INGRIA - La Rai non si vede? Pronti a disdire gli abbonamenti

| Il piccolo parlamento ingriese ha votato (all'unanimità) una richiesta di un miglior servizio di trasmissione televisiva della Rai

+ Miei preferiti
INGRIA - La Rai non si vede? Pronti a disdire gli abbonamenti
Durante l'ultimo consiglio comunale di Ingria anche la Rai ha tenuto banco nella discussione politica. Più precisamente ha tenuto banco il fatto che, nonostante il canone della tv di Stato, adesso, si paghi nella bolletta elettrica, in alcuni paesi di montagna il segnale della Rai ancora non si vede. 
 
Il piccolo parlamento ingriese ha votato (all'unanimità) una richiesta di un miglior servizio di trasmissione televisiva, soprattutto in vista dell'inserimento del canone Rai nella bolletta telefonica, considerato che numerosi sindaci dopo l'introduzione del digitale terrestre hanno segnalato sempre più crescenti difficoltà a ricevere un segnale chiaro, cosa che ha provocato anche la disdetta del canone di molti utenti, mentre molti altri continuano a pagarlo senza ricevere un servizio di qualità, cosa che nelle aree montane come la Val Soana, fa restare elevato il livello di "digital divide" che ha la sua prima fonte nella difficoltà di ricezione del segnale tv e radio. 
 
«Riteniamo che se da una parte sia necessario diminuire l'evasione - dicono il sindaco Igor De Santis e il consigliere Andrea Cane - dall'altra debba essere assicurato un adeguato servizio ai nostri cittadini consentendo la ricezione di tutti i canali, in primis di quelli Rai. Nel caso ciò non avvenisse predisporremo, a partire da quest'estate, un punto informativo che dal sito istituzionale del Comune fino ai nostri uffici, indicherà ai cittadini le modalità precise per effettuare la disdetta del canone nel caso che (vista la poca sensibilità dello Stato nel migliorare il segnale televisivo), questi decidano di non tenere più un apparecchio televisivo all'interno delle proprie mura domestiche, in quanto inutilizzabile».
Dove è successo
Politica
VESTIGNE' - La Lega Nord Canavese festeggia il Natale con Molinari
VESTIGNE
Sarà ospite in Canavese il segretario nazionale della Lega Nord Piemont, Riccardo Molinari
SANITA' - Il 26 gennaio apre la nuova ala dell'ospedale di Chivasso
SANITA
La conferma è arrivata al termine di un incontro con l'assessore regionale alla Sanità, Antonio Saitta
OGLIANICO-RIVAROLO - Dal Ministero arriva quasi un milione di euro
OGLIANICO-RIVAROLO - Dal Ministero arriva quasi un milione di euro
Servirà per completare lo scolmatore dal rio Levesa al Gallenca a salvaguardia dei centri di Salassa, Oglianico e Rivarolo
SANITA' - L'Asl risponde al sindacato dopo l'esposto in procura: «Negli ultimi tre anni personale aumentato»
SANITA
Dopo l'esposto in procura presentato dal Nursind, l'Asl To4 risponde alle sollecitazioni del sindacato sulla carenza di personale al pronto soccorso in vista anche dell'iperafflusso nei reparti d'urgenza di tutto il Canavese
PONT CANAVESE - Una lettera sul nuovo polo scolastico
PONT CANAVESE - Una lettera sul nuovo polo scolastico
«Pont è un microcosmo che può offrire tutti quegli spunti d'osservazione che riconducono agli stilemi amministrativi e politici della nostra penisola»
CUORGNE' - Parcheggi a pagamento: ecco dove, come e quando
CUORGNE
Per la prima volta la città delle due torri sperimenterà la zona blu in centro. Subito polemiche da parte dei cuorgnatesi
LEINI - Si dimette l'assessore al bilancio del Comune, Marco D'Acri
LEINI - Si dimette l
Motivi professionali alla base della decisione: «Non sono più in grado di garantire quella presenza che la carica impone»
CASTELLAMONTE - Lavori in corso in diversi punti della città
CASTELLAMONTE - Lavori in corso in diversi punti della città
Nei giorni scorsi, a Castellamonte, sono partiti alcuni lavori di manutenzione richiesti da parecchio tempo al Comune
IVREA - Imprenditori a lezione in Confindustria
IVREA - Imprenditori a lezione in Confindustria
Parte un percorso formativo organizzato per aiutare le aziende a superare sfide e barriere nei mercati internazionali
CUORGNE' - Chiude (ancora una volta) il bocciodromo di via Braggio: diventerà una palestra?
CUORGNE
L'impianto sportivo, entro la fine dell'anno, perderà il gestore e rimarrà, ancora una volta, una cattedrale nel deserto. La posa del primo mattone risale al 1990. Poi uno stop di 23 anni. Le bocce, però, evidentemente «non tirano»
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore