FAVRIA - Cortese scrive (ancora) al sindaco Serafino Ferrino

| Riceviamo e pubblichiamo la lettera che l'ex sindaco Giorgio Cortese ha scritto all'attuale primo cittadino

+ Miei preferiti
FAVRIA - Cortese scrive (ancora) al sindaco Serafino Ferrino
Riceviamo e pubblichiamo la lettera che l'ex sindaco di Favria, Giorgio Cortese, ha scritto e inviato all'attuale primo cittadino Serafino Ferrino (un tempo insieme in amministrazione).
 
«Egregio Sig. Sindaco, Le scrivo non come Presidente di una Associazione del nostro amato Paese, ne come ex amministratore, ma come semplice cittadino del Comune di Favria, preoccupato e infastidito dallo stato in cui si trova la nostra Comunità, per la quale chi scrive nutre profonda passione, esattamente quanta Lei e la Sua Giunta. Gentile Signor Sindaco non Le chiedo le opere fantastiche del Suo programma elettorale, che costituisce un bellissimo libro dei sogni, ma Le chiedo di agire nel quotidiano con atti di concreta utilità per la popolazione e per le associazioni del paese.
 
Considerata la verosimile necessità di ricostruire il manto stradale di via S.Pietro, certamente provvisorio allo stato attuale, mi chiedo se fosse possibile posizionare un paio di centraline per avere degli attacchi luce, vicino alla "ex"fontana, che attualmente è un triangolo di verde davanti al castello. Ritengo che il posizionare delle torrette nei luoghi in cui si svolgono le manifestazioni più importanti, abbatterebbe i costi, con conseguente risparmio per le casse comunali, e garantirebbe una migliore fruizione per le associazioni che gestiscono l’evento.
 
Signor Sindaco in questa Comunità dobbiamo tutti collaborare con le nostre capacità umane e con le caratteristiche delle varie associazioni per rendere sempre al meglio e, allora mi domando perché non viene a trovarci nelle nostre sedi e perché non prepara successivamente un incontro tra tutte le associazioni. Forse non sa come incominciare, allora Le fornisco io un punto dove tutte le associazioni potrebbero farsi coinvolgere per le loro eccellenze, lo spunto per incontrarci potrebbe essere quello di trovarci per dare via ad una festa delle Associazioni, senza inseguire raccolte fondi, ma solo per condividere una cena tra tutti noi, magari mettendo come obiettivo quello di mischiarci tra di noi per trovarci vicino a volontari di associazioni con le quali non abbiamo rapporti diretti, in primis a causa della diversità degli scopi che ogni associazione si prefigge.
 
Ma lo scopo potrebbe essere anche quello di sistemare la rete perimetrale, intorno al parco Martinotti, che versa in cattive condizioni, magari posizionandone una nuova rete per occludere dei passaggi che si sono creati e che minano sempre di più la siepe stessa. Signor Sindaco Le avevo chiesto tempo addietro di acquistare tra tutte le associazioni un nuovo cedro del Libano con apposizione nella buca di impianto dei contenitori di vetro con i pensieri dei bambini. Mi aveva detto che l'amministrazione che fa capo a Lei avrebbe provveduto in tal senso, ma ad oggi non vedo ancora nulla e, quindi, ribadisco: perché non farlo tutti assieme come fulcro di unione della nostra amata Comunità?
 
Signor Sindaco se  passa a piedi nel parco Bonaudo provi a vedere con gli occhi di una “ mamma” lo stato di degrado dei giochi per i bambini e la penuria delle panchine per le mamme che li accompagnano a giocare in quei luoghi. Se è solo un problema di risorse umane e di soldi del magro bilancio Comunale, collaborando con le associazioni si può fare qualcosa di positivo per la Comunità! Solo così durante la cena cui accennavo pocanzi, potremmo sentire voci diverse dalla nostra e anche Lei certamente troverà buoni spunti per interventi futuri in aiuto del volontariato,  anche se lo scopo del mio pensiero è capire gli obiettivi sociali che si prefiggono le varie associazioni, tutte composte da brave persone “civilizzate” che sinceramente amano con passione la Comunità dove viviamo.
 
Magari dalla riunione di inizio anno possono anche uscire i programmi delle associazioni, per evitare delle inutili sovrapposizioni, o delle collaborazioni attive, all'interno delle quali le associazioni non direttamente coinvolte nel raggiungimento dell'obiettivo si impegnano secondo i loro usuali canali informatici per dare comunicazione ai propri associati. Signor Sindaco, a tal proposito evidenzio come la fontana dell’acqua Comunale, soprattutto durante il periodo estivo, ha una notevole affluenza di cittadini, che nell'attesa di prelevare l'acqua, sarebbero contenti di trovare annunci sul lato della fontana,  ma allora,  perché sul lato libero della fontana non posiziona una bacheca dove le associazioni possano affiggere i loro manifesti. Il tutto, previo passaggio all’ufficio che Lei indicherà, per informare i cittadini circa i vari eventi e magari, fissa per questa bacheca la presente lettera.
 
Signor Sindaco a Lei e alla Sua Giunta non chiedo azioni da marziani, ma solo il buonsenso di ascoltare le Associazioni e di permetterci di collaborare. Le auguro buon lavoro, certo che non vorrà farsi sfuggire questa ennesima occasione per ricucire i fili della Comunità, e Le rammento che un Suo ulteriore silenzio verrà giudicato dai concittadini che nel 2017 andranno a votare il rinnovo del Consiglio Comunale». Giorgio Cortese
Dove è successo
Politica
CASTELLAMONTE - Addio zona blu dal 6 novembre: Mazza conferma
CASTELLAMONTE - Addio zona blu dal 6 novembre: Mazza conferma
Non sarà rinnovato il contratto con la ditta che gestisce i parcheggi a pagamento. Dopo tre anni le strisce torneranno bianche
CASO SMAT - Rostagno ribadisce il suo No alla nomina dell'ex Asa: «La scelta resta inopportuna»
CASO SMAT - Rostagno ribadisce il suo No alla nomina dell
E sulla difesa di Chiono, Rostagno rivela un particolare: «Chiono è stato di Sessa anche il testimone di nozze. Non mi stupisce questa sua difesa d'ufficio». Alla fine la Appendino ha deciso di non recepire il suggerimento di Rostagno
CASO SMAT - Chiono attacca Rostagno e difende Appendino: «Dal sindaco di Rivarolo lettera menzognera»
CASO SMAT - Chiono attacca Rostagno e difende Appendino: «Dal sindaco di Rivarolo lettera menzognera»
Durissima lettera del sindaco di Busano contro il collega di Rivarolo in merito alla nomina di un ex Asa per la Smat: «Non si è documentato ed esprime giudizi, oltretutto inviando un documento menzognero ai colleghi sindaci»
IVREA - La biblioteca è senza il certificato prevenzione incendi
IVREA - La biblioteca è senza il certificato prevenzione incendi
Una carenza gravissima che è oggetto della mozione presentata dai consiglieri comunali Francesco Comotto e Alberto Tognoli
CASO SMAT - La Appendino tira dritto e conferma la nomina dell'ex Asa per il consiglio di amministrazione
CASO SMAT - La Appendino tira dritto e conferma la nomina dell
Per ora la lettera del sindaco di Rivarolo Canavese non ha sortito effetti: nella nuova terna presentata dal Comune di Torino c'è ancora il nome di Fabio Sessa. Nome che ha sollecitato la reazione dei sindaci canavesani
CUORGNE' - Successo per le feste nelle frazioni: Pezzetto ringrazia i volontari
CUORGNE
«Mi sembra il minimo ringraziare tutti quei volontari che in modo gratuito si sono prestati in questo mese di luglio per animare le rispettive frazioni»
CANAVESE - La Appendino propone un ex Asa per la Smat: Rostagno guida la protesta dei sindaci
CANAVESE - La Appendino propone un ex Asa per la Smat: Rostagno guida la protesta dei sindaci
Sul nome di Fabio Sessa, indicato dal sindaco di Torino, Chiara Appendino, per il nuovo vertice della Smat, scoppia la rivolta dei sindaci dell'alto Canavese. Pronto il voto contrario se Torino non cambierà il candidato
CASTELLAMONTE - La Mostra della Ceramica si fa: dal 9 al 24 settembre
CASTELLAMONTE - La Mostra della Ceramica si fa: dal 9 al 24 settembre
Il sindaco Pasquale Mazza garantisce: «Stiamo già lavorando per dare la giusta continuità alle nostre tradizioni»
MONTALENGHE - Grosso accende la nuova luce del centro storico
MONTALENGHE - Grosso accende la nuova luce del centro storico
Il Comune di Montalenghe annuncia l'inizio del primo lotto di ammodernamento dell'illuminazione pubblica del centro paese
IVREA - Anpi in piazza: «La città è stata e sarà sempre antifascista»
IVREA - Anpi in piazza: «La città è stata e sarà sempre antifascista»
Dopo l'atto vandalico contro uno dei simboli della Resistenza in città la pronta reazione dell'Anpi e delle istituzioni locali
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore