IVREA - I lavoratori di Comdata su Report di Rai Tre. Risponde la Uil

| La UILTemp Piemonte condivide le ansie e le istanze presentate coraggiosamente in prima persona da alcuni dei dipendenti in tv

+ Miei preferiti
IVREA - I lavoratori di Comdata su Report di Rai Tre. Risponde la Uil
A seguito della messa in onda del servizio sulle condizioni di lavoro in somministrazione (lavoratori dipendenti delle Agenzie per il Lavoro) presso Comdata di Ivrea, trasmesso lunedì 23 ottobre, dalla nota trasmissione televisiva di Rai Tre "Report", la UILTemp Piemonte condivide le ansie e le istanze presentate coraggiosamente in prima persona da alcuni di loro. Precisa l'impegno della categoria nella tutela dei diritti, nel proseguire l'azione, da tempo svolta per costruire una stabilità lavorativa e soprattutto restituire dignità delle condizioni di lavoro, oggi messa a dura prova.

Come si è concretizzata l'azione di rappresentanza della Uiltemp? «Da anni l'azienda Comdata utilizza la somministrazione del lavoro per gestire i cosiddetti "picchi" di lavoro - dichiara la Segretaria Generale della Uiltemp Piemonte, Anna Maria D'Angelo - in questo periodo si è cercato di lavorare con le Agenzie per il Lavoro per costruire una maggiore qualità di condizione all'interno dell'impresa utilizzatrice. Nonostante il nostro impegno unitario, Comdata non ha dato né a noi, né alle aziende fornitrici, una possibilità di confronto sui temi denunciati direttamente dai lavoratori. Lavoratori che siamo stati costretti ad incontrare in assemblea fuori dal plesso aziendale, unico caso in Italia».

La flessibilità e l'andamento del mercato del lavoro globale costringono le aziende a richiedere, per essere competitive, condizioni lavorative "sospinte", come si possono superare questa difficoltà? «Siamo consapevoli che le "regole" del mercato globale  soprattutto nell'ambito dei servizi e della logistica mettono in forte competizione i lavoratori e le condizioni di lavoro, spesso insostenibili, sono una conseguenza dell'organizzazione del lavoro stesso. In questa catena tutti si è sotto ricatto occupazionale: le imprese, le istituzioni e i più vulnerabili, se non esclusi, i lavoratori. Dovremmo cercare risposte normative a livello europeo affinché le multinazionali rispettino le regole. Come ha avuto modo di sostenere il nostro segretario nazionale Carmelo Barbagallo il 60% degli scambi commerciali internazionali è regolamentato da accordi tra Stati che tutelano gli interessi degli investitori privati a scapito di quelli dei lavoratori. Come sindacato europeo, chiediamo che in quelle intese e nei negoziati europei siano codificati diritti esigibili su lavoro, salute, ambiente».

Tornando alla situazione eporediese, che non è rappresentata solo dal caso Comdata, è di questi giorni la notizia della sentenza che ha dato ragione ai lavoratori di Vodafone trasferiti ingiustamente a Milano, come intendete muovervi?
«Rispondo, riprendendo l'ultimo vocabolo, "muoversi", noi siamo il movimento del lavoro organizzato a livello confederale, quindi metteremo tutti a confronto, seduti intorno alla questione che riguarda il settore e non solo. La domanda a cui noi cercheremo di rispondere è: come cambiamo le regole del gioco affinché in questo spazio non prosperino solo i soggetti “forti” - conclude la D'Angelo – ma, tutti gli attori che contribuiscono a costruire il profitto in un'ottica contributiva e redistributiva della ricchezza. Rispondo anche ad una domanda che potrebbe sorgere spontanea, quando? Presto, molto presto». (S.i.)

Politica
RIVAROLO - Francesca Immacolata Chaouqui ospite da Bertot
RIVAROLO - Francesca Immacolata Chaouqui ospite da Bertot
L'ospete traccerà un quadro di scenario sul Vaticano e sugli sprechi e i giochi di potere di una lobby internazionale che da anni prova a mettere in crisi il pontificato di Papa Francesco
CUORGNE' - Volontari al lavoro per dare una mano al Comune - FOTO
CUORGNE
Per due volontari l'attività ha già preso il via. Si tratta di Franco Nonnato e Luigi Sironi, dalla scorsa settimana nonni vigili
PONTE PRETI - Camion e bus incastrati sul vecchio ponte: ne passano quasi 800 al giorno - VIDEO
PONTE PRETI - Camion e bus incastrati sul vecchio ponte: ne passano quasi 800 al giorno - VIDEO
Ieri dalle 6 alle 18 i volontari del Club Turati hanno avuto modo di analizzare il flusso di mezzi pesanti in quel tratto di strada. Ci sono stati 15 blocchi dovuti a incroci di tir e bus sul ponte. L'ex senatore Bozzello torna alla carica
VALCHIUSELLA - Vico, Meugliano e Trausella al voto l'undici novembre
VALCHIUSELLA - Vico, Meugliano e Trausella al voto l
Il referendum consultivo tra la popolazione dei tre paesi dovrebbe sancire la nascita ufficiale del Comune di Valchiusa
MAPPANO - Riapre il compost: «Stop al passaggio dei camion»
MAPPANO - Riapre il compost: «Stop al passaggio dei camion»
Basta camion su via Rivarolo, strada Cuorgnè e viabilità interne. Lo chiedono a Grassi le minoranze in consiglio comunale
GRAN PARADISO - I prodotti delle Valli Orco e Soana al Salone Internazionale del Gusto di Torino
GRAN PARADISO - I prodotti delle Valli Orco e Soana al Salone Internazionale del Gusto di Torino
Durante l’incontro verrà presentato il progetto Emeritus, per una eco-gestione integrata delle filiere agricole e turistiche di Valle. Ospite speciale anche il pregiato miele del Gran Paradiso
AGLIE' - Telecamere contro i maiali che abbandonano i rifiuti
AGLIE
Collaborazione tra Vigili, Carabinieri e Guardie ecologiche: maggiori controlli in vista e multe salate per chi viene pizzicato
MAPPANO - Zona pedonale alle scuole: nasce via Anna Frank
MAPPANO - Zona pedonale alle scuole: nasce via Anna Frank
Lavori in corso fino al 12 ottobre nella zona compresa di via Dalla Chiesa compresa tra via Don Murialdo e via Avogadro
CANAVESE - Più soldi per «snellire» le liste d'attesa dell'Asl To4
CANAVESE - Più soldi per «snellire» le liste d
La Regione ha messo a disposizione delle aziende sanitarie 14 milioni di euro per l'abbattimento delle liste di attesa
CUORGNE' - Il premio «Bugia nen 2018» ad Egidio Costanza della Mastropietro - FOTO e VIDEO
CUORGNE
Don Ciotti ospite dello Spi-Cgil dell'alto Canavese. Tendone di Villa Filanda gremito in ogni ordine di posto. Prima della consegna del premio, don Ciotti ha anche visitato la villa confiscata al boss della 'ndrangheta Bruno Iaria
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore