IVREA - Quella del Cic è la cronaca di una morte annunciata

| Il gruppo di Viviamo Ivrea riassume quello che è successo negli ultimi mesi fino alla liquidazione del consorzio

+ Miei preferiti
IVREA - Quella del Cic è la cronaca di una morte annunciata
La decisione dell'Asl To3 che getta nel baratro il futuro del CIC è esplosa come un fulmine a ciel sereno, ma – riflettendoci – viene da chiedersi se non fosse proprio questa (la messa in liquidazione) la fine che qualcuno si attendeva. Qualcuno infatti da questa vicenda qualcosa guadagnerà a partire da chi rileverà gli 8 milioni di commesse che il CIC non potrà più onorare. 

Un qualcuno che, forse, ha tentato il colpo gobbo, sperando che fosse il Comune di Ivrea a interpretare il ruolo del carnefice: se la scorsa settimana la delibera per il salvataggio non fosse passata in Consiglio comunale, i giochi sarebbero stati fatti e l'amministrazione cittadina si sarebbe vista addossare le colpe per la fine del Cic. Anche per questa ragione ViviamoIvrea ha votato a favore della famosa delibera: per fare tutto il possibile per tentare di salvare 136 posti di lavoro. Un voto di coscienza, quello di Francesco Comotto dettato non da logiche politiche o ideologiche, ma espresso come segno di solidarietà verso i lavoratori e le loro famiglie, cittadini che pagheranno colpe non loro, nella convinzione che all'interno di quell'azienda ci sono le risorse, la tecnologia, la professionalità, le capacità tecniche per farla rinascere.

Un voto espresso, nel contempo, con poca fiducia su quello che sarebbe stato il futuro dell'azienda se fosse rimasta nelle stesse mani, gestionali e politiche, di chi l'ha portata nel baratro. Sia per il parere negativo dei revisori del Comune, sia per la pochezza del piano industriale presentato tanto che, il voto, è stato condizionato all'approvazione di un emendamento che in sostanza chiedeva un radicale cambiamento della gestione sottraendola da inaccettabili condizionamenti politici. Non è confortante, per chi abbia un minimo di dimestichezza con i conti, leggere che l'unica soluzione proposta, per far fronte al problema dello scarso margine di redditività degli ordini sia stata l'aumento del prezzo dei servizi...

Ora, mentre si intona il “De profundis”, vorremmo anche avere qualche risposta:

Chi ha fatto gli accordi con ASM, quando questa società pubblica era già nel baratro (e CIC continuava a fornire servizi che già si sapeva non sarebbero mai stati pagati, per quasi un milione di euro)? E con il CSI, che come ASM ora risparmierà una bella cifra E ancora: quanto sono costate le consulenze, fornite da una serie di personaggi, forse non particolarmente capaci visti i risultati, ma certamente fedeli al sistema? Eppure, tutto questo non è bastato per affondare il CIC. E il Comune di Ivrea si è rifiutato di staccare la spina, probabilmente rovinando i piani di qualcuno.

Così il colpo di grazia lo ha dato l’Asl To3 che a gennaio ha deliberato un incarico per 5,4 mln di euro (non proprio noccioline!) che puntellava il Piano industriale e dava ossigeno per i prossimi quattro anni. Poi, due mesi dopo, il 4 marzo, nell’assemblea definitiva e più volte rinviata, ecco l'annuncio della revoca di tale delibera. Et voilà, le jeux son fait.

Ma un'altra domanda sorge spontanea: perchè non l’hanno fatto prima? A pensar male si fa peccato, ma ci si azzecca quasi sempre: probabilmente a gennaio c'era la speranza che a staccare la spina fosse il Comune di Ivrea, invece si è dovuto ricorrere al “Piano B”. Ma solo all’ultimo minuto dell’ultima assemblea in modo che non ci fossero più possibilità di rinvio per riordinare le idee e reagire. Ora, restano le macerie. Resteranno soprattutto per i lavoratori, mentre siamo pronti a scommettere che i “colletti bianchi” non tarderanno a rimettersi in pista, magari con l'appoggio del CSI che già vanta un buon numero di dipendenti di “estrazione politica”, figli e figliastri delle amministrazioni di vario colore che si sono succedute nel corso degli anni e dei decenni.

E la nostra Amministrazione come ne esce? Se all'indomani del voto sul ripianamento, che aveva visto il Sindaco rimanere con 3 consiglieri, abbiamo detto che non volevamo speculare sulla situazione, concentrando la nostra attenzione sull'evoluzione della vicenda CIC, ora crediamo sarebbe opportuno che qualcuno, per una volta, valutasse seriamente la possibilità di assumersi qualche responsabilità “politica” sull'accaduto.

Mentre stavamo per inviare il presente comunicato stampa ci è giunta la notizia che è stato nominato liquidatore della società l'ex presidente del cda Inzirillo. Questo è oltre che inopportuno anche inammissibile visto che il Sindaco aveva il solo chiaro mandato del Consiglio Comunale per votare a favore del ripianamento e della ricapitalizzazione e solo a determinate condizioni tra le quali l'azzeramento del cda. Negli ultimi mesi il Consiglio Comunale eporediese è stato ripetutamente svilito nonostante l'impegno profuso dai Consiglieri per la risoluzione di problemi creati da altri. Chiederemo immediatamente la convocazione di una Conferenza dei capigruppo per capire quali azioni intraprendere per tutelare la massima espressione democratica votata dal popolo: il Consiglio Comunale.

Politica
CUORGNE' - Genitori a pranzo con i figli nella mensa scolastica
CUORGNE
E' l'iniziativa promossa dal Comune anche per dare modo ai genitori di verificare personalmente la qualità del servizio
RIVAROLO - Nuova manifestazione delle Sentinelle in piedi
RIVAROLO - Nuova manifestazione delle Sentinelle in piedi
Tra i manifestanti anche il sindaco di Favria, Serafino Ferrino, già noto anche per le sue posizioni contro le unioni civili
CUCEGLIO - Duecento imprenditori all'incontro con gli eurodeputati
CUCEGLIO - Duecento imprenditori all
Si è discusso del rapporto tra giovani e impresa, innovazione digitale e fondi europei destinati alle imprese dal Piano Juncker
CASTELLAMONTE - La città si interroga sul fenomeno migranti
CASTELLAMONTE - La città si interroga sul fenomeno migranti
Venerdì 24 marzo ha avuto luogo presso la palestra parrocchiale di Castellamonte una cena povera a favore della Quaresima di Fraternità
CASTELLAMONTE - Elezioni: ci sarà anche il Movimento 5 Stelle
CASTELLAMONTE - Elezioni: ci sarà anche il Movimento 5 Stelle
Ufficiale la lista del Movimento. I nomi restano top-secret. Paolo Recco in pole position per la corsa alla fascia tricolore
CANAVESE - Più di tre milioni di euro sono in arrivo dall'Europa
CANAVESE - Più di tre milioni di euro sono in arrivo dall
Sono i fondi per lo sviluppo rurale che l’Unione ha messo a disposizione fino al 2020 per i GAL, i Gruppi di azione locale
CUORGNE' - Landini della Fiom con lavoratori e cittadini - FOTO
CUORGNE
Tappa canavesana, ieri, per Maurizio Landini, segretario nazionale della Fiom-Cgil impegnato nella campagna referendaria
RIVAROLO - Bertot sul video di Razzi: «Era solo uno scherzo»
RIVAROLO - Bertot sul video di Razzi: «Era solo uno scherzo»
«Non c'era nessuna intenzione di offendere e infatti nemmeno il sindaco Rostagno si è offeso», assicura Bertot
CANAVESE - «Bollette troppo care»: i sindaci dei piccoli Comuni pronti a lasciare il consorzio ex Asa
CANAVESE - «Bollette troppo care»: i sindaci dei piccoli Comuni pronti a lasciare il consorzio ex Asa
Scontro tra i sindaci all'assemblea dell'altra sera a Cuorgnè. Alcune amministrazioni, Pertusio in testa, pronte ad abbandonare il consorzio. In alcuni Comuni sono previsti aumenti nelle bollette oltre il 30%. Pagheranno i cittadini...
LOCANA - Il futuro del Parco Gran Paradiso nella nuova legge
LOCANA - Il futuro del Parco Gran Paradiso nella nuova legge
"Parchi naturali. Verso la nuova legge nazionale" è il titolo del convegno di sabato promosso da Comune, Ente Parco e Uncem
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore