IVREA - Sfogo di una lavoratrice: «I sindacati non sono credibili»

| Riceviamo e pubblichiamo una lettera che ci ha inviato una lavoratrice di Comdata a Ivrea sulla delicata situazione aziendale

+ Miei preferiti
IVREA - Sfogo di una lavoratrice: «I sindacati non sono credibili»
Riceviamo e pubblichiamo questa lettera che ci ha inviato una lavoratrice di Comdata a Ivrea.

«Sono una lavoratrice Comdata Ivrea, venerdì 4 maggio ho aderito allo sciopero di un'ora indetto dalla Rsu (Cgil - Cisl - Uil), ho partecipato perchè credo nello sciopero in quanto strumento utilizzabile dai lavoratori per la tutela di comuni interessi e diritti di carattere politico o sindacale. Il diritto di sciopero è sancito dall’articolo 40 della Costituzione, non è uno strumento da utilizzare con sufficienza.

In Comdata Ivrea siamo in molti, poco più di 1000, tutti -o quasi- con un contratto TLC. Alcuni di noi hanno un contratto full time (40 ore lavorative la settimana) altri part time orizzontale o verticale. Molti, hanno accordi ad personam che possono essere stati regolamentati per iscritto o verbalmente, questo sempre a discrezione aziendale. Da quando c'è stata la crescita esponenziale del reparto 187 di Tim già diversi anni or sono, il clima, la scarsa o mancata formazione, gli orari inconciliabili con la vita fuori dall'ufficio hanno sempre scaturito grosse polemiche che spesso sono finite su diverse testate giornalistiche locali e non.

Nel giugno 2017 la commessa è stata impattata da diversi cali di volumi, soprattutto nel fine settimana, tali da far decidere all'Azienda di chiudere le domeniche ai dipendenti (facendo lavorare solo i lavoratori somministrati con turni disumani, e le sedi Rumene). Poi è stata la volta del sabato.. sempre e solo non oltre le 17.30. Infine, quando il calo fisiologico estivo doveva essere ormai superato ecco che persino in settimana la chiusura aziendale è passata dalle 22.30 alle 20.

A vederlo da fuori, pareva che l'Azienda avesse finalmente pensato al benessere dei propri lavoratori, invece, facendo passare tali manovre come gentili concessioni, queste pratiche nascondevano il puro e semplice risparmio. "un lavoratore somministrato" costa meno di un dipendente e posso mandarlo a casa quando non ne ho bisogno. A marzo 2018 poi, dopo varie assemblee in cui le Rsu hanno più volte assicurato che non vi era nessun problema occupazionale ecco l'amara sorpresa: apertura di FIS (Fondo di Integrazione Salariale) per 363 dipendenti.

I dipendenti della commessa Tim, che dopo anni di soprusi, sono stati obbligati persino ad utilizzare in maniera coatta le proprie Ferie e i propri permessi, si sono ritrovati persino sotto ammortizzatori sociali. Nelle assemblee successive è stato detto tutto il contrario di tutto, c'era stato assicurato l'utilizzo degli ammortizzatori al 50% ed è stato firmato un accordo che prevede l'utilizzo del Fis fino a 0 ore. E ci hanno rassicurati che l'Azienda aveva tutto l'interesse di far arrivare nuovo lavoro, non prima delle 8 settimane però.

Ci hanno tranquillizzati e rassicurati, quando invece.. erano mesi che campanelli d'allarme eccheggiavano per tutta la sede eporediese. Avremmo dovuto dare una risposta forte SUBITO, avremmo dovuto scioperare giorni interi e riversarci in strada, avremmo dovuto confrontarci ed essere uniti. Guidati da un sindacato forte e leale. Siamo stati in balia della tempesta. Ora, che il premio di risultato nemmeno quest'anno verrà erogato, che verranno chiuse due sedi italiane (Pozzuoli e Padova) con conseguente licenziamento in massa dei Lavoratori, ci hanno chiesto di scioperare.. 1 ora. 35% di adesione.. una disfatta.

I miei colleghi, non credono più in questo sindacato, non credono più nelle rassicurazioni, vogliono e pretendono una strategia, vogliono essere resi partecipi delle scelte, prima che tutto venga deciso. Anch'io non credo più in questo sindacato, ma credo nel valore dello sciopero, credo nella lealtà e nella giustizia. Credo alle persone, quelle vere. Non è perchè questa RSU è stata votata, che hanno il diritto di prendere decisioni sulla nostra vita lavorativa senza renderci partecipi. Sono stati votati per sedersi ai tavoli aziendali, come nostri rappresentanti, e come tali dovrebbero riportarci ciò che viene detto, ma le decisioni sulle modalità e le scelte da prendere devono sempre essere condivise dai lavoratori.

Che vanno ascoltati! Il 2 luglio 2018 scadono le 13 settimane di Fis richieste dall'azienda, nulla le vieta di rinnovare la richiesta per altre 13 settimane e dichiarare successivamente esuberi. Magari non per tutti e 363. Di fronte a questo scenario surreale, non mi arrendo e non combatto.. mi avvalgo di potenti strumenti quali il pensiero, la parola e il diritto allo sciopero».

Una lavoratrice Comdata Ivrea in FIS

Politica
CANAVESE - Confindustria Canavese e Uncem lanciano un appello ai candidati all'Europarlamento
CANAVESE - Confindustria Canavese e Uncem lanciano un appello ai candidati all
«Le aree montane sono la spina dorsale dell'Europa: meritano una politica forte che le sostenga»
MAPPANO - Lavori in via Don Murialdo con i 70mila euro statali
MAPPANO - Lavori in via Don Murialdo con i 70mila euro statali
I lavori, da un punto di vista tecnico, sono già iniziati ma entreranno nel vivo all'indomani della chiusura dell'anno scolastico
ELEZIONI RIVAROLO - La Lega lancia la volata per palazzo Lomellini: ecco la lista di Roberto Bonome - FOTO
ELEZIONI RIVAROLO - La Lega lancia la volata per palazzo Lomellini: ecco la lista di Roberto Bonome - FOTO
Quella del carroccio è l'unica lista che si presenta, alle amministrative di Rivarolo, con il simbolo di partito. Scelta chiara, supportata dalla volontà di intercettare l'elettorato che voterà la Lega anche alle Europee e alle Regionali
LEINI - Inaugurata la «Libreria della legalità» alle elementari
LEINI - Inaugurata la «Libreria della legalità» alle elementari
A beneficiare della libreria saranno le classi quarte e quinte che saranno chiamate ad utilizzare il metodo del book crossing
COSSANO - Dodicesima edizione del Premio Cultura Giulia Avetta
COSSANO - Dodicesima edizione del Premio Cultura Giulia Avetta
Lo promuove anche quest'anno l'organizzazione di Volontariato «Frammenti di Storia al Femminile» che è attiva del 1998
PRASCORSANO - Una panchina rossa contro la violenza sulle donne
PRASCORSANO - Una panchina rossa contro la violenza sulle donne
«Se pensate che quella panchina rossa sia un pugno in un occhio, sappiate che il suo significato, è proprio l'opposto...»
CANAVESE - In quattro Comuni arriva la rete wifi con internet gratis
CANAVESE - In quattro Comuni arriva la rete wifi con internet gratis
Secondo bando «Wifi4Eu» che assegna ad ogni Comuni vincitore 15.000 euro per l'installazione di reti wifi gratuite
CHIVASSO - Arrivano i soldi per la bonifica delle discariche
CHIVASSO - Arrivano i soldi per la bonifica delle discariche
Sbloccati i fondi Cipe, 1,5 milioni di euro, per la bonifica e la messa in sicurezza della discarica in frazione Pogliani
CANAVESE - Contributi a otto Comuni per facilitare la fruizione dei parchi gioco ai bambini disabili
CANAVESE - Contributi a otto Comuni per facilitare la fruizione dei parchi gioco ai bambini disabili
I progetti finanziati sono quelli giudicati ammissibili dalla Regione sulla base del bando emesso nei mesi scorsi, che stanziava complessivamente 625.000 euro a copertura della metà delle risorse necessarie per effettuare ogni intervento
CASELLE - Elisabetta Oliveri è la nuova presidente della Sagat
CASELLE - Elisabetta Oliveri è la nuova presidente della Sagat
Il Consiglio ha infine rinnovato la fiducia all’Amministratore Delegato Andrea Andorno, in carica dal 24 gennaio 2019
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore