FORNO - Fuori dall'Unione ma non se ne parla in consiglio

| L'amministrazione «dimentica» di inserire il punto all'ordine del giorno come lo stesso sindaco aveva annunciato

+ Miei preferiti
FORNO - Fuori dallUnione ma non se ne parla in consiglio
Forno Canavese uscirà dall’Unione dei Comuni, ormai pare sia un dato di fatto. Ma nel consiglio di ieri il tema non era neanche all'ordine del giorno. L’assemblea si è aperta con la mozione del gruppo di minoranza “Impego Civile per Forno” presentata da Luca Val che chiedeva al Comune di metter mano alla delicata situazione delle strade in Frazione Crosi. Le soluzioni proposte sono state varie, a partire da un semaforo fino ad arrivare ai famosi autovelox arancioni. Il sindaco Boggia ha però risposto che la strada è provinciale, e l'ente promette da anni un intervento. «Abbiamo già pensato a tutte queste soluzioni, ma nessuna si è dimostrata realmente praticabile» ha affermato il sindaco. Vista però l’ovvia necessità di interventi la mozione è stata votata all’unanimità.
 
La seconda mozione della lista ha riguardato la pessima situazione delle strade e di molti luoghi pubblici comunali, come il parco giochi delle elementari. La maggioranza ha risposto di fare tutto il possibile per mantenere in ordine il territorio visto che solo un cantoniere può effettivamente lavorare. Il sindaco ha poi anche affermato che «una maleducazione simile non si era mai vista a Forno». Buona parte della sporcizia di tali luoghi è solamente dovuta infatti a rifiuti gettati dai cittadini. Con la terza mozione è stato il candidato sindaco Vincenzo Armenio, della lista “Ricostruiamo Forno Insieme”, a prendere la parola con la richiesta di intervenire sulle acque nere che confluiscono nel Rio Bosume al di sopra dell’area adibita alle gare di pesca. La risposta è stata che la Smat ha finalmente dato conferma che, dopo più di quattro anni, inizierà i lavori entro la fine di maggio.
 
L’ultima mozione è stata la richiesta di un accordo con la Teknoservice per dare ai cittadini un luogo dove poter gettare i rifiuti verdi. Viste però le esose richieste dell’azienda il tutto si è chiuso con un “magari si può provare” e la mozione votata all’unanimità. Il consiglio è proseguito con una serie di votazioni obbligatorie per legge su argomenti di bilancio finchè non ha preso di nuovo la parola Gioannini per l’ultima mozione.
 
L’uscita di Forno dell’Unione dei Comuni, misteriosamente non presente tra gli ordini del giorno è tornata al centro dell’attenzione. La mozione, finalizzata a richiedere un regolamento più chiaro attraverso la convocazione di una commissione preposta, è cominciato con un riassunto cronologico. Riassunto che ha dimostrato come il Comune abbia deciso di tirare dritto sulla sua strada di uscita senza curarsi della risposta in cui l’Unione affermava di essere pronta a mettersi intorno a un tavolo per discutere le richieste di Forno.
 
Durante la sua esposizione il rappresentante di Impegno Civile ha anche fatto notare come nella lettera inviata da Forno sono stati presi in considerazione due incontri di cui non sono presenti i verbali, e che il sindaco ha affermato fossero solo ufficiosi. L’intervento e il consiglio si è concluso con la richiesta di interpellare anche le minoranze per arrivare a una decisione e non di informarle solo dopo ciò che si decide nelle “segrete stanze”. (p.f)
Politica
CASTELLAMONTE - Addio zona blu dal 6 novembre: Mazza conferma
CASTELLAMONTE - Addio zona blu dal 6 novembre: Mazza conferma
Non sarà rinnovato il contratto con la ditta che gestisce i parcheggi a pagamento. Dopo tre anni le strisce torneranno bianche
CASO SMAT - Rostagno ribadisce il suo No alla nomina dell'ex Asa: «La scelta resta inopportuna»
CASO SMAT - Rostagno ribadisce il suo No alla nomina dell
E sulla difesa di Chiono, Rostagno rivela un particolare: «Chiono è stato di Sessa anche il testimone di nozze. Non mi stupisce questa sua difesa d'ufficio». Alla fine la Appendino ha deciso di non recepire il suggerimento di Rostagno
CASO SMAT - Chiono attacca Rostagno e difende Appendino: «Dal sindaco di Rivarolo lettera menzognera»
CASO SMAT - Chiono attacca Rostagno e difende Appendino: «Dal sindaco di Rivarolo lettera menzognera»
Durissima lettera del sindaco di Busano contro il collega di Rivarolo in merito alla nomina di un ex Asa per la Smat: «Non si è documentato ed esprime giudizi, oltretutto inviando un documento menzognero ai colleghi sindaci»
IVREA - La biblioteca è senza il certificato prevenzione incendi
IVREA - La biblioteca è senza il certificato prevenzione incendi
Una carenza gravissima che è oggetto della mozione presentata dai consiglieri comunali Francesco Comotto e Alberto Tognoli
CASO SMAT - La Appendino tira dritto e conferma la nomina dell'ex Asa per il consiglio di amministrazione
CASO SMAT - La Appendino tira dritto e conferma la nomina dell
Per ora la lettera del sindaco di Rivarolo Canavese non ha sortito effetti: nella nuova terna presentata dal Comune di Torino c'è ancora il nome di Fabio Sessa. Nome che ha sollecitato la reazione dei sindaci canavesani
CUORGNE' - Successo per le feste nelle frazioni: Pezzetto ringrazia i volontari
CUORGNE
«Mi sembra il minimo ringraziare tutti quei volontari che in modo gratuito si sono prestati in questo mese di luglio per animare le rispettive frazioni»
CANAVESE - La Appendino propone un ex Asa per la Smat: Rostagno guida la protesta dei sindaci
CANAVESE - La Appendino propone un ex Asa per la Smat: Rostagno guida la protesta dei sindaci
Sul nome di Fabio Sessa, indicato dal sindaco di Torino, Chiara Appendino, per il nuovo vertice della Smat, scoppia la rivolta dei sindaci dell'alto Canavese. Pronto il voto contrario se Torino non cambierà il candidato
CASTELLAMONTE - La Mostra della Ceramica si fa: dal 9 al 24 settembre
CASTELLAMONTE - La Mostra della Ceramica si fa: dal 9 al 24 settembre
Il sindaco Pasquale Mazza garantisce: «Stiamo già lavorando per dare la giusta continuità alle nostre tradizioni»
MONTALENGHE - Grosso accende la nuova luce del centro storico
MONTALENGHE - Grosso accende la nuova luce del centro storico
Il Comune di Montalenghe annuncia l'inizio del primo lotto di ammodernamento dell'illuminazione pubblica del centro paese
IVREA - Anpi in piazza: «La città è stata e sarà sempre antifascista»
IVREA - Anpi in piazza: «La città è stata e sarà sempre antifascista»
Dopo l'atto vandalico contro uno dei simboli della Resistenza in città la pronta reazione dell'Anpi e delle istituzioni locali
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore