IVREA - Sarà un'edizione del Carnevale senza le «Arance Frigie»

| L'accordo sulla provenienza delle arance per la battaglia è scaduto e non è stato rinnovato da Comune e Fondazione

+ Miei preferiti
IVREA - Sarà unedizione del Carnevale senza le «Arance Frigie»
Sarà un’edizione senza “Arance Frigie” quella dello Storico Carnevale di Ivrea 2019. Con lo scorso anno, infatti, è giunto al termine il Protocollo sottoscritto presso gli uffici della Prefettura di Torino il 13 febbraio del 2015 tra il Comune di Ivrea, la Fondazione dello Storico Carnevale di Ivrea, l'Associazione degli Aranceri, l'Associazione Libera Piemonte e la Fondazione Benvenuti in Italia. L’accordo, di durata triennale, prevedeva di rendere trasparenti e verificabili i dati salienti relativi alla produzione e al trasporto delle arance utilizzate nella battaglia dello Storico Carnevale di Ivrea, in un’ottica di più ampia sensibilizzazione sul tema dello sfruttamento bracciantile, con l’obiettivo di contrastare e prevenire un fenomeno troppo diffuso nelle campagne d’Italia: quello del caporalato.

«Riteniamo che grazie al Protocollo “Arance Frigie” lo Storico Carnevale e la stessa Città di Ivrea abbiano avuto un ulteriore motivo di notorietà e prestigio - dicono da Libera - rendendosi protagonisti di una importante scelta etica e politica. Questo percorso ha infatti portato in questi anni a Ivrea numerosi ospiti di rilievo che hanno contribuito al dibattito pubblico, tra cui Roberto Moncalvo, Presidente Coldiretti, Gian Carlo Caselli, già magistrato e Presidente dell'Osservatorio sulle Agromafie di Coldiretti, Jean René Bilongo sindacalista Flai-CGIL , Alessandro Armando del Presidio Caritas di Saluzzo, Enrico Nada di NovaCoop Piemonte, Davide Mattiello, deputato della Commissione Parlamentare Antimafia e relatore della riforma di legge sul caporalato. Inoltre nel novembre 2016 un gruppo di giovani, rappresentanti di diverse realtà del territorio piemontese, è stato protagonista della Carovana delle Arance Frigie, un viaggio che ha permesso la conoscenza diretta dei produttori delle arance dello Storico Carnevale di Ivrea. 

Nei tre anni di applicazione il Protocollo ha contribuito al raggiungimento di obiettivi importanti a livello legislativo e ha permesso di accendere anche sul nostro territorio una maggiore attenzione e consapevolezza sociale riguardo il tema dello sfruttamento lavorativo, ma tali successi necessitano di essere tutelati anche in futuro. Nonostante le complessità burocratiche nella fase di realizzazione e la difficoltà a raggiungere pienamente tutti gli obiettivi prefissati, sono molte le iniziative che hanno messo al centro il tema dello sfruttamento lavorativo e del caporalato nel dibattito pubblico cittadino e nazionale in questi anni.

Complice un clima d’attenzione maggiore verso il fenomeno, è stato raggiunto a livello legislativo un importante obiettivo: la Riforma della legge contro il caporalato, la 199 del 18 ottobre 2016, che ha modificato l'Art. 603-bis del codice penale, titolato come “Intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro”, introducendo una novità fondamentale: l’estensione della responsabilità penale anche al datore di lavoro. Questo ha reso possibile colpire tutto il sistema criminale che sta dietro al fenomeno dello sfruttamento nelle campagne e non il solo caporale, come avveniva in precedenza. Il Protocollo Arance Frigie è stato particolarmente rilevante in questo percorso, segnalato anche tra le buone pratiche contro il caporalato nel Quinto Rapporto Eurispes-Coldiretti sulle Agromafie del 2017.

Crediamo, quindi, che ci sia bisogno di ripetere l’esperienza delle “Arance Frigie”, rivedendo il protocollo alla luce dell’esperienza di questi tre anni, a fronte delle esigenze delle Associazioni degli Aranceri e della volontà del Comune di Ivrea e della Fondazione dello Storico Carnevale di Ivrea di continuare a investire in maniera sempre più efficace nella lotta al caporalato, a partire dalla provenienza etica delle arance dello Storico Carnevale, simbolo della battaglia di liberazione».

Politica
SAN GIUSTO - La villa di Assisi andrà alla Città metropolitana
SAN GIUSTO - La villa di Assisi andrà alla Città metropolitana
Lo ha fatto sapere il Ministero dell'Interno, con una nota, dopo l'appello arrivato direttamente da San Giusto tramite Libera
SALASSA - E' iniziato il mandato del sindaco Roberta Bianchetta
SALASSA - E
La giovane sindaca, 27 anni, ha giurato sulla Costituzione nel corso del primo consiglio che ha visto l'insediamento della giunta
ROMANO - Spazzatura abbandonata fuori dai cassonetti - FOTO
ROMANO - Spazzatura abbandonata fuori dai cassonetti - FOTO
Alcuni lettori ci hanno scritto inviando via whatsapp un'ampia carrellata di foto che confermano una situazione ben poco felice
FERROVIA CANAVESANA - Treni tagliati tra Rivarolo e Pont: Pianasso, Fava e Pezzetto rispondono alle polemiche
FERROVIA CANAVESANA - Treni tagliati tra Rivarolo e Pont: Pianasso, Fava e Pezzetto rispondono alle polemiche
L'onorevole Bonomo del Pd ha diffuso ieri una nota stigmatizzando la cancellazione, in vigore durante i mesi estivi, dei treni della linea Rivarolo-Pont. La nota ha scatenato l'ira della Lega e una presa di posizione del sindaco di Cuorgnè
CHIAVERANO - Ai volontari della Serra il premio di Legambiente
CHIAVERANO - Ai volontari della Serra il premio di Legambiente
Quest'anno sono ben 17 le bandiere verdi assegnate da Legambiente, due in più rispetto allo scorso anno. Due sono in Canavese
SAN GIUSTO CANAVESE - I volontari di Libera tutta la notte davanti alla casa confiscata al narcotrafficante Assisi - FOTO
SAN GIUSTO CANAVESE - I volontari di Libera tutta la notte davanti alla casa confiscata al narcotrafficante Assisi - FOTO
Una notte di presidio di fronte alla villa di San Giusto Canavese, confiscata a uno dei maggiori narcotrafficanti italiani, ma ancora oggi abbandonata, nonostante il tentativo messo in atto da ignoti di farla saltare in aria
SAN MAURIZIO CANAVESE - Adesso l'elicottero del 118 può atterrare anche di notte
SAN MAURIZIO CANAVESE - Adesso l
I numeri delle aree autorizzate in Piemonte per il volo notturno dell'elisoccorso del 118 sono ormai davvero importanti: circa 140 di cui la maggior parte nel territorio metropolitano torinese, ben 45
CANAVESE - Giornalisti da tutta Italia alla scoperta delle eccellenze canavesane
CANAVESE - Giornalisti da tutta Italia alla scoperta delle eccellenze canavesane
Ottimo riscontro per il primo Press Tour sul territorio canavesano organizzato dal Gruppo Turismo, Cultura e Sport di Confindustria Canavese
CANAVESANA - Taglio dei treni: per il Pd è una scelta «scellerata»
CANAVESANA - Taglio dei treni: per il Pd è una scelta «scellerata»
Francesca Bonomo, deputata canavesana del Partito Democratico, critica la scelta di eliminare le corse nel periodo estivo
REGIONE PIEMONTE - Alberto Cirio ha scelto la sua giunta: nessun canavesano tra gli assessori - I NOMI
REGIONE PIEMONTE - Alberto Cirio ha scelto la sua giunta: nessun canavesano tra gli assessori - I NOMI
Il presidente della Regione, Alberto Cirio, ha firmato il 14 giugno il decreto di nomina degli assessori che comporranno la nuova Giunta regionale ed ha attribuito loro le funzioni di cui dovranno occuparsi. Non ci sono canavesani in Giunta
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore