IVREA - Striscione sulla sede di Comdata contro i sindacati: dura reazione di Rifondazione Comunista

| Uno striscione dal testo piuttosto pesante contro i sindacati č stato affisso l'altra sera dal gruppo «Rebel Firm» di Ivrea. Oggi č arrivata la risposta del circolo di Rifondazione. Lo striscione ha coperto la scritta «Olivetti»

+ Miei preferiti
IVREA - Striscione sulla sede di Comdata contro i sindacati: dura reazione di Rifondazione Comunista
Uno striscione dal testo piuttosto pesante contro i sindacati è stato affisso l'altra sera dal gruppo «Rebel Firm» di Ivrea sulla sede di Comdata a Palazzo Uffici. «La situazione di sfruttamento dei lavoratori precari prosegue ormai da troppi anni nel più totale silenzio di istituzioni locali e di sindacati rossi - dicono dal gruppo di destra - i quali si rivelano incapaci di intraprendere lotte per la giustizia e per i diritti dei lavoratori, tradendo in questo modo questi ultimi. La lotta al precariato deve essere portata avanti in maniera radicale, senza compromessi, e soprattutto senza il bisogno che uno scandalo lavorativo finisca agli onori delle cronache su reti nazionali».

Il riferimento va al servizio andato in onda su RaiTre a firma della trasmissione tv Report che ha nuovamente acceso i riflettori sulle condizioni di lavoro all'interno dell'azienda. Contro l'iniziativa di Rebel Firm (foto sotto tratta da Facebook) è arrivata oggi la risposta del circolo di Rifondazione Comunista di Ivrea e del Canavese.

«Ancora una volta Ivrea è teatro di incursioni di organizzazioni di ispirazione neofascista che sfruttano i diversi malcontenti indirizzando generiche accuse verso precisi obiettivi tipici bersagli di queste formazioni (immigrati, antifascisti, sindacati, istituzioni democratiche). Dopo il triste episodio delle ronde di Casa Pound alla Fiorana, sono stati presi di mira il Movicentro, con un’ispezione della stessa organizzazione e la sede di Comdata Ivrea a Palazzo Uffici, con l’esposizione di uno striscione firmato Rebel Firm, gruppo neofascista eporediese già noto in Città nelle recenti cronache estive e al centro di una vivace polemica per un incontro pubblico con una esponente istituzionale eporediese a settembre che ha dato loro una visibilità altrimenti insperata.

E’ questo ultimo episodio e la rivendicazione conseguente che tradisce ed evidenzia la profonda e radicata natura fascista di queste iniziative, infatti nel testo vengono additati come “principali responsabili” della situazione di Comdata, le “istituzioni locali e i sindacati rossi”. Ora, non siamo certo qui per difendere chicchessia, ma riteniamo che le principali responsabilità siano da ricercare in primis nella gestione aziendale e ancor più di un sistema di sfruttamento diffuso in tutto quel settore, praticato utilizzando leggi e normative che sono state prodotte e applicate negli ultimi vent’anni. Non a caso, tutti elementi passati molto in sordina nell’azione di denuncia degli attivisti di Rebel Firm, ricordando così chi che nel buio ventennio di regime fascista, veniva pagato dai “padroni” per intervenire coi manganelli contro i lavoratori che osavano organizzarsi e scioperare».

Per Rifondazione è «penoso e di nessuna utilità per le lavoratrici e i lavoratori, speculare politicamente su queste situazioni, vissute ogni giorno sulla pelle di uomini e donne che lavorano in quelle condizioni. Ben vengano le denunce mediatiche di Report, se possono essere di supporto alle Parti Sociali (di qualsiasi colore). Chiediamo infine alle forze di vigilanza preposte un maggiore controllo democratico del territorio. Vigilanza aziendale sempre tempestiva a chiedere alle forze sindacali di togliere le bandiere, ma che ha lasciato tranquillamente installare uno striscione sulla facciata di Palazzo Uffici a coprire la scritta Olivetti».

Galleria fotografica
IVREA - Striscione sulla sede di Comdata contro i sindacati: dura reazione di Rifondazione Comunista - immagine 1
Politica
CASTELLAMONTE - La maggioranza di Mazza perde i pezzi
CASTELLAMONTE - La maggioranza di Mazza perde i pezzi
Andrea Ertola e Marialuisa Villirillo stamattina hanno rimesso gli incarichi ma resteranno comunque in consiglio comunale
VOLPIANO - Migranti, arriva lo spettacolo del Teatro Regio di Torino
VOLPIANO - Migranti, arriva lo spettacolo del Teatro Regio di Torino
Italiani, popolo migrante: un fenomeno che in un secolo, dal 1876 al 1976, assunse la forma di un vero e proprio esodo
BORGARO - Sciopero dei vigili: la lettera del comandante Linarello
BORGARO - Sciopero dei vigili: la lettera del comandante Linarello
«Non mi era mai capitato di vedere il mancato coinvolgimento, nemmeno informativo, delle confederazioni sindacali»
CUORGNE' - Pieno successo per la «Fiera di San Martino» - FOTO
CUORGNE
Buona affluenza di pubblico. In piazza circa 60 bovini, 20 pony, Lama ed asinelli, vera attrazione per i tanti bambini
IVREA - Raccolta di generi alimentari: «Ma solo per le famiglie italiane»
IVREA - Raccolta di generi alimentari: «Ma solo per le famiglie italiane»
Iniziativa di Casapound: «Il risultato č stato molto buono, gli eporediesi si sono dimostrati generosi e solidali»
CHIVASSO - A Castelrosso il Monumento ai Caduti senza Croce
CHIVASSO - A Castelrosso il Monumento ai Caduti senza Croce
L'opera č stata inaugurata lo scorso 11 novembre alla presenza delle Autoritą Civili e Militari della cittą di Chivasso
IVREA - Torna anche quest'anno la «Festa dell'Albero»
IVREA - Torna anche quest
Si svolgerą ad Ivrea, nel Parco del lago di Cittą, il 20 novembre e sarą dedicata all'accoglienza e alla solidarietą
MONTANARO - Nuovi fondi stanziati dal Comune per l'asilo nido
MONTANARO - Nuovi fondi stanziati dal Comune per l
All'attenzione del consiglio comunale il nuovo asilo, la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti nelle manifestazioni culturali
AGLIČ - «Improvvisata» del sindaco alla mensa delle scuole
AGLIČ - «Improvvisata» del sindaco alla mensa delle scuole
Dopo alcune lamentele delle mamme delle scuole primarie, arriva la risposta dell'amministrazione comunale di Aglič
CANAVESE - 125mila euro dal Ministero dell'Interno per le telecamere a Rivara, Locana, Burolo e Strambinello
CANAVESE - 125mila euro dal Ministero dell
Sono i quattro Comuni del Canavese che riceveranno dal Ministero dell'Interno un cospicuo contributo per installare nuove telecamere di videosorveglianza in paese. Fanno parte dei 2426 Comuni che hanno chiesto aiuto a Roma
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore