INCIDENTI MORTALI SULLA 460 - Autovelox in arrivo: basteranno a fermare le stragi?

| Intervista al vicesindaco della Città Metropolitana, Alberto Avetta. Nove i morti dall'inizio dell'anno sull'ex statale

+ Miei preferiti
INCIDENTI MORTALI SULLA 460 - Autovelox in arrivo: basteranno a fermare le stragi?
Un mazzo di fiori ogni duecento metri. Se c'è un segno tangibile di quanto l'ex statale 460 possa considerarsi una "strada della morte", sono proprio quei fiori, quelle lapidi, quelle fotografie lasciate sulla banchina a perenne ricordo di chi, su quella lingua d'asfalto, vi ha perso la vita. Solo di quest'anno, nel tratto Leini-Ceresole Reale, sono morte nove persone. Gli ultimi tre, domenica mattina. Due fidanzati di Rivarossa e un poliziotto di Feletto. Incidenti con dinamiche diverse, certo, ma pur sempre da bollettino di guerra. Purtroppo l'ex 460 è anche la strada principale per raggiungere il Canavese. Il traffico è in costante aumento e, con esso, aumentano anche i pericoli.
 
Lo sanno alla Città Metropolitana, l'ente che ha ereditato dalla Provincia di Torino la strada del Gran Paradiso. «I dati ci devono far riflettere - dice il vicesindaco Alberto Avetta - anche se, il 2015, è un anno particolare. Da dieci anni a questa parte, grazie alle opere realizzate dalla Provincia, gli incidenti mortali si sono ridotti del 50%, rientrando anche nei parametri sulla sicurezza imposti dall'unione europea». La Provincia, dal 2000, ha speso venti milioni di euro tra rotatorie e circonvallazioni. Ancora non basta.
 
«Quella strada è stata realizzata negli anni '70 per garantire uno scorrimento veloce del traffico - spiega Avetta che della Provincia è stato a lungo assessore alla viabilità - oggi le cose sono cambiate ed è chiaro che quel tipo di soluzione viaria non è più adeguata». Al netto della mancanza di risorse, che tronca sul nascere i sogni di allargamento della sede stradale o di installazione di uno spartitraffico centrale (vietato perchè non ci sono le misure minime di sicurezza), la Città metropolitana dovrà per forza intervenire. 
 
Ieri mattina c'è stato un summit con i dirigenti del settore per capire come e dove intervenire. «Non è semplice perchè le soluzioni ipotizzate per il tratto Leini-Lombardore non sono valide tra Locana e Ceresole, dove l'ex statale attraversa i paesi ed è molto diversa» ammette Avetta. Per il tratto Leini-Lombardore si pensa agli autovelox fissi, modello tutor, di quelli già presenti in alcune autostrade. «Potremmo provare un maggiore controllo della velocità dei veicoli in transito - conferma il vicesindaco metropolitano - può essere efficace in alcune situazioni ma non in altre. Le dinamiche degli incidenti non sono tutte uguali. Un velox non ferma un'auto che, per svariate ragioni, invade la corsia opposta».
Dove è successo
Politica
VOLPIANO - Torna la campagna Legambiente «Puliamo il mondo»
VOLPIANO - Torna la campagna Legambiente «Puliamo il mondo»
Sabato 30 settembre dalle ore 14 i volontari saranno all'opera in via Leinì e nelle zone limitrofe (ritrovo all'Oasi Francescana)
IVREA - Imprenditori a confronto sull'economia nella «Pausa pranzo»
IVREA - Imprenditori a confronto sull
«Pausa pranzo! Conversazioni sull’economia civile»: a Ivrea tre giorni di conferenze, dibattiti, mostre e spettacoli
CASTELLAMONTE - Il Movimento 5 Stelle chiede un consiglio comunale aperto sulla palestra demolita
CASTELLAMONTE - Il Movimento 5 Stelle chiede un consiglio comunale aperto sulla palestra demolita
Il Movimento 5 Stelle propone una soluzione diversa all'amministrazione comunale per risolvere quello che da più parti è stato considerato uno scempio in pieno centro storico
CASTELLAMONTE - Buco nel bilancio: il sindaco Pasquale Mazza chiede ai cittadini di pagare le tasse
CASTELLAMONTE - Buco nel bilancio: il sindaco Pasquale Mazza chiede ai cittadini di pagare le tasse
I dati dell'ufficio finanziario del Comune di Castellamonte hanno messo in risalto una situazione difficile, visto il mancato introito di Tari e Imu degli ultimi anni. Tanto che il sindaco, oggi, ha diffuso una lettera aperta ai cittadini
MAPPANO - Trovato un accordo con le società per la palestra
MAPPANO - Trovato un accordo con le società per la palestra
Si sono incontrati, il 19 settembre scorso, il Comune di Mappano, nella persona dell'assessore Maestrello, e le società interessate
CUORGNE' - Una sedia rossa in Comune contro la violenza di genere
CUORGNE
«Voglio ringraziare il gruppo Donne della Valle Sacra per questa importante iniziativa su un tema così delicato» ha detto il sindaco
RIVAROLO - Comitato pro circonvallazione: «Sindaco spiacevole»
RIVAROLO - Comitato pro circonvallazione: «Sindaco spiacevole»
«La nostra gratitudine va a tutti coloro che sono venuti al gazebo o che ci hanno fatto pervenire il loro sostegno sui social»
CANAVESE - 1,5 miliardi di euro per nuovi ospedali in Piemonte: Ivrea esclusa. «Diamoci da fare per l'ospedale unico»
CANAVESE - 1,5 miliardi di euro per nuovi ospedali in Piemonte: Ivrea esclusa. «Diamoci da fare per l
Si rinnova l'appello alla politica per trovare risorse e location di quello che potrebbe diventare il nuovo ospedale del Canavese. Luigi Sergio Ricca, sindaco di Bollengo, rinnova l'appello al collega di Ivrea e a tutti i primi cittadini
VOLPIANO - Crisi Comital: due cordate in visita allo stabilimento
VOLPIANO - Crisi Comital: due cordate in visita allo stabilimento
Ora i sindacati chiedono di congelare i 138 licenziamenti dal momento che è possibile avviare una trattativa con gli acquirenti
IVREA - Contro Vodafone parte la campagna di boicottaggio
IVREA - Contro Vodafone parte la campagna di boicottaggio
Rifondazione Comunista ha convocato un presidio-flash mob per il lancio di una campagna di boicottaggio contro Vodafone
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore