IVREA - Allarme lavoro: Comdata ne lascia a casa 170. Nessun passo indietro da parte dell'azienda

| Per l'azienda, però, non c'è stato alcun licenziamento: «Trattandosi di contratti di somministrazione a tempo determinato, non si è verificato alcun licenziamento bensì, di termine di contratto di somministrazione», precisano da Comdata

+ Miei preferiti
IVREA - Allarme lavoro: Comdata ne lascia a casa 170. Nessun passo indietro da parte dellazienda
Cgil, Cisl e Uil di Torino e Canavese prendono posizione sul caso Comdata di Ivrea, dove dal primo febbraio 170 lavoratori somministrati sono stati lasciati a casa da un giorno all’altro. «Si tratta di lavoratrici e lavoratori che hanno lavorato subendo condizioni molto pressanti in nome di una flessibilità selvaggia decisa dall'azienda - sottolineano i sindacati – Comdata afferma che tale decisione si è resa necessaria a seguito di un drastico calo di volumi di lavoro determinato in particolare dalla commessa del 187.  Non ci sono differenze tra lavoratori che siano diretti o meno, quindi questi sono veri e propri licenziamenti ed è gravissimo che l'azienda proceda unilateralmente ad interrompere i rapporti di lavoro senza un confronto preventivo con le organizzazioni sindacali».

Dal momento che Comdata è un'azienda che ha un impatto occupazionale importante per il territorio, i rappresentanti dei lavoratori hanno chiesto un incontro urgente per comprendere le prospettive aziendali, i livelli occupazionali e le soluzioni concordate per i lavoratori ad oggi senza missione. «Qualora non ci fosse da parte aziendale la volontà di incontrare i sindacati confederali che rappresentano i lavoratori diretti e somministrati non potremo che prenderne atto ed intraprendere tutte le iniziative per riallacciare i rapporti».

Dal canto suo Comdata Group, con un comunicato stampa, rende nota la sua posizione:  «Il 31 gennaio, 170 contratti di somministrazione sono giunti al termine e l’azienda ha deciso di non procedere con il loro rinnovo, a seguito dei volumi pianificati da parte di un importante cliente. Alla luce di ciò, trattandosi di contratti di somministrazione a tempo determinato, non si è verificato alcun caso di licenziamento bensì, di termine di contratto di somministrazione».

L’azienda precisa inoltre che la gestione del traffico telefonico e delle pratiche di back office, per sua natura, contempla una parte di attività non pianificabile in modo puntuale in quanto, nella maggioranza dei casi, si gestisce con elevati gradi di flessibilità. «Attività che i call center interni alle aziende clienti non riescono ad assorbire completamente. Ragioni per le quali è necessario ricorrere all’utilizzo di lavoratori somministrati in aggiunta ai propri dipendenti, che ad Ivrea sono 1065». (S.i.)

Politica
CANAVESE - In molti Comuni ancora non «prende» il telefono cellulare
CANAVESE - In molti Comuni ancora non «prende» il telefono cellulare
«Tim e Vodafone ci hanno chiesto di segnalare aree precise non coperte. Hanno dato disponibilità a coprirle» dicono dall'Uncem
VALPRATO - Il Comune cerca un gestore per il bar-pizzeria-alimentari
VALPRATO - Il Comune cerca un gestore per il bar-pizzeria-alimentari
La struttura viene data in concessione anche con il campo sportivo e l'area camper che si trovano vicino allo stabile
PONTE PRETI - Il ponte fa paura? L'otto settembre un incontro pubblico a Castellamonte
PONTE PRETI - Il ponte fa paura? L
Quasi 12mila firme online su change.org per chiedere interventi urgenti di messa in sicurezza per il Ponte Preti di Strambinello, il già noto "ponte nuovo" lungo la ex statale Pedemontana 565
RIVAROLO - Addio area Vallesusa: diventerà deposito del cippato?
RIVAROLO - Addio area Vallesusa: diventerà deposito del cippato?
Rivarolo resta senza teatro e senza area expo. Cambio di sede anche per il Vespa Club e la Galleria della locomozione storica
CUORGNE' - Il progetto della scuola Cena supera l'esame della Regione
CUORGNE
Pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte del 9 agosto la graduatoria relativa agli interventi di messa in sicurezza degli edifici scolastici
CANAVESE - L'Uncem: «Su lupi e ungulati stiamo dalla parte degli allevatori»
CANAVESE - L
«Uncem da sempre sta dalla parte degli allevatori, delle imprese agricole, di chi svolge un ruolo attivo nelle aree montane»
PONTE PRETI - 6000 firme raccolte per chiedere interventi urgenti
PONTE PRETI - 6000 firme raccolte per chiedere interventi urgenti
Bozzello alla carica: promosso un incontro pubblico a Castellamonte sulla situazione del ponte il prossimo otto settembre
PONTE PRETI - «La manutenzione del ponte con i pedaggi della Torino-Aosta»
PONTE PRETI - «La manutenzione del ponte con i pedaggi della Torino-Aosta»
Proposta dell'Uncem per garantire maggiori opere di manutenzione su alcuni assi viari molto trafficati
LEINI - Polemica sulla ristrutturazione della scuola Anna Frank
LEINI - Polemica sulla ristrutturazione della scuola Anna Frank
«I locali non potevano essere utilizzati perché privi di tutta la documentazione necessaria» ha fatto presente il consigliere Pittalis
FELETTO - Settimana decisiva per salvare la stazione ferroviaria
FELETTO - Settimana decisiva per salvare la stazione ferroviaria
Il comitato «No alla chiusura della stazione ferroviaria di Feletto» continua nella sua battaglia per evitare la soppressione
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore