INCIDENTI MORTALI SULLA 460 - Autovelox in arrivo: basteranno a fermare le stragi?

| Intervista al vicesindaco della Città Metropolitana, Alberto Avetta. Nove i morti dall'inizio dell'anno sull'ex statale

+ Miei preferiti
INCIDENTI MORTALI SULLA 460 - Autovelox in arrivo: basteranno a fermare le stragi?
Un mazzo di fiori ogni duecento metri. Se c'è un segno tangibile di quanto l'ex statale 460 possa considerarsi una "strada della morte", sono proprio quei fiori, quelle lapidi, quelle fotografie lasciate sulla banchina a perenne ricordo di chi, su quella lingua d'asfalto, vi ha perso la vita. Solo di quest'anno, nel tratto Leini-Ceresole Reale, sono morte nove persone. Gli ultimi tre, domenica mattina. Due fidanzati di Rivarossa e un poliziotto di Feletto. Incidenti con dinamiche diverse, certo, ma pur sempre da bollettino di guerra. Purtroppo l'ex 460 è anche la strada principale per raggiungere il Canavese. Il traffico è in costante aumento e, con esso, aumentano anche i pericoli.
 
Lo sanno alla Città Metropolitana, l'ente che ha ereditato dalla Provincia di Torino la strada del Gran Paradiso. «I dati ci devono far riflettere - dice il vicesindaco Alberto Avetta - anche se, il 2015, è un anno particolare. Da dieci anni a questa parte, grazie alle opere realizzate dalla Provincia, gli incidenti mortali si sono ridotti del 50%, rientrando anche nei parametri sulla sicurezza imposti dall'unione europea». La Provincia, dal 2000, ha speso venti milioni di euro tra rotatorie e circonvallazioni. Ancora non basta.
 
«Quella strada è stata realizzata negli anni '70 per garantire uno scorrimento veloce del traffico - spiega Avetta che della Provincia è stato a lungo assessore alla viabilità - oggi le cose sono cambiate ed è chiaro che quel tipo di soluzione viaria non è più adeguata». Al netto della mancanza di risorse, che tronca sul nascere i sogni di allargamento della sede stradale o di installazione di uno spartitraffico centrale (vietato perchè non ci sono le misure minime di sicurezza), la Città metropolitana dovrà per forza intervenire. 
 
Ieri mattina c'è stato un summit con i dirigenti del settore per capire come e dove intervenire. «Non è semplice perchè le soluzioni ipotizzate per il tratto Leini-Lombardore non sono valide tra Locana e Ceresole, dove l'ex statale attraversa i paesi ed è molto diversa» ammette Avetta. Per il tratto Leini-Lombardore si pensa agli autovelox fissi, modello tutor, di quelli già presenti in alcune autostrade. «Potremmo provare un maggiore controllo della velocità dei veicoli in transito - conferma il vicesindaco metropolitano - può essere efficace in alcune situazioni ma non in altre. Le dinamiche degli incidenti non sono tutte uguali. Un velox non ferma un'auto che, per svariate ragioni, invade la corsia opposta».
Politica
QUINCINETTO - Frana: accolti i suggerimenti dei sindaci della zona
QUINCINETTO - Frana: accolti i suggerimenti dei sindaci della zona
Il piano speditivo per gestire il traffico in caso di chiusura dell'autostrada A5 Torino-Aosta è destinato a cambiare
CERESOLE REALE - Accessi limitati alle auto? Uncem chiede regole per salvaguardare pedoni, ciclisti e ambiente
CERESOLE REALE - Accessi limitati alle auto? Uncem chiede regole per salvaguardare pedoni, ciclisti e ambiente
Da anni si parla di regolamentare le auto in quota anche in Canavese, in particolare sulla strada che da Ceresole sale fino al colle del Nivolet. Anche quest'anno la discussione è tornata d'attualità dopo il passaggio del Giro d'Italia
ISTRUZIONE - Lo scuolabus resta gratuito: esultano sindaci e amministrazioni locali
ISTRUZIONE - Lo scuolabus resta gratuito: esultano sindaci e amministrazioni locali
Buone notizie per le famiglie interessate dal servizio scuolabus. I Comuni, se il bilancio lo consentirà, potranno continuare a integrare le spese
CANAVESE - Raffica di contributi alle scuole dell'infanzia paritarie
CANAVESE - Raffica di contributi alle scuole dell
Lo stanziamento per l'anno scolastico 2018-2019 supera quello che era stato erogato per l'annata precedente dalla Regione
VALPERGA - Consiglio comunale: tutti assenti, in aula solo il sindaco
VALPERGA - Consiglio comunale: tutti assenti, in aula solo il sindaco
Ci vorrà un terzo consiglio comunale per far passare la contestata variante al piano regolatore già oggetto di scontri e polemiche
RIVAROLO CANAVESE - Cittadinanza onoraria per il vescovo emerito di Ivrea, monsignor Luigi Bettazzi
RIVAROLO CANAVESE - Cittadinanza onoraria per il vescovo emerito di Ivrea, monsignor Luigi Bettazzi
L'evento per il conferimento della cittadinanza onoraria si svolgerà in Sala Consiliare domenica 29 settembre, in occasione della Festa di San Michele Arcangelo. Lo ha deciso la giunta comunale del sindaco Alberto Rostagno
SICUREZZA - Più forze dell'ordine su treni e stazioni ferroviarie
SICUREZZA - Più forze dell
Il protocollo siglato in Prefettura prevede l'installazione di telecamere e tornelli nelle principali stazioni della zona
CASTELLAMONTE - Mostra: Bethaz e Mazza rispondono alla Lega
CASTELLAMONTE - Mostra: Bethaz e Mazza rispondono alla Lega
All'attacco della Lega sulla Mostra della Ceramica di quest'anno è arrivata puntuale la risposta dell'amministrazione comunale
CASTELLAMONTE - Lega a gamba tesa sulla Mostra della Ceramica
CASTELLAMONTE - Lega a gamba tesa sulla Mostra della Ceramica
«L'anticipo a luglio rispetto alle edizioni precedenti non è stato una mossa vincente, vista la bassa affluenza di pubblico»
CANAVESE - Tre idee per dare nuova vita ai territori di montagna
CANAVESE - Tre idee per dare nuova vita ai territori di montagna
Sono tre le proposte operative che Confindustria per la Montagna ha rivolto al ministro per gli affari regionali Erika Stefani
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore