FAVRIA - La festa pluricentenaria della Madonna della Neve, un rito che si ripete

| Il titolo di Madonna della Neve, presente nel borgo favriese, affonda le sue origini nei primi secoli della Chiesa ed è strettamente legato al sorgere della Basilica di Santa Maria Maggiore in Roma

+ Miei preferiti
FAVRIA - La festa pluricentenaria della Madonna della Neve, un rito che si ripete
Il titolo di Madonna della Neve, presente nel borgo favriese, affonda le sue origini nei primi secoli della Chiesa ed è strettamente legato al sorgere della Basilica di Santa Maria Maggiore in Roma. Secondo la tradizione, nel IV secolo, sotto il pontificato di Papa Liberio, 352-366 d.C., un nobile e ricco patrizio romano di nome Giovanni, insieme alla sua altrettanto ricca e nobile moglie, non avendo figli decisero di offrire i loro beni alla Santa Vergine, per la costruzione di una chiesa a lei dedicata. La Madonna gradì il loro desiderio e apparve in sogno ai coniugi la notte fra il 4 e il 5 agosto, tempo di gran caldo a Roma, indicando con un miracolo il luogo dove doveva sorgere la chiesa.

Infatti la mattina dopo, i coniugi romani si recarono da Papa Liberio a raccontare il sogno fatto da entrambi, anche il Papa aveva fatto lo stesso sogno e quindi si recò sul luogo indicato, il colle Esquilino e lo trovò coperto di neve, in piena estate romana. Dal 1568 la denominazione ufficiale della festa liturgica della Madonna della Neve, è stata modificata nel termine “Dedicazione di Santa Maria Maggiore”, celebrazione sempre il 5 agosto. Il miracolo della neve in agosto non è più citato in quanto leggendario e non comprovato. Ma il culto per la Madonna della Neve, andò comunque sempre più affermandosi, tanto è vero che tra i secoli XV e XVIII ci fu la massima diffusione delle chiese dedicate alla Madonna della Neve, con l’instaurarsi di tante celebrazioni locali, che ancora oggi coinvolgono interi paesi come a Favria che è la testimonianza del visibile anello di congiunzione tra cielo e terra.

Se a Favria la tradizione di questa ricorrenza si mantiene viva nell’omonimo borgo è grazie al tenace lavoro del Comitato presieduto da Riccardo, Segretario, cassiere- Presidente onorario Valentino, con gli altri membri del Comitato: Franca, Iolanda, Giusy, Valter, Giuseppe, Martino, Laura, Francesco, Anna Maria, Leonardo, Maria, Francesca e Gina. Ecco tutti loro mantengono viva ogni anno questa memoria non solo il giorno della festa ultima domenica di luglio, quest’anno 28 luglio con la S. Messa cantata alle ore 20,30 e poi processione per le relative vie della borgata in Favria. Una festa pluricentenaria, memorie di questa cappella si anno già verso la fine del Settecento dove viene citato anche il toponimo regione Pasquarolo, luogo di incontro della Abbadia dei Folli, confraternita giovanile per il tradizionale ballo dei valentini e valentine con falò e relativo ballo per le coppie di neo fidanzati e anche usata tale area per tiro con arco e archibugio e fiere agricole.

La cappella ha ospitato sino alla rivoluzione francese un piccolo cimitero e dipendeva dalla chiesa di San Michele, diocesi di Torino, sino ad allora Favria era divisa in due parrocchie che dipendevano una da Torino e San Pietro, oggi San Grato dalla diocesi di Ivrea che aveva giurisdizione anche sulla cappella SS. Annunziata. Un grazie a tutti, proprio a tutti che hanno collaborato, contribuito in vario titolo come ogni anno alla riuscita della festa per mantenere vive queste tradizioni. Ritengo che ricordare è importante per vivere bene il presente, quello che facciamo, diciamo, pensiamo. Senza la memoria che può quindi esistere la stessa tradizione e di conseguenza elementi religiosi e profani che rendo viva la vita di una Comunità. Sono interconnessioni che si sostengono l’una con l’altra, perché allo stesso tempo la tradizione è importante per la memoria: si tratta infatti di un meccanismo che consente di conservarla in un modo unico e particolare. Infine permettetemi perché penso che questo è il pensiero di tutti noi borghigiani una parola semplice ma ricca di significato un grande Grazie a Valentino, che possa rimettersi in salute. (Giorgio Cortese)

Galleria fotografica
FAVRIA - La festa pluricentenaria della Madonna della Neve, un rito che si ripete - immagine 1
FAVRIA - La festa pluricentenaria della Madonna della Neve, un rito che si ripete - immagine 2
FAVRIA - La festa pluricentenaria della Madonna della Neve, un rito che si ripete - immagine 3
FAVRIA - La festa pluricentenaria della Madonna della Neve, un rito che si ripete - immagine 4
FAVRIA - La festa pluricentenaria della Madonna della Neve, un rito che si ripete - immagine 5
FAVRIA - La festa pluricentenaria della Madonna della Neve, un rito che si ripete - immagine 6
FAVRIA - La festa pluricentenaria della Madonna della Neve, un rito che si ripete - immagine 7
FAVRIA - La festa pluricentenaria della Madonna della Neve, un rito che si ripete - immagine 8
FAVRIA - La festa pluricentenaria della Madonna della Neve, un rito che si ripete - immagine 9
FAVRIA - La festa pluricentenaria della Madonna della Neve, un rito che si ripete - immagine 10
Politica
PONT - #cleanthestreet, protagonisti i bimbi della scuola primaria
PONT - #cleanthestreet, protagonisti i bimbi della scuola primaria
Nell’occasione, sono stati distribuiti a tutti i partecipanti le borse contenenti eco-gadget ottenuti grazie al riciclo dei materiali
LEINI - Treno della memoria: 7 posti per i giovani leinicesi
LEINI - Treno della memoria: 7 posti per i giovani leinicesi
Per iscriversi è necessario impegnarsi a partecipare a tutti gli eventi previsti per il viaggio e versare la quota di partecipazione
FERROVIA CANAVESANA - La Regione in pressing su Gtt per annullare gli aumenti dei biglietti previsti dal primo dicembre
FERROVIA CANAVESANA - La Regione in pressing su Gtt per annullare gli aumenti dei biglietti previsti dal primo dicembre
Si attende una svolta sulla questione delle tariffe di biglietti e abbonamenti delle ferrovie Canavesana e Torino-Ceres, oltre che dei bus extraurbani, che dovrebbero aumentare dal prossimo primo dicembre
IVREA - Il 15% degli studenti giustifica la violenza sulle donne
IVREA - Il 15% degli studenti giustifica la violenza sulle donne
Sabato saranno presentate le iniziative portate avanti nel secondo anno di attività del progetto «Violetta, la forza delle donne»
CASTELLAMONTE - Le Nostre Scarpette Rosse 2019: sensibilizzazione contro la Violenza sulle Donne
CASTELLAMONTE - Le Nostre Scarpette Rosse 2019: sensibilizzazione contro la Violenza sulle Donne
Le Nostre Scarpette Rosse: non servono per ballare, ma potrebbero salvare una vita. Il percorso rivolto alla sensibilizzazione contro la Violenza sulle Donne con Alice D'Oro, il Liceo Artistico, Roberto Perino e alla Casa delle Donne
MAPPANO - Campioni: «La politica di Grassi ci è costata 260 mila euro»
MAPPANO - Campioni: «La politica di Grassi ci è costata 260 mila euro»
«Il sindaco Grassi dimostra ancora una volta scarsa sensibilità democratica e scarso coinvolgimento della minoranza»
CASTELLAMONTE - La storia della città nelle tesi di laurea di Maddalena e Cristina
CASTELLAMONTE - La storia della città nelle tesi di laurea di Maddalena e Cristina
Giovedì 21 Novembre, alle ore 21 al Centro Congressi Piero Martinetti, verranno presentate le Tesi recentemente discusse dalle due studentesse
CHIVASSO - I Comuni, 25 anni dopo, nel ricordo del crollo del ponte
CHIVASSO - I Comuni, 25 anni dopo, nel ricordo del crollo del ponte
Una cerimonia commovente per ricordare i tragici eventi a 25 anni dall'alluvione che sconvolse tutta la zona del chivassese
CUORGNE' - Una lezione speciale per i bimbi della scuola primaria - FOTO
CUORGNE
Come da tradizione degli ultimi anni, la Fiera di San Martino di Cuorgnè si è conclusa questa mattina con una bellissima e lodevole iniziativa
MAZZE' - Minoranza sul piede di guerra: «Lavori fermi da due mesi»
MAZZE
Il cantiere per il rifacimento dei marciapiedi a Tonengo di Mazzè, lungo la principale via Garibaldi, risulta fermo
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore