determinare attraverso la somma dei periodi, espressi in giorni, degli avviamenti lavorativi il numero dei posti di lavoro effettivi, l’indicatore evidenzia un aumento contenuto (+2,7%), si rileva una crescita in tre territori Ciriè (+2,5%), Cuorgnè (+7,4%) ed Eporediese (+3,8%), a fronte di un calo nel Chivassese (-3,4%). Sono in incremento i posti di lavoro per l’occupazione femminile nell’eporediese (+3,3%). Inoltre sono positivi i dati FTE riferiti ai giovani, nella fascia sino ai 29 anni, in crescita in tutti i territori: Canavese occidentale (+19,6%), Ciriacese (+ 12,4%), Eporediese (+8,3%) e Chivassese (+1,8%).

Entrando ora nello specifico della realtà dei Centri per l’impiego del Canavese, dai dati elaborati da Agenzia Piemonte Lavoro, ente che coordina e gestisce i CPI in Regione Piemonte, nel 2017 sono 10.410 le persone che hanno usufruito di 14.792 attività e servizi forniti dai Centri nel territorio canavesano: servizi di informazione, accoglienza, orientamento e consulenza orientativa, accompagnamento al lavoro, incontro domanda offerta e collocamento mirato per persone con disabilità. Nel 2017 sono 695 le persone con disabilità che hanno usufruito di 1.193 attività di orientamento e accompagnamento al lavoro. Inoltre, dall’esperienza del Buono Servizi al lavoro, finanziato dalla Regione con il Fondo Sociale Europeo, emerge che si sono tenuti 303 incontri di politica attiva del lavoro con una partecipazione attiva ad attività di laboratorio, con la finalità di accompagnare nella ricerca di occupazione, 235 persone disoccupate da meno di 6 mesi.  

L’analisi effettuata dalla Camera di commercio di Torino sulla natimortalità imprenditoriale del Canavese, nonostante riveli alcuni dati con andamento positivo come quello delle imprese dei servizi, complessivamente considerati, che hanno registrato un trend con segno positivo nel corso degli anni, dall’altra evidenzia alcune criticità con la persistenza di situazioni di sofferenza.

«Il Canavese è un territorio importante con quasi 34.000 imprese, che ha manifestato un rallentamento nelle dinamiche di natimortalità imprenditoriale, in particolare nell’ultimo quinquennio. Un dato in linea con quello della provincia di Torino fino al 2016 e in controtendenza nel 2017, quando le cessazioni (2106) hanno ancora superato le iscrizioni (1.884)», ha commentato Guido Bolatto, Segretario Generale della Camera di commercio di Torino. Infine, per quanto concerne l’andamento dell’economia canavesana, l’ultima Indagine Congiunturale relativa al secondo trimestre del 2018 effettuata da Confindustria Canavese su di un campione di imprenditori dell’Industria e dei Servizi, evidenzia una situazione di sostanziale ottimismo, pur con alcune cautele sugli ordini.

«La crescita dell’economia canavesana sembra aver finalmente messo il piede sull’acceleratore e il 2018 si apre sotto i migliori auspici. Le nostre aziende, soprattutto grazie al piano Calenda per Industria 4.0, hanno fatto significativi investimenti nel 2017 e stanno continuando nel 2018», ha dichiarato Cristina Ghiringhello, direttore di Confindustria Canavese. «Ci auguriamo che questa tendenza assuma caratteristiche strutturali; nei prossimi mesi avremo modo di verificare se questi dati costituiscono il segnale di un effettivo consolidamento della fase di ripresa».

Galleria fotografica
ECONOMIA - Il Canavese vede la ripresa: le industrie sono tornate ad assumere nuovi lavoratori - immagine 1
ECONOMIA - Il Canavese vede la ripresa: le industrie sono tornate ad assumere nuovi lavoratori - immagine 2
ECONOMIA - Il Canavese vede la ripresa: le industrie sono tornate ad assumere nuovi lavoratori - immagine 3
ECONOMIA - Il Canavese vede la ripresa: le industrie sono tornate ad assumere nuovi lavoratori - immagine 4
ECONOMIA - Il Canavese vede la ripresa: le industrie sono tornate ad assumere nuovi lavoratori - immagine 5
ECONOMIA - Il Canavese vede la ripresa: le industrie sono tornate ad assumere nuovi lavoratori - immagine 6
ECONOMIA - Il Canavese vede la ripresa: le industrie sono tornate ad assumere nuovi lavoratori - immagine 7
ECONOMIA - Il Canavese vede la ripresa: le industrie sono tornate ad assumere nuovi lavoratori - immagine 8
ECONOMIA - Il Canavese vede la ripresa: le industrie sono tornate ad assumere nuovi lavoratori - immagine 9
ECONOMIA - Il Canavese vede la ripresa: le industrie sono tornate ad assumere nuovi lavoratori - immagine 10
ECONOMIA - Il Canavese vede la ripresa: le industrie sono tornate ad assumere nuovi lavoratori - immagine 11
ECONOMIA - Il Canavese vede la ripresa: le industrie sono tornate ad assumere nuovi lavoratori - immagine 12
ECONOMIA - Il Canavese vede la ripresa: le industrie sono tornate ad assumere nuovi lavoratori - immagine 13
ECONOMIA - Il Canavese vede la ripresa: le industrie sono tornate ad assumere nuovi lavoratori - immagine 14
ECONOMIA - Il Canavese vede la ripresa: le industrie sono tornate ad assumere nuovi lavoratori - immagine 15
ECONOMIA - Il Canavese vede la ripresa: le industrie sono tornate ad assumere nuovi lavoratori - immagine 16
ECONOMIA - Il Canavese vede la ripresa: le industrie sono tornate ad assumere nuovi lavoratori - immagine 17
ECONOMIA - Il Canavese vede la ripresa: le industrie sono tornate ad assumere nuovi lavoratori - immagine 18
ECONOMIA - Il Canavese vede la ripresa: le industrie sono tornate ad assumere nuovi lavoratori - immagine 19
ECONOMIA - Il Canavese vede la ripresa: le industrie sono tornate ad assumere nuovi lavoratori - immagine 20
ECONOMIA - Il Canavese vede la ripresa: le industrie sono tornate ad assumere nuovi lavoratori - immagine 21
ECONOMIA - Il Canavese vede la ripresa: le industrie sono tornate ad assumere nuovi lavoratori - immagine 22
ECONOMIA - Il Canavese vede la ripresa: le industrie sono tornate ad assumere nuovi lavoratori - immagine 23
ECONOMIA - Il Canavese vede la ripresa: le industrie sono tornate ad assumere nuovi lavoratori - immagine 24
Politica
PONTE PRETI - La Città metropolitana assicura: «300 mila euro per la sicurezza»
PONTE PRETI - La Città metropolitana assicura: «300 mila euro per la sicurezza»
«Il ponte Preti è una struttura ben diversa dal ponte dell'autostrada A10 crollato a Genova ed è una struttura monitorata in continuo dal nostro servizio Viabilità»
PONTE PRETI - Il ponte è pericoloso? Bozzello: «Fermiamo subito i camion»
PONTE PRETI - Il ponte è pericoloso? Bozzello: «Fermiamo subito i camion»
Dopo il crollo del viadotto Morandi a Genova, anche in Canavese si sono moltiplicate le segnalazioni di ponti «problematici» perchè vecchi e (forse) alle prese con una scarsa manutenzione
CUORGNE' - Due tirocinanti diventano cantonieri per sei mesi
CUORGNE
«Un'iniziativa che si inserisce nell'ambito degli interventi a favore di soggetti svantaggiati ed in situazione economica precaria», dice il sindaco Pezzetto
IVREA - Parte il corso per le nuove Guardie Ecologiche Volontarie
IVREA - Parte il corso per le nuove Guardie Ecologiche Volontarie
Le lezioni si svolgeranno in più sedi contemporaneamente, collegate via video: Torino, Pinerolo, Susa, Lanzo e Ivrea
MAPPANO - Procedura finita, il Mercatone Uno può riaprire
MAPPANO - Procedura finita, il Mercatone Uno può riaprire
Con le cessioni è stata, pertanto, garantita la salvaguardia occupazionale di 2.304 dipendenti pari a circa l'85% del totale
CUORGNE' - Via le barriere architettoniche alla materna e in Manifattura
CUORGNE
«Abbiamo dato corso ad interventi attesi da lungo tempo in particolare presso la scuola», sottolinea l'assessore Lino Giacoma Rosa
CANAVESE - «Inutile sparare ai lupi ma servono azioni a tutela di chi lavora in montagna»
CANAVESE - «Inutile sparare ai lupi ma servono azioni a tutela di chi lavora in montagna»
Così Marco Bussone, Presidente nazionale Uncem (Unione Comuni, Comunità ed Enti montani) in merito alla notizia relativa alla proposta di sparare ai lupi con proiettili di gomma. Quello dei lupi è un problema sentito anche in Canavese
RIVARA - Strada stretta: borgata inaccessibile dalle ambulanze - FOTO
RIVARA - Strada stretta: borgata inaccessibile dalle ambulanze - FOTO
Riceviamo da Belboschetto una segnalazione di disagi e problematiche legate alla strada che collega il centro abitato
BORGARO - Defibrillatore in piazza Agorà: città cardioprotetta
BORGARO - Defibrillatore in piazza Agorà: città cardioprotetta
Il defibrillatore è stato poi consegnato alla dottoressa Stefania Scagliola, responsabile della farmacia numero 13 dell'Asm
LEINI - Problemi di sicurezza: chiude il parco «Grande Torino»
LEINI - Problemi di sicurezza: chiude il parco «Grande Torino»
«Sono emerse delle problematiche gravi, legate anche alla cattiva manutenzione», conferma il vicesindaco Fabrizio Troiani
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore