IVREA - Carnevale, le Compontenti deluse scrivono al sindaco

| In una lettera vengono espressi il disagio, la preoccupazione e il malcontento generali dopo l'edizione 2019 dello Storico Carnevale

+ Miei preferiti
IVREA - Carnevale, le Compontenti deluse scrivono al sindaco
Il Comitato delle Componenti dello Storico Carnevale di Ivrea, riunitosi nei giorni scorsi ha deciso di inviare alle autorità civiche e ai gestori della manifestazione una missiva nella quale vengono espressi il disagio, la preoccupazione e il malcontento generali che, da diversi mesi, pervadono l’ambiente carnevalesco. La missiva è stata inviata al Sindaco Stefano Sertoli (che detiene la delega alla cultura), al Vicesindaco Elisabetta Ballurio (anche in quanto Assessore alle manifestazioni) ai capigruppo consiliari, al Presidente e ai membri del CdA di Fondazione e al Gran Cancelliere, Notaio Pierluigi Cignetti.

Il documento si apre con una premessa ritenuta fondamentale dagli estensori: «Lo Storico Carnevale di Ivrea è un “bene culturale” patrimonio della Città e del territorio. Punti centrali e caratteristiche peculiari sono la sua storia, le sue tradizioni e la sua ininterrotta continuità, che rendono questa festa di popolo unica e originale. Con la creazione della Fondazione si è venuta a formare una Comunità costituita da tutte le Componenti del Carnevale». L'apporto delle Componenti è quindi fondamentale e imprescindibile, per il loro patrimonio di conoscenze e di esperienza, oltre al notevolissimo apporto economico e di lavoro volontario. Nell'edizione 2019 il Comitato delle Componenti, pur vivendo la manifestazione come sempre con grande passione e responsabilità, si è trovato a considerare unanimemente la gestione della Fondazione come fondamentalmente unilaterale e disgregatrice.

«Il cambio al vertice del CdA della Fondazione - si legge nel documento - ha portato un drastico mutamento di rotta della nave, comprensibile con il variare del suo capitano e del equipaggio, ma è avvenuto in assenza di qualunque informazione, comunicazione o dialogo con il Comitato delle Componenti da parte dei “nuovi gestori” sui suoi nuovi obiettivi e sull’eventuale diverso modo di intendere la “missione” della Fondazione e la sua diversa visione del Carnevale. Nessuna comunicazione, nessuna indicazione, nessuna certezza: solo scelte tanto unilaterali quanto incomprensibili, mai condivise e finalizzate solo a sottolineare la presenza di due campi contrapposti: da una parte gli “amici” dall’altra i “nemici”. I vincitori e i vinti, l’unica vera vittima è stata il Carnevale». In questo clima molto teso e difficile tutta la filiera di comando e controllo del Carnevale è risultata sorda, nonostante le ripetute assicurazioni e “garanzie” fatte anche dal Sindaco nessuno ha cercato di chiarire gli eventuali motivi di contrasto per risolvere i problemi e poter serenamente lavorare tutti insieme.

Quattro i punti critici che le Componenti evidenziano:
1. il Presidente e il CdA, come già detto, non parlano mai del “soggetto Carnevale”: non esistono un “progetto” e un piano coerente di sviluppo.
2. Il “progetto” non può prescindere dalle Componenti, che sono quelle entità che il Carnevale lo rendono possibile e concretamente lo mettono in atto; e come parte in causa dovrebbero poter dire la loro.
3. Le Componenti “investono” nel Carnevale più del doppio di quanto fa l’Amministrazione comunale, risorse economiche ed umane che rendono effettivo il principio di sostenibilità riconosciuto tra i valori ispiratori della fondazione.
4. Al termine dell’edizione 2019 è impossibile non evidenziare come molte siano state le criticità non risolte perché neppure affrontate.

Il giudizio è drastico: «Quest’anno si è dimenticato che la “supremazia culturale” del nostro Carnevale e ciò che lo differenzia dagli altri è certamente la sua storia, ma anche il fatto che in esso la forma è sostanza. Questo “nuovo corso” ha degradato e avvilito sia la storia che la forma. Tutto ciò non deve più accadere.» Alla luce di queste riflessioni, vengono lanciati un appello e una richiesta: «Al Sindaco, quale garante della festa civica, si chiede di porre fine a qualsiasi forma di ostracismo, pena la distruzione dei valori condivisi e tradizionali, e la perdita delle nostre radici comuni». La richiesta e quella di approntare al più presto un “tavolo di lavoro” in cui lo Storico Carnevale di Ivrea trovi, una volta per tutte, la sua corretta collocazione e tutte le parti in causa precisi ambiti operativi.

Politica
CANAVESE - Mercoledì di passione su treni e bus: scioperi in vista
CANAVESE - Mercoledì di passione su treni e bus: scioperi in vista
Allo sciopero nazionale di quattro ore che coinvolgerà il trasporto pubblico locale anche ferroviario si somma lo sciopero del gruppo Fs
VOLPIANO - Panchine del Centro Jolly sul valore della diversità
VOLPIANO - Panchine del Centro Jolly sul valore della diversità
L'inaugurazione di fronte al municipio si è svolta mercoledì 17 luglio con la partecipazione dei ragazzi del Centro Estivo
COMUNI ETICI - Caravino, Chiaverano e Maglione entrano nel progetto
COMUNI ETICI - Caravino, Chiaverano e Maglione entrano nel progetto
Progetto del Centro Ricerca e Studi Nord Ovest, associazione di promozione sociale che svolge l'opera di informazione e formazione
CANAVESANA - Uncem con i pendolari: «La Gtt non sia latitante»
CANAVESANA - Uncem con i pendolari: «La Gtt non sia latitante»
«Chiediamo alla Regione, con l'assessore Gabusi, di intervenire su Gtt affinché chiarisca obiettivi e modalità organizzative»
OZEGNA - Con Ginestra degli Schiavoni un gemellaggio riuscito
OZEGNA - Con Ginestra degli Schiavoni un gemellaggio riuscito
Conclusa la due giorni in terra sannita della delegazione di Ozegna per la sottoscrizione del Patto di Gemellaggio e Amicizia
IVREA - Scontro sullo Storico Carnevale: il Comune tira dritto
IVREA - Scontro sullo Storico Carnevale: il Comune tira dritto
Le componenti hanno chiesto di posticipare la ratifica dello Statuto attraverso una lettera. Appello che ha ricevuto un diniego
SAN GIUSTO CANAVESE - Il ricordo di Paolo Borsellino e delle vittime della mafia davanti alla villa confiscata al boss Assisi
SAN GIUSTO CANAVESE - Il ricordo di Paolo Borsellino e delle vittime della mafia davanti alla villa confiscata al boss Assisi
«La confisca di questa villa a San Giusto Canavese e la recente cattura dopo anni di latitanza del boss del narcotraffico che l'abitava, è la prova che lo Stato vince». Queste le parole del presidente del Consiglio regionale Stefano Allasia
IVREA - La Senatrice Tiraboschi ha incontrato Ivrea Soccorso
IVREA - La Senatrice Tiraboschi ha incontrato Ivrea Soccorso
L'incontro si è svolto presso nella sede dell'associazione alla presenza del presidente di Ivrea Soccorso, Lino Cortesi
LEINI - «Uniti per Leini» rivendica i lavori in corso in viale Italia
LEINI - «Uniti per Leini» rivendica i lavori in corso in viale Italia
«È con soddisfazione che adesso si vede quanto programmato dalla giunta del sindaco Leone entrare nella fase operativa»
RIVAROLO - «Progetto memoria»: nasce la galleria dei sindaci
RIVAROLO - «Progetto memoria»: nasce la galleria dei sindaci
La «Galleria dei sindaci» sarà collocata a palazzo Lomellini sulla parete accanto alla porta d'ingresso dell'ufficio del sindaco
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore