IVREA - Basta «bagarinaggio dei ticket»: ecco una soluzione per fregare i parcheggiatori abusivi

| Ivrea Parcheggi reagisce alle polemiche sull'assidua presenza di abusivi nelle aree di sosta a pagamento. Profughi non controllati dalle cooperative del territorio ma anche persone di colore da tempo in Canavese o zingari

+ Miei preferiti
IVREA - Basta «bagarinaggio dei ticket»: ecco una soluzione per fregare i parcheggiatori abusivi
Ivrea Parcheggi reagisce alle polemiche sull'assidua presenza di abusivi nelle aree di sosta a pagamento della città di Ivrea. Profughi non controllati dalle cooperative del territorio ma anche persone di colore da tempo in Canavese o zingari. «Continuiamo a ricevere segnalazioni di utenti che ci chiedono di intervenire per cercare di arginare il fenomeno - fanno sapere dalla società eporediese - che è provocato innanzitutto dalla pratica del bagarinaggio dei ticket della sosta. In passato abbiamo sempre sorvolato su questa pratica accogliendo l'osservazione di chi sosteneva che il ticket sancisce il diritto ad occupare uno spazio di sosta per un determinato periodo di tempo e che, se non è scaduto, può essere riutilizzato da chiunque, anche se in realtà il titolo di sosta è individuale e non potrebbe essere ceduto». 
 
Recentemente però il fenomeno si è aggravato e insieme all'amministrazione comunale la società ha deciso di intervenire individuando una soluzione che come minimo eviti il bagarinaggio dei ticket. «La soluzione individuata prevede che gli automobilisti per pagare la sosta debbano digitare almeno le prime 3 cifre del numero di targa del proprio mezzo. A questo punto il ticket non sarà più cedibile aiutando a risolvere il problema di insicurezza vissuto dai cittadini. E’ una soluzione che, in diverse modalità, è già stata adottata in altre città, ad esempio a Pisa, Pistoia, Ferrara, con risultati definiti molto soddisfacenti».
 
In pratica, nei parcometri della zona blu di Ivrea, al momento del pagamento del ticket sarà obbligatorio digitare almeno le prime 3 cifre della targa, altrimenti il sistema non emetterà alcun tagliando. Ad esempio, nel caso di targa AA 123 XX, dovranno essere digitate in sequenza almeno le cifre AA1. L’utente, se lo desidera, potrà inserire la targa completa, ma le prime 3 cifre saranno sufficienti. Si tratta di un'operazione molto facile da portare a termine, che richiedendo solo le prime 3 cifre dovrebbe essere alla portata anche degli automobilisti più smemorati e non dovrebbe generare problemi relativi alla violazione della privacy. Gli automobilisti saranno guidati nella nuova procedura dalle istruzioni riportate sul display del parcometro. 
 
«Durante i primi giorni di attivazione della nuova procedura è prevista la presenza del personale di Ivrea Parcheggi in prossimità dei parcometri, per fornire indicazioni sulle nuove modalità di utilizzo e dare assistenza agli utenti. La procedura sarà avviata in via sperimentale a partire da lunedì 13 Marzo in Piazza Freguglia. In seguito, sulla base dei risultati ottenuti, sarà estesa a tutte le altre aree. L'avvio della procedura richiederà una spesa molto limitata (circa 2.000 Euro) in quanto sarà sufficiente la riprogrammazione dei parcometri, che sono già dotati di tastiera alfanumerica».
Galleria fotografica
IVREA - Basta «bagarinaggio dei ticket»: ecco una soluzione per fregare i parcheggiatori abusivi - immagine 1
IVREA - Basta «bagarinaggio dei ticket»: ecco una soluzione per fregare i parcheggiatori abusivi - immagine 2
Dove è successo
Politica
VOLPIANO - Comital addio: il sindaco chiede intervento del governo
VOLPIANO - Comital addio: il sindaco chiede intervento del governo
«A fine mese incontro governativo tra Italia e Francia su varie questioni e noi chiediamo che venga inserito anche questo tema»
IVREA - Il Risveglio Popolare cambia direttore: arriva Zorzi
IVREA - Il Risveglio Popolare cambia direttore: arriva Zorzi
Il primo numero del giornale della diocesi di Ivrea che uscirà dopo la pausa estiva sarà firmato da Carlo Maria Zorzi
CASTELLAMONTE - Un richiedente asilo pulisce il rio San Pietro
CASTELLAMONTE - Un richiedente asilo pulisce il rio San Pietro
Una manutenzione necessaria dal momento che, in caso di maltempo, il rio San Pietro è solito creare ampi problemi
ADDIO TEKNOSERVICE - Si spacca il fronte dei sindaci dopo la decisione di Pertusio bocciata dal Tar
ADDIO TEKNOSERVICE - Si spacca il fronte dei sindaci dopo la decisione di Pertusio bocciata dal Tar
Inevitabile: la forzatura del sindaco di Pertusio, Antonio Cresto, che ha abbandonato Teknoservice perchè troppo costosa, inizia a incrinare i rapporti tra i sindaci. Che, va detto, sulla questione rifiuti sono "caldi" ormai da anni...
IVREA - Campo «nazional-rivoluzionario»: pronto esposto in procura
IVREA - Campo «nazional-rivoluzionario»: pronto esposto in procura
Fa discutere il campo «nazional-rivoluzionario» di Ivrea promosso lo scorso weekend dal gruppo di destra Rebel-Firm
CASTELLAMONTE - Ricorso contro il Comune per i soldi della Cresto
CASTELLAMONTE - Ricorso contro il Comune per i soldi della Cresto
Non si è ancora conclusa la vicenda dei 500 mila euro destinati ai lavori di ristrutturazione della scuola media Cresto
CANAVESE - «I soldi del pedaggio autostradale restino ai Comuni montani»: la proposta dell'Uncem Piemonte
CANAVESE - «I soldi del pedaggio autostradale restino ai Comuni montani»: la proposta dell
L'aumento del gettito del pedaggio delle autostrade ancora una volta finisce per ignorare e penalizzare il territorio, i pendolari e i flussi turistici. L’Uncem rilancia la sfida ai concessionari delle autostrade
MAPPANO - Il sindaco Grassi si difende e attacca gli altri Comuni
MAPPANO - Il sindaco Grassi si difende e attacca gli altri Comuni
Il neo-sindaco Francesco Grassi si difende e dopo le critiche piovute un po' da tutte le parti sulla gestione di palazzo civico
VOLPIANO - Striscione dei lavoratori Comital sul municipio - FOTO
VOLPIANO - Striscione dei lavoratori Comital sul municipio - FOTO
La storica azienda, la scorsa settimana, dopo mesi di discussione, ha deciso di chiudere l'attività. 138 dipendenti a casa...
PERTUSIO - Decreto del Tar contro il Comune: «Per ora non può lasciare Teknoservice»
PERTUSIO - Decreto del Tar contro il Comune: «Per ora non può lasciare Teknoservice»
Bocciato il divorzio del sindaco Antonio Cresto dall'azienda di Piossasco che da oggi torna a raccogliere la spazzatura anche nel piccolo centro dell'alto Canavese. La Teknoservice ha presentato un ricorso urgente
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore