IVREA - Sfogo di una lavoratrice: «I sindacati non sono credibili»

| Riceviamo e pubblichiamo una lettera che ci ha inviato una lavoratrice di Comdata a Ivrea sulla delicata situazione aziendale

+ Miei preferiti
IVREA - Sfogo di una lavoratrice: «I sindacati non sono credibili»
Riceviamo e pubblichiamo questa lettera che ci ha inviato una lavoratrice di Comdata a Ivrea.

«Sono una lavoratrice Comdata Ivrea, venerdì 4 maggio ho aderito allo sciopero di un'ora indetto dalla Rsu (Cgil - Cisl - Uil), ho partecipato perchè credo nello sciopero in quanto strumento utilizzabile dai lavoratori per la tutela di comuni interessi e diritti di carattere politico o sindacale. Il diritto di sciopero è sancito dall’articolo 40 della Costituzione, non è uno strumento da utilizzare con sufficienza.

In Comdata Ivrea siamo in molti, poco più di 1000, tutti -o quasi- con un contratto TLC. Alcuni di noi hanno un contratto full time (40 ore lavorative la settimana) altri part time orizzontale o verticale. Molti, hanno accordi ad personam che possono essere stati regolamentati per iscritto o verbalmente, questo sempre a discrezione aziendale. Da quando c'è stata la crescita esponenziale del reparto 187 di Tim già diversi anni or sono, il clima, la scarsa o mancata formazione, gli orari inconciliabili con la vita fuori dall'ufficio hanno sempre scaturito grosse polemiche che spesso sono finite su diverse testate giornalistiche locali e non.

Nel giugno 2017 la commessa è stata impattata da diversi cali di volumi, soprattutto nel fine settimana, tali da far decidere all'Azienda di chiudere le domeniche ai dipendenti (facendo lavorare solo i lavoratori somministrati con turni disumani, e le sedi Rumene). Poi è stata la volta del sabato.. sempre e solo non oltre le 17.30. Infine, quando il calo fisiologico estivo doveva essere ormai superato ecco che persino in settimana la chiusura aziendale è passata dalle 22.30 alle 20.

A vederlo da fuori, pareva che l'Azienda avesse finalmente pensato al benessere dei propri lavoratori, invece, facendo passare tali manovre come gentili concessioni, queste pratiche nascondevano il puro e semplice risparmio. "un lavoratore somministrato" costa meno di un dipendente e posso mandarlo a casa quando non ne ho bisogno. A marzo 2018 poi, dopo varie assemblee in cui le Rsu hanno più volte assicurato che non vi era nessun problema occupazionale ecco l'amara sorpresa: apertura di FIS (Fondo di Integrazione Salariale) per 363 dipendenti.

I dipendenti della commessa Tim, che dopo anni di soprusi, sono stati obbligati persino ad utilizzare in maniera coatta le proprie Ferie e i propri permessi, si sono ritrovati persino sotto ammortizzatori sociali. Nelle assemblee successive è stato detto tutto il contrario di tutto, c'era stato assicurato l'utilizzo degli ammortizzatori al 50% ed è stato firmato un accordo che prevede l'utilizzo del Fis fino a 0 ore. E ci hanno rassicurati che l'Azienda aveva tutto l'interesse di far arrivare nuovo lavoro, non prima delle 8 settimane però.

Ci hanno tranquillizzati e rassicurati, quando invece.. erano mesi che campanelli d'allarme eccheggiavano per tutta la sede eporediese. Avremmo dovuto dare una risposta forte SUBITO, avremmo dovuto scioperare giorni interi e riversarci in strada, avremmo dovuto confrontarci ed essere uniti. Guidati da un sindacato forte e leale. Siamo stati in balia della tempesta. Ora, che il premio di risultato nemmeno quest'anno verrà erogato, che verranno chiuse due sedi italiane (Pozzuoli e Padova) con conseguente licenziamento in massa dei Lavoratori, ci hanno chiesto di scioperare.. 1 ora. 35% di adesione.. una disfatta.

I miei colleghi, non credono più in questo sindacato, non credono più nelle rassicurazioni, vogliono e pretendono una strategia, vogliono essere resi partecipi delle scelte, prima che tutto venga deciso. Anch'io non credo più in questo sindacato, ma credo nel valore dello sciopero, credo nella lealtà e nella giustizia. Credo alle persone, quelle vere. Non è perchè questa RSU è stata votata, che hanno il diritto di prendere decisioni sulla nostra vita lavorativa senza renderci partecipi. Sono stati votati per sedersi ai tavoli aziendali, come nostri rappresentanti, e come tali dovrebbero riportarci ciò che viene detto, ma le decisioni sulle modalità e le scelte da prendere devono sempre essere condivise dai lavoratori.

Che vanno ascoltati! Il 2 luglio 2018 scadono le 13 settimane di Fis richieste dall'azienda, nulla le vieta di rinnovare la richiesta per altre 13 settimane e dichiarare successivamente esuberi. Magari non per tutti e 363. Di fronte a questo scenario surreale, non mi arrendo e non combatto.. mi avvalgo di potenti strumenti quali il pensiero, la parola e il diritto allo sciopero».

Una lavoratrice Comdata Ivrea in FIS

Politica
RIVAROLO - Addio area Vallesusa: diventerà deposito del cippato?
RIVAROLO - Addio area Vallesusa: diventerà deposito del cippato?
Rivarolo resta senza teatro e senza area expo. Cambio di sede anche per il Vespa Club e la Galleria della locomozione storica
CUORGNE' - Il progetto della scuola Cena supera l'esame della Regione
CUORGNE
Pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte del 9 agosto la graduatoria relativa agli interventi di messa in sicurezza degli edifici scolastici
CANAVESE - L'Uncem: «Su lupi e ungulati stiamo dalla parte degli allevatori»
CANAVESE - L
«Uncem da sempre sta dalla parte degli allevatori, delle imprese agricole, di chi svolge un ruolo attivo nelle aree montane»
PONTE PRETI - 6000 firme raccolte per chiedere interventi urgenti
PONTE PRETI - 6000 firme raccolte per chiedere interventi urgenti
Bozzello alla carica: promosso un incontro pubblico a Castellamonte sulla situazione del ponte il prossimo otto settembre
PONTE PRETI - «La manutenzione del ponte con i pedaggi della Torino-Aosta»
PONTE PRETI - «La manutenzione del ponte con i pedaggi della Torino-Aosta»
Proposta dell'Uncem per garantire maggiori opere di manutenzione su alcuni assi viari molto trafficati
LEINI - Polemica sulla ristrutturazione della scuola Anna Frank
LEINI - Polemica sulla ristrutturazione della scuola Anna Frank
«I locali non potevano essere utilizzati perché privi di tutta la documentazione necessaria» ha fatto presente il consigliere Pittalis
FELETTO - Settimana decisiva per salvare la stazione ferroviaria
FELETTO - Settimana decisiva per salvare la stazione ferroviaria
Il comitato «No alla chiusura della stazione ferroviaria di Feletto» continua nella sua battaglia per evitare la soppressione
CHIVASSO - Il 31 agosto chiuderà per sempre la discarica dei Pogliani
CHIVASSO - Il 31 agosto chiuderà per sempre la discarica dei Pogliani
«Finalmente riusciamo a vedere un po' di luce, ma non la fine, al fondo del tunnel», dice il sindaco chivassese Castello
PONTE PRETI - La Città metropolitana assicura: «300 mila euro per la sicurezza»
PONTE PRETI - La Città metropolitana assicura: «300 mila euro per la sicurezza»
«Il ponte Preti è una struttura ben diversa dal ponte dell'autostrada A10 crollato a Genova ed è una struttura monitorata in continuo dal nostro servizio Viabilità»
PONTE PRETI - Il ponte è pericoloso? Bozzello: «Fermiamo subito i camion»
PONTE PRETI - Il ponte è pericoloso? Bozzello: «Fermiamo subito i camion»
Dopo il crollo del viadotto Morandi a Genova, anche in Canavese si sono moltiplicate le segnalazioni di ponti «problematici» perchè vecchi e (forse) alle prese con una scarsa manutenzione
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore