INCIDENTI MORTALI SULLA 460 - Autovelox in arrivo: basteranno a fermare le stragi?

| Intervista al vicesindaco della Città Metropolitana, Alberto Avetta. Nove i morti dall'inizio dell'anno sull'ex statale

+ Miei preferiti
INCIDENTI MORTALI SULLA 460 - Autovelox in arrivo: basteranno a fermare le stragi?
Un mazzo di fiori ogni duecento metri. Se c'è un segno tangibile di quanto l'ex statale 460 possa considerarsi una "strada della morte", sono proprio quei fiori, quelle lapidi, quelle fotografie lasciate sulla banchina a perenne ricordo di chi, su quella lingua d'asfalto, vi ha perso la vita. Solo di quest'anno, nel tratto Leini-Ceresole Reale, sono morte nove persone. Gli ultimi tre, domenica mattina. Due fidanzati di Rivarossa e un poliziotto di Feletto. Incidenti con dinamiche diverse, certo, ma pur sempre da bollettino di guerra. Purtroppo l'ex 460 è anche la strada principale per raggiungere il Canavese. Il traffico è in costante aumento e, con esso, aumentano anche i pericoli.
 
Lo sanno alla Città Metropolitana, l'ente che ha ereditato dalla Provincia di Torino la strada del Gran Paradiso. «I dati ci devono far riflettere - dice il vicesindaco Alberto Avetta - anche se, il 2015, è un anno particolare. Da dieci anni a questa parte, grazie alle opere realizzate dalla Provincia, gli incidenti mortali si sono ridotti del 50%, rientrando anche nei parametri sulla sicurezza imposti dall'unione europea». La Provincia, dal 2000, ha speso venti milioni di euro tra rotatorie e circonvallazioni. Ancora non basta.
 
«Quella strada è stata realizzata negli anni '70 per garantire uno scorrimento veloce del traffico - spiega Avetta che della Provincia è stato a lungo assessore alla viabilità - oggi le cose sono cambiate ed è chiaro che quel tipo di soluzione viaria non è più adeguata». Al netto della mancanza di risorse, che tronca sul nascere i sogni di allargamento della sede stradale o di installazione di uno spartitraffico centrale (vietato perchè non ci sono le misure minime di sicurezza), la Città metropolitana dovrà per forza intervenire. 
 
Ieri mattina c'è stato un summit con i dirigenti del settore per capire come e dove intervenire. «Non è semplice perchè le soluzioni ipotizzate per il tratto Leini-Lombardore non sono valide tra Locana e Ceresole, dove l'ex statale attraversa i paesi ed è molto diversa» ammette Avetta. Per il tratto Leini-Lombardore si pensa agli autovelox fissi, modello tutor, di quelli già presenti in alcune autostrade. «Potremmo provare un maggiore controllo della velocità dei veicoli in transito - conferma il vicesindaco metropolitano - può essere efficace in alcune situazioni ma non in altre. Le dinamiche degli incidenti non sono tutte uguali. Un velox non ferma un'auto che, per svariate ragioni, invade la corsia opposta».
Dove è successo
Politica
LEINI - Si dimette l'assessore al bilancio del Comune, Marco D'Acri
LEINI - Si dimette l
Motivi professionali alla base della decisione: «Non sono più in grado di garantire quella presenza che la carica impone»
CASTELLAMONTE - Lavori in corso in diversi punti della città
CASTELLAMONTE - Lavori in corso in diversi punti della città
Nei giorni scorsi, a Castellamonte, sono partiti alcuni lavori di manutenzione richiesti da parecchio tempo al Comune
IVREA - Imprenditori a lezione in Confindustria
IVREA - Imprenditori a lezione in Confindustria
Parte un percorso formativo organizzato per aiutare le aziende a superare sfide e barriere nei mercati internazionali
CUORGNE' - Chiude (ancora una volta) il bocciodromo di via Braggio: diventerà una palestra?
CUORGNE
L'impianto sportivo, entro la fine dell'anno, perderà il gestore e rimarrà, ancora una volta, una cattedrale nel deserto. La posa del primo mattone risale al 1990. Poi uno stop di 23 anni. Le bocce, però, evidentemente «non tirano»
CASTELLAMONTE - Il centro anziani chiude: i socialisti non ci stanno
CASTELLAMONTE - Il centro anziani chiude: i socialisti non ci stanno
Dopo decenni di servizio l'associazione è ormai ad un passo dalla chiusura a causa del calo degli iscritti e dell'aumento dei costi
IVREA - Caffè con l'esperto: incontro sui media con Marco Mussini
IVREA - Caffè con l
Marco Mussini, giornalista ed ex-assistente all'Europarlamento, parlerà di comunicazione e media
TORINO-CERES - Da Vivi Caselle una proposta per ridurre i disagi
TORINO-CERES - Da Vivi Caselle una proposta per ridurre i disagi
Dopo la proposta per ridurre i disagi del tunnel di corso Grosseto a chi usa i bus, arriva un'analoga iniziativa per i treni
IVREA - Dall'Anpi un appello a coerenza e responsabilità
IVREA - Dall
Riceviamo e pubblichiamo una riflessione sull'attualità (anche in Canavese) di Mario Beiletti dell'Anpi Ivrea e Basso Canavese
CANAVESE - Esposto in procura contro l'Asl To4: «Negli ospedali del Canavese poco personale e pazienti a rischio»
CANAVESE - Esposto in procura contro l
Dopo il fallito tentativo in Prefettura, il segretario territoriale Giuseppe Summa, a nome del Nursind, ha presentato un esposto alla procura di Ivrea per denunciare le gravissime condizioni in cui verserebbero gli ospedali dell'Asl To4
IVREA - Neve e ghiaccio: la città resta senza sale e il Comune si scusa
IVREA - Neve e ghiaccio: la città resta senza sale e il Comune si scusa
Diventano oggetto di scontro politico i disagi patiti dagli eporediesi dopo l'ondata di maltempo. Attacco della Lega Nord
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore